Le piattaforme webinar, i software per lo streaming e gli strumenti da usare!

Qui troverai recensioni e consigli sulle piattaforme webinar e sui software per fare dirette streaming. Parliamo anche di novità tecnologiche, prodotti e servizi che abbiamo utilizzato sia in azienda sia con i nostri clienti. Oltre alle piattaforme e ai software, troverai anche qualche articolo sugli strumenti fisici che puoi utilizzare durante i tuoi eventi online, come ad esempio cuffie, webcam, microfono ed ogni altro dispositivo che può tornarti utile. In questo spazio trovi tutti i consigli tecnici per i tuoi eventi online. 

Piattaforme per eventi online: cosa sono?

A partire dal 2020 (ed è inutile ricordarti cosa è successo!), le piattaforme per eventi online sono diventate una categoria molto desiderata: in mancanza di certezze (green pass, zone colorate, rischio di chiusure locali, ecc.) tutti vogliono organizzare eventi online, riducendo il rischio di cancellazioni, defezioni e investimenti andati in fumo.

Così, molte aziende hanno iniziato a sviluppare piattaforme per eventi online molto articolate.  Ma di cosa stiamo parlando? Ecco la definizione di cosa è una piattaforma per eventi online.

Una piattaforma per eventi online è un servizio web, app o software che permette di organizzare un evento virtuale gestendo ogni aspetto: location virtuale, accesso riservato, contenuti live, eventuali stand virtuali, spazi per gli sponsor, ecc.

Ma quindi, cosa ci possiamo aspettare in questo settore?

Quali sono le features in corso di sviluppo e quali le caratteristiche di una piattaforma per eventi digitali che si rispetti?

In questo articolo vogliamo parlare proprio dei nuovi trend delle piattaforme per eventi virtuali.

 

Organizzare eventi online: piattaforma o servizio?

Prima di tutto dobbiamo distinguere tra due aspetti importanti.

Da un lato abbiamo le piattaforme complete per gestire eventi digitali di tutti i tipi. Si tratta di software preconfigurati che ti permettono di gestire ogni aspetto del tuo evento virtuale: pianifichi gli eventi, gestisci gli spazi virtuali, crei gli stand, e tutto quello che occorre dalla A alla Z per gestire ogni singolo aspetto del tuo evento virtuale.

Molte di queste piattaforme ormai gestiscono l’evento virtuale in 3D: l’aspetto dell’interfaccia riprende un evento tradizionale, lo emula in un ambiente immersivo che, come nei videogame più recenti, oppure in SecondLife (ti ricordi?) offre un’esperienza molto ricca ed emozionante.

Veniamo alla secondo opzione: i servizi di gestione degli eventi online.

In questo secondo caso, esistono agenzie per eventi virtuali (e WebinarPro ha un servizio ad hoc per gestire gli eventi digitali) che si occupano di fare tutte queste cose:

  • Organizzare l’evento (relatori, agenda, calendario, accessi, ticket, ecc.)
  • Sviluppare un ambiente 3D per gestire l’esperienza utente
  • Gestire e ottimizzare gli eventi dal vivo (ad es. le presentazioni online al congresso).
  • Rendere tutto il sistema omogeneo

Se i vantaggi del primo tipo di gestione degli eventi online è la velocità e relativa semplicità di creazione, i vantaggi del secondo tipo è che hai un servizio chiavi in mano, che include tutto ciò che riguarda la configurazione dell’evento sul lato tecnico e che permette la massima tranquillità e professionalità.

Clicca sull’immagine, se ti può interessare la seconda opzione e se vuoi parlare del tuo evento al team di WebinarPro.

 

La gestione degli eventi online con le piattaforme digitali all inclusive

Molte aziende nel corso di questi due anni si sono affidate a questo tipo di servizio (il primo dei due che ti abbiamo descritto), ma quali sono i vantaggi concreti di questo tipo di software e quali gli svantaggi?

Vediamo questi vantaggi dei software per eventi digitali nel dettaglio:

  • Fai tutto in completa autonomia
  • Personalizzi il materiale visivo con un range tutto sommato contenuto di opzioni
  • Risparmi denaro nella gestione dell’organizzazione
  • Riduci il personale pre-evento
  • Solitamente hai a disposizione un wizard che ti aiuta nella configurazione

Esistono anche dei limiti dei software per la gestione eventi? Sì, e vediamoli nel dettaglio.

  • Nessun livello di personalizzazione: spesso i vincoli grafici sono molto rigidi
  • Poca attenzione al servizio, massima attenzione all’interfaccia
  • Nessun supporto strategico: hai un software, ma non è detto che tu sappia come organizzare l’evento
  • Brandizzazione limitata
  • Strutture e processi rigidi
  • Nessuna strategia di marketing o lancio dell’evento digitale

Solitamente questi software vengono scelti da aziende ed enti che organizzano eventi e che desiderano un servizio veloce, puntando più sul semplice raccoglitore di materiali, che sull’evento in sè.

