Articoli

Social che? Social Learning!

“Quando la conoscenza entra a far parte di una rete, la persona più intelligente della stanza non è la persona che tiene la lezione davanti a noi, né è la saggezza collettiva delle persone presenti.  La persona più intelligente nella stanza è la stanza stessa: la rete che unisce persone e idee presenti, e le collega con quelle all’esterno.  Il nostro compito è imparare a costruire stanze intelligenti soprattutto perché, se fatte male, le reti possono renderci penosamente più stupidi. (David Weinberger)

Ha senso parlare di formazione senza considerare l’ambiente sociale dentro cui siamo immersi? 

Ti ho già parlato di cosa sia la Formazione a Distanza (FaD) e dei vantaggi che ricopre per la diffusione di contenuti asincroni. Hai letto i suoi punti di forza e debolezza e passato in rassegna cosa può rendere un progetto di questo tipo un incredibile successo o un totale disastro.

Oggi voglio approfondire l’argomento parlandoti di Social Learning.

social learning

 

Il Social Learning è una teoria dello psicologo Albert Bandura secondo cui la formazione è un processo che può avere luogo solo all’interno di un contesto sociale attraverso l’osservazione e l’istruzione diretta. L’apprendimento è, quindi, condiviso e basato sull’interazione dei membri.

Sai perché dimentichiamo le informazioni che memorizziamo?

Il cervello ha la tendenza a distruggere la grande maggioranza delle informazioni che cerchiamo di immagazzinare.  Questo processo si chiama “curva dell’oblio” e funziona esattamente come il risparmio energetico che impostiamo per salvaguardare la batteria del nostro smartphone.  

Il nostro cervello lo fa in automatico e ci fa ricordare circa il 10% delle informazioni apprese. Ma come, solo il 10%?! Esattamente!

La buona notizia è che il Social Learning può aiutarci a fare impennare questa percentuale portandola fino al 70%. La modalità più efficace per apprendere e memorizzare sempre sia quella di imparare dagli altri, riproducendo quel che vediamo fare all’interno di un contesto sociale.

Ma da cosa è caratterizzato il nostro contesto sociale?

Dal gruppo al network (social)

Oggi attraverso i social media raccontiamo storie, ci connettiamo da diversi luoghi (casa, lavoro, mezzi di trasporto ecc.) e con diverse audience. A volte otteniamo opinioni, pareri o assistenza in caso di necessità. I confini fra informazione, comunicazione e azione sono diventati sempre più sfumati e la creazione di contenuti, il posting e l’upload sono diventate attività sociali quotidiane.

L’ambiente familiare e quello professionale sono sempre più interconnessi sia per le molteplici relazioni attivate della reti di contatti che si fondono, sia dalla qualità e dal contenuto delle informazioni che scegliamo di ricevere sui nostri social network preferiti.

Passiamo al Social Learning Digitale

È il contesto sociale all’interno del quale dobbiamo sviluppare il nostro progetto di formazione, di business, di marketing, di branding positioning. Il contesto di cui tenere conto nel momento in cui parliamo di progetto e-learning e vogliamo strutturarlo in maniera davvero efficace.  

Il Social Learning Digitale riporta l’attenzione non soltanto sull’individuo, ma anche sulla tipologia di azioni quotidiane che svolgiamo e che sono diventate talmente di uso comune da non poter esser dimenticate nella creazione del nostro progetto.

Lo strumento è solo uno dei fattori.

Con le mie parole voglio stimolare il tuo interesse verso nuovi modi di vedere lo scambio di informazioni, la comunicazione digitale, la diffusione di contenuti, la promozione del tuo business.

La miglior comunicazione che posso attuare è quella di pensare a te, alle tue domande ed esigenze.

Per trovare l’argomento migliore per il prossimo blog post e per raccontartelo nel miglior modo possibile, sto considerando, quindi il tuo contesto sociale. Sto usando il tuo linguaggio. Sto applicando il Social Learning.

