Articoli

8 idee geniali per fare lavorare la registrazione webinar al posto tuo

Questo titolo ha attratto anche te, vero?

Mi è capitato sott’occhio qualche giorno fa nel blog di GoToMeeting. Ho subito aperto l’articolo e indovina cos’ho trovato? Informazioni d’oro. Ho deciso anche questa volta di tradurle e pubblicarle proprio qui nelle prossime righe.

Ma prima di scrollare la pagina e continuare la lettura devi munirti di foglio e penna (anche digitali, certo!). Crea una struttura di 8 punti, come se fosse una check-list.

Fatto? Ora sei pronto per andare avanti e segnarti ogni appunto step by step. E se ti viene qualche domanda non preoccuparti: potrai scriverla nei commenti e ti risponderò al più presto!

Registrazione webinar: come usarla

Hai fatto un ottimo webinar e ne sei orgoglioso. Poi ti chiedi “e ora?”.

Visto che sei furbo, sai che lasciare la registrazione del tuo webinar in un archivio dimenticato è una cattiva idea. Ma cosa potresti farci?

Visto che hai speso tempo ed energie per organizzare e registrare il tuo webinar, è stupido pensare che tutti i tuoi sforzi sono svaniti quando hai chiuso l’aula virtuale del tuo evento online.

Qui ci sono otto modi per usare la registrazione webinar per avere un ritorno di qualsiasi tipo.

#1 Edita la tua registrazione webinar

Prima di tutto edita la registrazione del tuo webinar. Scarica la registrazione webinar e taglia quello che non vuoi sia presente nella versione finale, come l’introduzione, gli errori, tangenti inutili, etc. In poche parole, devi creare il tuo webinar esattamente come lo vuoi.

#2 Condividila

Manda il link della registrazione webinar agli iscritti al tuo evento entro 24 ore dalla live.  Questo fa in modo che il tuo evento venga ricordato e in più dai l’opportunità di guardare il webinar agli iscritti che non hanno partecipato.

#3 Inserisci la registrazione webinar nella pagina del tuo Canale

Quando usi GoToWebinar puoi impostare un upload automatico della registrazione webinar sulla pagina del tuo canale. Tu puoi condividere il tuo webinar con un link. E scegli se rendere la registrazione webinar pubblica o privata. Questo è un buon modo per condividere i tuoi eventi online e fornire alla tua audience un modo semplice per scoprire di più sui tuoi contenuti.

#4 Rendi pubblica la registrazione webinar

GoToStage è un buon modo per far conoscere il tuo webinar ad un pubblico nuovo. Una volta che hai editato il tuo webinar, pubblicalo su GoToStage e vedrai come cresceranno le views (e i lead). La tua nuova audience potrà trovare i tuoi webinar tramite la ricerca o sfogliando GoToStage per cercare gli argomenti di proprio interesse.

#5 Promuovi la registrazione webinar

Hai sponsorizzato il tuo webinar, quindi perchè non promuovere anche la versione on-demand? Utilizza i social media, le e-mail e il tuo sito web per promuovere la tua registrazione webinar ad un pubblico nuovo.

Tu puoi attirare nuovi lead con la creazione di una landing page e gestendo la tua registrazione. Questo è uno dei modi più facili per ottenere più valore dal tuo webinar.

#6 Riutilizzala

Dividi la registrazione in più parti e crea dei video brevi che puoi condividere facilmente sui social, sul blog, sulle landing page e in qualsiasi altro posto. Ad esempio, Vidyard consiglia di mettere le parti di registrazione in pagine di iscrizioni pertinenti per aumentare le conversioni.

#7 Crea una serie

Sfrutta la tua registrazione webinar più a lungo possibile creando una serie o un corso. Raggruppa i webinar correlati o dividi un webinar e crea delle “puntate”. Puoi condividere la serie sul tuo blog, puoi consentire alle persone di iscriversi alla serie o puoi usarla in una campagna di nurturing.

#8 Studia!

Usa la registrazione del tuo webinar per migliorare i tuoi eventi online futuri. Guardala e appuntati cosa puoi migliorare nel tuo prossimo webinar. So che a volte è fastidioso guardare la registrazione di se stessi, ma questo è uno dei modi migliori per migliorare le tue doti di presentatore.

Le registrazioni dei webinar non sono state pensate per prendere polvere: dovrebbero essere alcuni dei tuoi beni più preziosi. Con poca fatica puoi raggiungere un pubblico più ampio e creare contenuti davvero originali. Mentre progetti il tuo prossimo webinar ricordati di pensare anche ad una strategia per utilizzare la registrazione.

(Puoi trovare l’articolo originale “8 Genius Ideas to Make Your Webinar Recording Work for You” QUI).

Social che? Social Learning!

“Quando la conoscenza entra a far parte di una rete, la persona più intelligente della stanza non è la persona che tiene la lezione davanti a noi, né è la saggezza collettiva delle persone presenti.  La persona più intelligente nella stanza è la stanza stessa: la rete che unisce persone e idee presenti, e le collega con quelle all’esterno.  Il nostro compito è imparare a costruire stanze intelligenti soprattutto perché, se fatte male, le reti possono renderci penosamente più stupidi. (David Weinberger)

Ha senso parlare di formazione senza considerare l’ambiente sociale dentro cui siamo immersi? 