Se vuoi qualcosa di più, dalla nostra esperienza, devi puntare sul servizio completo di gestione degli eventi digitali.

Vediamolo.

Eventi digitali online: il servizio completo

Come hai capito, il servizio rispetto a un semplice software o piattaforma per gli eventi digitali è adatto ad aziende, organizzazioni, associazioni ed enti che vogliono strutturare une vento digitale più completo e affidabile, con la massima personalizzazione possibile.

Solitamente, le richieste per i servizi di organizzazione eventi digitali sono queste:

  • Solitamente organizzavamo l’evento in presenza, ma ora vogliamo trasformarlo in evento virtuale.
  • Desideriamo offrire un’esperienza innovativa e coinvolgente
  • Vogliamo che il brand venga valorizzato e sia sempre ben visibile
  • Vogliamo stupire, oltre che informare e formare i nostri partecipanti
  • Ci serve un servizio completo, che gestisca anche le live e la parte congressuale
  • Non vogliamo imprevisti e vogliamo la massima sicurezza e garanzia di risultato

Se ti ritrovi in queste righe, clicca subito su questa immagine:

I vantaggi di un servizio completo di organizzazione degli eventi virtuali sono molti:

  • Rapporto diretto con persone esperte in grado di consigliarti
  • Personalizzazione pressochè infinita
  • Servizio completo prima, durante e dopo l’evento
  • Strategia di marketing, di vendita dei ticket, di gestione dei flussi
  • Gestione del team organizzativo o integrazione con figure professionali specializzate nell’online
  • Gestione del brand in tutte le fasi organizzative
  • Localizzazione dell’evento virtuale potenzialmente ovunque, anche nella sede virtuale creata ad hoc dell’azienda
  • Massima interazione ed engagement
  • È possibile raggiungere nuovi livelli di organizzazione dell’evento, di collaborazione, di partecipazione

Esistono anche dei limiti, per essere onesti, di questo tipo di organizzazione degli eventi nel web.

  • Il costo è leggermente più alto, giustificato dalla massima personalizzazione digitale
  • La complessità deve essere gestita da veri professionisti
  • I tempi di realizzazione sono leggermente più lunghi e richiedono un’attenta pianificazione

Considera che abbiamo organizzato eventi spaventosamente complessi in meno di 40 giorni, ma dal punto di vista organizzativo, è necessario immaginare almeno 3 mesi di preavviso, che non sono molti, se ci pensi bene.

Piattaforme eventi virtuali: cosa possiamo aspettarci per il futuro?

WebinarPro organizza eventi formativi e di marketing da molto tempo, ben prima del Covid: i primi webinar che abbiamo organizzato risalgono al 2008, per intenderci.

Quello che abbiamo capito è che l’evoluzione di questi eventi digitali è davvero molto veloce.

Ma cosa possiamo aspettarci nel futuro? Abbiamo provato a guardare nella sfera di cristallo e ci aspettiamo che…

L’app “open space” per gli eventi online

L’app per collegarsi ai webinar, quella per il meeting e infine per creare momenti di condivisione e collaborazione per progetti grafici. Qualcos’altro?

La vera esigenza è quella di avere un unico ambiente performante in cui l’utente possa passare da una modalità all’altra in estrema semplicità: la velocità, la semplicità di utilizzo, la versatilità passano anche attraverso questo. E andremo in questa direzione con spazi sempre più articolati e complessi, in grado di creare esperienze ricche, di emozionare, di coinvolgere, di fare lavorare insieme i team.

Breakout rooms: ad ognuno la sua

Non è più importante avere una sala plenaria, ma tante piccole aule chiamate “breakout rooms”: funzione ad oggi già nota ma con molte limitazioni.

In queste aule meeting è possibile collaborare, aprire e chiudere microfono e webcam. Il plus più importante sarebbe quello di poter scegliere manualmente quali utenti inserire e non solo in modo casuale, con la massima versatilità nella gestione dei ruoli dei partecipanti.

In questi spazi, sarà sempre più importante interagire e fare tutto ciò che persino nel mondo reale diventa complesso o difficile (immagina una mappa mentale condivisa da 1000 persone: impossibile nel mondo reale!).

Aumenta la reach con le piattaforme per eventi online

Se il webinar nasce per essere “a porte chiuse” con un pubblico selezionato, ora uno degli elementi più richiesti è quello di poter avere la possibilità di collegare il webinar ai social (Facebook, Instagram e LinkedIn) in diretta.

