Articoli

Sempre più spesso nel mondo dello streaming web e non solo, leggiamo la parola NDI. NDI sta per network device interface e permette la distribuzione di contenuti video broadcast attraverso una infrastruttura IP a bassa latenza e frame rate stabile fino a risoluzione 4k.

tecnologia streaming

Uno standard royalty-free sviluppato da NewTek che si sta diffondendo in tantissime soluzioni e che ti permetterà di gestire un flusso video adatto ad essere mixato per i tuoi progetti di produzione video in streaming o per eventi meeting e webinar.

Quante volte hai pensato che sarebbe stato meglio trasmettere un video in un evento, non tramite la condivisione schermo o i sistemi proprietari di caricamento e condivisione video delle piattaforme, ma direttamente dalla tua webcam?

NDI ti permetterebbe di non avere limiti di spazio, durata e sicuramente con un frame rate migliore. Lavori con la tecnologia streaming e vorresti un modo pratico per catturare video e audio di una persona che stai intervistando? Con NDI puoi andare oltre la cattura schermo, complicati setting di mix audio o costose apparecchiature hardware di cattura video. O ancora, devi acquisire lo schermo e l’audio di un computer collegato alla tua rete locale? Anche questo possibile con NDI. Inoltre molte videocamere e device di ultima generazione ritrovano questo standard e ti permetteranno di acquisire il loro segnale audio video in modo semplice!

Questo articolo non si propone come guida tecnica, ma come primo sguardo alle possibilità pratiche che questa nuova tecnologia ti può dare. Imprescindibile comunque un approfondimento tecnico, partendo dalla documentazione ufficiale di NewTek che vi invitiamo a leggere qui.

Quali sono le piattaforme che permettono di catturare un segnali in NDI?

Al momento fra le principali abbiamo Skype e Microsoft Teams. Che possono essere perfette per catturare il segnale audio/video della persona con cui parlate e permettervi di montarlo tramite codificatori come OBS, Wirecast, VMix nelle vostre live streaming su social come facebook e youtube.

Ma come fare ad abilitare NDI su queste piattaforme? Non è una opzione attiva di default. Per abilitare la modalità per creatori di contenuti di Skype prima o durante una chiamata: seleziona l’immagine del profilo e quindi seleziona Impostazioni. Clicca poi su Chiamate e quindi seleziona Avanzate.

Attiva o Disattiva l’utilizzo di NDI. Per Microsoft Teams NDI®-out deve essere attivato per ogni singolo utente da un amministratore. Dopo aver attivato NDI®, sarà disponibile una nuova opzione in teams. Passa quindi all’immagine del profilo utente nell’angolo in alto a destra di teams e scegli Impostazioni. Quindi seleziona autorizzazioni e attiva l’opzione Attiva/Disattiva accanto a Network Device Interface (NDI). Una volta attiva quindi sulla piattaforma sui relativi codificatori dovrete scaricare gli add-on relativi ad NDI per permetterti di catturare il segnale audio e video nel caso non fossero presenti o cercarli fra le sorgenti native del software. Ti segnalo a questo link gli add-on per OBS.

Ma come fare se volessimo semplicemente mandare un video sulla nostra webcam di un webinar o di un meeting senza usare codificatori?

Se hai Windows ti basterà avere VLC e scaricare il pacchetto di software ndi da qui. Nel pacchetto troverete sia l’add-on per VLC che l’applicativo virtual imput. Una volta installato il pacchetto completo andate su preferenze di VLC (Ctrl+P) nelle opzioni di Audio e Video come output NDI e riavviate vlc. Ti basterà avviare l’applicativo Virtual Imput e sull’icona vicino all’orologio di windows selezionare il tuo pc e successivamente VLC. Andando ora nel tuo programma di webinar o meeting potrai selezionare come webcam NDI e come microfono NDI. Mettendo il video in play su VLC verrà riprodotto anche sul vostro webinar o meeting direttamente dalla webcam!

Ti invitiamo comunque a testare il tutto prima di farlo in live e attenzione ai filtri di riduzione del rumore ambientale che potrebbero, se non disattivati, creare dei problemi in parti di video con sola musica.

Con lo stesso procedimento, al posto di selezionare VLC, potrai selezionare una Telecamera o un device che trasmette in NDI sulla tua rete e trasmetterlo direttamente nel tuo evento! Queste sono solo alcune delle potenzialità che NDI permette di fare.

L’hai mai utilizzato? Ti interesserebbero approfondimenti su questo argomento?

Scrivilo giù nei commenti!

In questo articolo ti parlerò dei social webinar. Ti spiegherò cosa sono, come funzionano e come integrare questi eventi online nel tuo business.

social webinar

 

Intanto, ciao! È un piacere averti qui. Ci conosciamo di già? Se la risposta è sì, vuol dire che hai già letto i miei articoli “Eventi online. Social Live Streaming o webinar?” e “Webinar con Facebook Live. Pro e contro” e sai già di cosa stiamo parlando.