Questo è quello che dobbiamo tenere sempre a mente quando parliamo di apprendimento a distanza e di ambienti di apprendimento. Per ambire a quel famoso 70% di cui ti ho parlato all’inizio dell’articolo.

Cosa succede quando si attiva un processo di apprendimento sociale digital?

In breve possiamo riassumere che:

  • Si condividono idee e conoscenze
  • Si apprende meglio quando c’è più diversità all’interno del network
  • Si alimentano ingaggio e fiducia
  • Si incoraggia lo sviluppo di peer review e peer mentoring
  • Si aumenta il livello di motivazione
  • Si facilita il senso di appartenenza e la costruzione di significati comuni

Inutile sottolineare ulteriormente quanto tutto questo abbia valore sia nella formazione “classica” che all’interno di un’organizzazione aziendale. La differenza non la fa la tecnologia, ma come questa viene organizzata, strutturata, assemblata come facilitatore nel passaggio delle informazioni.

Eventi online. Social live streaming o webinar?

I social sono uno spasso!

Rimani in contatto e interagisci con tutti, da ovunque. Con amici, colleghi, parenti e anche clienti. Se non sei in metro, magari sei a casa, sul divano, in ufficio o in vacanza. Insomma: basta avere uno smartphone e ti connetti con il mondo.

 

Per questo motivo sui social  trovi sempre più profili professionali. Aumenti la visibilità, parli con i clienti o con potenziali lead e ti fai pubblicità.

Fico!”, penserai. Esatto, però fai attenzione! Puntare sui social media per il business può essere una lama a doppio taglio. Le persone vivono i social come un rifugio, un luogo di spensieratezza e informalità. Parlare in gergo aziendale, pubblicare cataloghi, presentarsi come l’ennesimo leader del settore xyz non funziona. Devi impostare una comunicazione centrata sulle persone e sui social media. Come? Ti darò qualche idea.

 

Il punto fondamentale è dare contenuti di valore!

Chi non ha un profilo aziendale su Facebook, Instagram, Twitter? E chi più social ha più ne metta. Magari anche tu gestisci la tua attività attraverso un profilo sui social network. Quindi sai quale grande dispendio di tempo e di energie comporta: il piano editoriale, la creazione di contenuti, la gestione delle community online, la gestione delle academy e tutto il resto. Il punto fondamentale è dare contenuti di valore! In che modo?

  • Crea pdf, ebook e altri contenuti gratuiti
  • Arricchisci il tuo blog con contenuti veramente interessanti
  • Pubblica video-tutorial
  • Realizza eventi online

In questo articolo mi concentrerò sull’ultimo punto: gli eventi online.

 

L’evento online

Organizzare eventi online è molto utile per fidelizzare i clienti, ma anche per fare lead generation. Inoltre, sono un mezzo fondamentale per erogare contenuti di valore in community o academy online. Consentono di connettersi da qualunque dispositivo, ovunque sei.

Puoi scegliere due tipi di eventi online:

  • social live streaming
  • webinar

 

Social live streaming vs webinar

Per spiegarti la differenza tra social live streaming e webinar ti chiedo un po’ di immaginazione.

Chiudi gli occhi. Immagina di essere in un’aula immensa. Intorno a te ci sono persone ben vestite, composte ed educate. Di fronte, un relatore sta parlando su un palco, alle sue spalle un grande schermo con la proiezione delle slide. Questo è un webinar.

social live streaming

 

Ora immagina di essere a passeggio in una città. Fai finta di essere in una piazza, la più bella che ti viene in mente! All’improvviso, senti un forte baccano: un uomo si mette al centro della piazza e inizia a parlare con un megafono. La gente confusa e un po’ incuriosita si avvicina e lo fai anche tu. Intorno a te c’è chiunque: turisti che fotografano, bambini che urlano spaventati e giovani con lo smartphone che riprendono quello che sta succedendo. C’è chi ride, chi è sorpreso, chi è arrabbiato e chi adora la situazione. Ecco, questo è il social live streaming.

social live streaming

 

Quali sono le differenze principali fra social live streaming e webinar?