In questo modo, puoi ampliare la tua reach, incuriosire chi non ti conosce e permettere anche ai tuoi fan che non si son potuti iscrivere di partecipare all’evento online. Chissà se qualche piattaforma per eventi online inserirà questa funzione in modo sempre più integrato, facilitando i livelli di condivisione, creando una gamma ampia di sfumature tra chi è dentro l’evento, chi è fuori, chi condivide, ecc.

Eventi di più giorni

Non è più sufficiente il webinar di un’ora o l’evento di mezza giornata. La maggior parte delle aziende e dei professionisti vorrebbe ospitare un mix di sessioni live, eventi simulati organizzati in più giorni consecutivi.

L’obiettivo è quello di simulare grandi congressi, convegni e fiere ma senza limiti di spazio e tempo. Sarebbe utile anche diversificare i report e le analisi dell’evento: le aziende vogliono sempre di più dati verticali e precisi.

Tutti questi aspetti dipendono molto dall’architettura della piattaforma digitale per gli eventi virtuali e devono poter permettere una gestione molto fluida dell’agenda, con improvvisi cambiamenti e comunicazione tempestiva a tutte le persone coinvolte.

Aule, stand personalizzabili: il brand al centro degli eventi virtuali!

Basta alle interfacce anonime e tutte uguali. Tra le maggiori richieste riceviamo quelle per fare branding: caricare il proprio logo, utilizzare vari sfondi e molto altro. Ogni brand ha la sua storia e vuole esprimere i propri valori. Tutto è importante nel mondo degli eventi online, anche la grafica che deve essere valorizzata nel modo più adatto.

Questa dimensione sarà sempre più centrale e diverrà un must per tutti le piattaforme di supporto agli eventi.

Interattività e coinvolgimento degli eventi digitali

Non solo sondaggi e quiz. Le aziende e i professionisti, ma anche gli utenti stessi, richiedono maggior coinvolgimento durante l’evento.

Oltre ad attuare strategie di comunicazione efficace, indubbiamente nelle piattaforme per eventi online, ci vogliono elementi di spettacolarizzazione dell’evento, che permettano gamification e processi di apprendimento di livello avanzato.

I partecipanti non vogliono annoiarsi e vogliono assolutamente vivere un esperienza memorabile.

Come organizzare un evento online?

Esiste una sequenza che consigliamo a tutti i nostri clienti e che vogliamo suggerire anche a te.

  1. Definisci gli obiettivi del tuo evento
  2. Analizza quanta “parte online” vuoi inserire nel tuo evento
  3. Raccogli informazioni (ad esempio nel nostro blog trovi molti post sul tema degli eventi online, guarda qui)
  4. Definisci: agenda, calendario, budget, numero di relatori, esigenze organizzative, ticket, ecc.
  5. Contatta degli esperti (qui sotto trovi il modulo, per fare prima!)

Puoi improvvisare, puoi anche fare in modo completamente autonomo, ma dalla nostra esperienza, solitamente il fai-da-te costa molto di più di un evento organizzato da professionisti.

E poi, diciamolo, chiedere non costa nulla, ma ti permette di avere più opzioni tra qui scegliere per rendere il tuo evento memorabile e professionale.

Ora hai tutte le info che ti occorrono per organizzare il tuo evento digitale.

Noi siamo qui per aiutarti.

 

Il 13 settembre 2021 il team di Zoom nell’evento Zoomtopia ha stupito il pubblico con le nuove feature della piattaforma Zoom già attive su molti profili e ha lanciato la soluzione Zoom Events.

Il focus della nuova release è la collaborazione tra i team, la gestione di diverse integrazioni per creare flussi di lavoro più omogenei ed efficaci e il lavoro di engagement a livello di community di tutti i partecipanti a un webinar e non solo.

Anticipiamo che alcuni feature sono adatte a utilizzo avanzato di questo straordinario strumento per webinar, webmeeting ed eventi online e che probabilmente al grande pubblico (quelli che usano zoom meetings e zoom webinar ogni giorno per le attività quotidiane, per intenderci) non faranno questa grande differenza.

Il vero cambiamento avviene per chi usa Zoom per i propri eventi digitali e che necessita di features molto avanzate.

 

 

Mantenere le persone sempre connesse tra loro nonostante le distanze. Fornire strumenti che possano agevolare il lavoro agile sconfinando ben oltre l’ambiente lavorativo tradizionale. Cambiare il modo in cui le persone stringono mani, firmano contratti e collaborano tra loro: rivoluzionare modi, tempi e contesti della comunicazione.

In altre parole, ecco come si evolvono gli eventi digitali su Zoom.

Ha questa fisionomia l’ambiente virtuale immaginato da Eric Yuan (Yuan Zheng), informatico e imprenditore cinese, nonché inventore e ideatore di Zoom, il cui scopo è potenziare i team ibridi, collegare flussi di lavoro e costruire community popolate da persone “in absentia”, che interagiscono tramite piattaforme digitali, capaci di superare limiti di tempo e luogo.