Se è invece è la prima volta che atterri su un mio articolo, benvenuto!

Negli articoli che ho appena citato mi sono soffermata su un tema in particolare: ho cercato di placare la diatriba fra webinar e live streaming, spiegando cosa sono questi eventi online e quando è il caso di utilizzarli. Ci siamo posti una domanda importante: è possibile fare webinar su Facebook? E la risposta che abbiamo dato è sì, se si usa un software esterno come BeLive o OBS Studio.

 

I webinar sui social media

Ma Facebook non è l’unico canale digital in cui poter fare i webinar. Puoi fare i webinar su qualsiasi canale social. È proprio da qui che questi webinar prendono il nome di social webinar!

Che sia su Facebook, Instagram, Twitter o YouTube le tue dirette live possono diventare veri e propri webinar social, se solo sai come fare!

Ma scommetto che ti è sorta una domanda: perchè dovrei fare un social webinar?

 

I social media streaming e i trend dei social media nel 2018

Nel titolo di questo paragrafo vedi la risposta. Fare live streaming social è uno dei trend del 2018. Vuol dire che lo fanno tutti. Attenzione però: non sto dicendo che devi fare una live perché va di moda e basta. Devi tenere d’occhio quello che fanno i tuoi competitor. Probabilmente loro usano già questo strumento. Allora perché rimanere indietro? Come puoi leggere in questo articolo le Dirette sui Social sono un must del 2018. L’importante è che tu sappia come farle e come integrarle nella tua strategia di marketing.

 

Perchè utilizzare i Social Webinar

Cosa differenzia i webinar dai social webinar? Quando è il caso di fare l’uno piuttosto dell’altro? In uno dei primi articoli che ho citato avevo spiegato la differenza fra Webinar e Live Streaming social. Rivediamola.

Le dirette live sono adatte se

  • la situazione è particolarmente informale
  • non devi interagire con gli utenti in tempo reale
  • non stai erogando contenuti importante per il tuo business

Con i webinar invece

  • puoi apparire in contesti più strutturati
  • interagisci in tempo reale con gli uditori
  • organizzi seminari e conferenze

 

Ma i social webinar? Be’, la risposta è molto semplice. I social webinar sono l’evoluzione di questi due strumenti, o forse è meglio dire che i social webinar sono il punto di incontro che stavi aspettando per far esplodere la tua attività.

In generale possiamo dire che i social webinar fanno al caso tuo se

  • eroghi contenuti seri ma vuoi mantenere un’atmosfera poco formale
  • hai modo di approfondire le domande e i commenti degli utenti in un secondo momento (se sei in diretta e non hai una chat non puoi tenerli sott’occhio)
  • la tua audience si trova sui social
  • non devi fare lead generation. Al contrario dei webinar infatti non hai traccia di chi segue la diretta e non puoi chiedere di lasciare la mail in fase di registrazione.

 

Su quale canale puoi fare webinar social?

Devi scegliere il social media in base al tuo business e alle tue esigenze.

  • Facebook è un canale di svago. Gli utenti si connettono qui per passare il tempo, sono spensierati ed è difficile attirare la loro attenzione. Su Facebook ha senso fare social webinar all’interno delle community.
  • Youtube è un canale pieno di tutorial, demo e lezioni di qualsiasi tipo. Fare un social webinar qui, con piattaforme tipo WebinarJam, vuol dire dare contenuti di valore alla tua audience e fare tutorial anche solo di una decina di minuti in cui spieghi qualcosa.
  • Twitter. Come forse sai l’estensione che ti permette di trasmettere video in diretta su Twitter si chiama Periscope. Nell’articolo “Webinar & Periscope. La guida con le 15 dritte che fanno la differenza” spieghiamo come e perchè puoi utilizzare questa estensione di Twitter. Ma per fare social webinar Periscope non basta: anche in questo caso c’è bisogno di un software esterno, come vMix. Questo canale è particolarmente indicato per interviste e sessioni di domande e risposte.

Instagram e IGTV

Per Instagram ho preferito scrivere un paragrafo a parte. Con l’introduzione di IGTV forse stiamo assistendo ad una piccola rivoluzione. Anche Instagram è un canale di svago, proprio come Facebook. Fino a poco tempo fa era possibile trasmettere in diretta solo con le Stories. In queste settimane però è nata IGTV. Che effetto può avere questo sugli eventi online?

Ne ha parlato il 3 luglio Luca Vanin sul nostro Canale Telegram, in una nota vocale che puoi ascoltare iscrivendoti qui. Grazie a IGTV puoi comunicare con tutta la tua audience di Instagram. Il potenziale interattivo è straordinario: puoi creare il tuo canale TV e trasmettere live streaming social anche di 60 minuti! Non solo: puoi anche caricare video già editati!

Oggi però IGTV non permette di fare social webinar: non esiste ancora un software esterno che si può integrare con l’app. Non puoi perciò avere una chat, condividere lo schermo o avere report dettagliati sui partecipanti.