Ti ho già parlato di cosa sia la Formazione a Distanza (FaD) e dei vantaggi che ricopre per la diffusione di contenuti asincroni. Hai letto i suoi punti di forza e debolezza e passato in rassegna cosa può rendere un progetto di questo tipo un incredibile successo o un totale disastro.

Oggi voglio approfondire l’argomento parlandoti di Social Learning.

social learning

 

Il Social Learning è una teoria dello psicologo Albert Bandura secondo cui la formazione è un processo che può avere luogo solo all’interno di un contesto sociale attraverso l’osservazione e l’istruzione diretta. L’apprendimento è, quindi, condiviso e basato sull’interazione dei membri.

Sai perché dimentichiamo le informazioni che memorizziamo?

Il cervello ha la tendenza a distruggere la grande maggioranza delle informazioni che cerchiamo di immagazzinare.  Questo processo si chiama “curva dell’oblio” e funziona esattamente come il risparmio energetico che impostiamo per salvaguardare la batteria del nostro smartphone.  

Il nostro cervello lo fa in automatico e ci fa ricordare circa il 10% delle informazioni apprese. Ma come, solo il 10%?! Esattamente!

La buona notizia è che il Social Learning può aiutarci a fare impennare questa percentuale portandola fino al 70%. La modalità più efficace per apprendere e memorizzare sempre sia quella di imparare dagli altri, riproducendo quel che vediamo fare all’interno di un contesto sociale.

Ma da cosa è caratterizzato il nostro contesto sociale?

Dal gruppo al network (social)

Oggi attraverso i social media raccontiamo storie, ci connettiamo da diversi luoghi (casa, lavoro, mezzi di trasporto ecc.) e con diverse audience. A volte otteniamo opinioni, pareri o assistenza in caso di necessità. I confini fra informazione, comunicazione e azione sono diventati sempre più sfumati e la creazione di contenuti, il posting e l’upload sono diventate attività sociali quotidiane.

L’ambiente familiare e quello professionale sono sempre più interconnessi sia per le molteplici relazioni attivate della reti di contatti che si fondono, sia dalla qualità e dal contenuto delle informazioni che scegliamo di ricevere sui nostri social network preferiti.

Passiamo al Social Learning Digitale

È il contesto sociale all’interno del quale dobbiamo sviluppare il nostro progetto di formazione, di business, di marketing, di branding positioning. Il contesto di cui tenere conto nel momento in cui parliamo di progetto e-learning e vogliamo strutturarlo in maniera davvero efficace.  

Il Social Learning Digitale riporta l’attenzione non soltanto sull’individuo, ma anche sulla tipologia di azioni quotidiane che svolgiamo e che sono diventate talmente di uso comune da non poter esser dimenticate nella creazione del nostro progetto.

Lo strumento è solo uno dei fattori.

Con le mie parole voglio stimolare il tuo interesse verso nuovi modi di vedere lo scambio di informazioni, la comunicazione digitale, la diffusione di contenuti, la promozione del tuo business.

La miglior comunicazione che posso attuare è quella di pensare a te, alle tue domande ed esigenze.

Per trovare l’argomento migliore per il prossimo blog post e per raccontartelo nel miglior modo possibile, sto considerando, quindi il tuo contesto sociale. Sto usando il tuo linguaggio. Sto applicando il Social Learning.

Questo è quello che dobbiamo tenere sempre a mente quando parliamo di apprendimento a distanza e di ambienti di apprendimento. Per ambire a quel famoso 70% di cui ti ho parlato all’inizio dell’articolo.

Cosa succede quando si attiva un processo di apprendimento sociale digital?

In breve possiamo riassumere che:

  • Si condividono idee e conoscenze
  • Si apprende meglio quando c’è più diversità all’interno del network
  • Si alimentano ingaggio e fiducia
  • Si incoraggia lo sviluppo di peer review e peer mentoring
  • Si aumenta il livello di motivazione
  • Si facilita il senso di appartenenza e la costruzione di significati comuni

Inutile sottolineare ulteriormente quanto tutto questo abbia valore sia nella formazione “classica” che all’interno di un’organizzazione aziendale. La differenza non la fa la tecnologia, ma come questa viene organizzata, strutturata, assemblata come facilitatore nel passaggio delle informazioni.

WebinarPro – Parlano di noi!

In occasione dell’uscita del libro, gli amici di B2Corporate.com, una community attivissima su tutto ciò che è innovazione, network e comunicazione in ambito corporate e business, hanno letto il nostro libro Webinar Professionali e ne hanno scritto una lusinghiera e splendida recensione.

b2corporate - webinarNel loro articolo Content Marketing: il webinar professionale pongono l’accento su un elemento spesso troppo sottovalutato: il Webinar è un vero e proprio strumento di Content Marketing, forse il più potente insieme all’uso dei Blog, dei siti e dei Social Network.  Non è un caso che anche Ann Handley nel suo libro Content Marketing. Fare business con i contenuti per il web annoveri il Webinar tra uno degli strumenti più efficaci per questo tipo di comunicazione.

Un altro elemento che gli amici di B2Corporate hanno colto esattamente è il focus dell’intera attività di pianificazione: Obiettivi del Webinar, tipologia di Audience che ci poniamo come target e opzioni di diverso tipo: strumenti, condivisioni, piattaforme, ecc.

Insomma, abbiamo una prima testimonianza di lettura attenta e ben applicata del nostro libro!

E tu? Se hai acquistato il libro, materializzati, fatti vivo, fai sentire la tua voce e raccontaci che ne pensi! Siamo qui per questo!