Social live streaming e webinar non si equivalgono. Andiamo più nel dettaglio.

Il social live streaming è indicato se

  • la situazione è informale
  • non devi interagire con gli utenti in tempo reale
  • non stai erogando contenuti importanti per il tuo business

Molte aziende o guru di settore decidono di fare social live streaming per fare brand awareness e per rimanere in contatto con potenziali lead. Nei social live streaming vince l’improvvisazione, la capacità di attirare subito l’attenzione in modo da fare spargere subito la voce. Non è un evento che puoi controllare: ognuno può partecipare, anche senza invito. Tutti possono commentare pubblicamente e difficilmente riuscirai a stare dietro ai commenti durante la live.

Il webinar, al contrario

  • è adatto a contesti strutturati
  • consente di interagire in tempo reale con gli uditori
  • è adatto per seminari e conferenze

I webinar sono più indicati per fare lead generation (se sei interessato all’argomento, puoi prendere spunto da queste infografiche), per fare formazione online e per la promozione di prodotti e servizi.

 

Le piattaforme

Per fare un social live streaming non hai bisogno di nessun piattaforma, di tools o di estensioni varie. Ti basta entrare sui social con il tuo profilo ed è fatta! Su Instagram, ad esempio, puoi farlo grazie alla impostazione sulle Stories. Su Facebook c’è l’opzione “video in diretta”.

Per i webinar è un po’ diverso. I webinar hanno bisogno di piattaforme apposite. E questa è la garanzia! Perchè:

  • è necessario avere i ruoli definiti (organizzatori, relatori/ospiti, uditori)
  • c’è bisogno di un controllo sui commenti e le domande che vengono poste dagli uditori. In poche parole, c’è bisogno di una regia. (Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla regia di WebinarPro)

Puoi trovare consigli su piattaforme e strumenti per i tuoi eventi online e informazioni sulle piattaforme citrix in questi nostri articoli.

 

Si possono fare webinar su Facebook?

Prima di rispondere a questa domanda, analizziamo la definizione di webinar.

Un webinar è un evento pubblico che avviene online, accessibile quindi da chi vi è stato invitato o ne possiede una chiave d’accesso e che è collegato via internet. Il webinar è un’occasione in cui più persone si ritrovano via internet, mediante una piattaforma o un software, nello stesso momento (modalità sincrona) per discutere di un certo argomento: chi presenta o conduce l’evento può usare diversi strumenti online, mostrando slide, filmati, confrontandosi in diretta con gli altri partecipanti, sia in forma scritta (tramite una chat) sia a voce (come se fosse una telefonata)

Webinar Professionali, Luca Vanin e Fabio Ballor

 

Quindi, se il tuo evento online su Facebook

  • è un evento sociale che raccoglie più persone
  • è sincrono, cioè le persone interagiscono in tempo reale attraverso il web
  • c’è un software
  • c’è uso di alcuni strumenti, quali slide, chat, canale audio e video.
  • c’è interazione tra i partecipanti che presentano, ricevono e discutono alcune informazioni.

allora la risposta è sì, puoi fare un webinar su Facebook. Sono molte le estensioni della piattaforma che ad oggi permettono di fare webinar su Facebook. Ci sono ad esempio vMix (che funziona anche su YouTube e Periscope) e BeLive (un broadcast specifico per Facebook).  È grazie a software come questi che puoi integrare le tue slide ed invitare interlocutori anche a distanza. Di solito i webinar su Facebook si realizzano in gruppi chiusi, pertanto un ulteriore passo che dovrai compiere usando queste estensioni è quello di scegliere la destinazione del tuo evento online.

 

L’articolo ti è piaciuto e vuoi approfondire il tema? Iscriviti al webinar gratuito di mercoledì 4 luglio alle ore 17!

 

VOGLIO ISCRIVERMI AL WEBINAR GRATUITO!