Sviluppata quasi otto anni fa, Zoom, complice anche la pandemia del 2020, è diventata rapidamente la piattaforma per videoconferenze più scaricata, usata e richiesta da una grande numero di utenti.

E oggi si rinnova cambiando aspetto grazie all’integrazione di app e sistemi terzi che cambieranno le abitudini di chi la utilizza, al pari di altri strumenti di business. Zoom, e in particolare Zoom Events permetterà di concentrare in un unico ambiente le risorse più professionali per l’organizzazione di eventi digitali (dal meeting aziendale alla grande fiera virtuale), con tante nuove features che semplificheranno la gestione di un numero sempre più alto di partecipanti.

Prosegui nella lettura per scoprire alcune delle funzionalità più interessanti che verranno introdotte nell’arco dei prossimi mesi.

Ah. Se non conosci ancora Zoom, ti consigliamo di leggere gli altri due nostri articoli introduttivi: Come usare Zoom: guida completa su dispositivi e impostazioni e Riunione su Zoom Meeting: guida completa in italiano.

Un’esperienza virtuale inclusiva: le novità di Zoom Events

Partiamo dalla grande rivoluzione in casa Zoom: Zoom Events.

Se hai un progetto che va ben oltre un paio di sessioni o riunioni, quindi se stai cercando di portare le tue conferenze in aula su una piattaforma digitale, Zoom Events è la risposta alle tue esigenze.

Potrai, non soltanto trasmettere ad un vasto pubblico e raggiungere moltissime persone contemporaneamente, ma lo farai in un unico ambiente virtuale grazie a una soluzione all-in-one con cui potrai gestire le tue serie di eventi, anche quelle pianificate in momenti diversi.

Conference è la nuova tipologia di evento, che verrà lanciata ufficialmente durante l’autunno, con cui potrai costruire le tue conferenze su Zoom Events ospitando eventi di natura diversa, e su più giorni, ma gestendoli facilmente all’interno di un unico ambiente.

E-mail brandizzate, indagini, registrazioni, report dettagliati di ogni sessione, analisi e incrocio dei dati, e tante features ancora da scoprire per gli eventi in Conference su Zoom. Vogliamo comunque anticiparci qualche anticipazione interessante.

Con Zoom Events, gli organizzatori potranno:

  • Ospitare fino a 13 sessioni simultanee in una sola volta
  • Ospitare un evento per cinque giorni
  • Trasmettere le varie sessioni nella sala generale della conferenza
  • Accedere a più ampie opportunità di branding
  • Mostrare gli sponsor in una sezione dedicata
  • Fornire ai partecipanti una rete di contatti tramite chat di sessioni individuali (ottimo strumento commerciale)
  • Offrire un elaboratore di itinerari per i partecipanti

L’organizzazione degli eventi virtuali (clicca sul link per capire meglio le diverse tipologie di eventi che puoi organizzare) ora ha uno strumento completo che permette di organizzare meglio tutti i tipi di eventi.

 

Backstage Zoom: una green room in parallelo con la plenaria

Uno spazio sempre aperto per il backstage a disposizione di relatori, moderatori e supporto di regia.

Una green room sempre accessibile che l’intero staff coinvolto potrà utilizzare per le attività di gestione e monitoraggio, processo che prima avrebbe richiesto l’attivazione di due piattaforme diverse.

Bella novità che arriverà a breve e che sarà disponibile solo per le licenze Zoom Events.

Integrazione di App Immersive all’interno della piattaforma

Portare le persone dentro le App senza lasciarle uscire dalla piattaforma. Una novità interessante per il tuo business e per tutti coloro che utilizzano piattaforme digitali per gestire i loro progetti.

Chi organizza una riunione, per esempio, dovrà semplicemente cliccare su “Collaborate” per condividere con il team un documento di Google Workspace, consentendone non solo la visualizzazione ma anche la modifica.

Collegare tutto il mondo: potenziamento dei servizi di traduzione e trascrizione su Zoom e su Zoom Events

Prima di tutto un chiarimento: stiamo parlando di tutte le novità di Zoom, in corso di release e già attive sulle principali licenze in circolazione.

Chiaramente non distingueremo tra le diverse tipologie di utilizzo: noi immaginiamo che se stai leggendo questo articolo perchè vuoi spingerti un po’ più avanti nell’uso della piattaforma Zoom. Quindi mischieremo nella nostra descrizione tutte le nuove features, quelle perfette per essere applicate a tutti i tipi di eventi online avanzati e complessi, con particolare riferimento ai webinar e agli eventi digitali.

Tra le novità in cantiere, nell’ottica di una sempre maggiore integrazione volta a rimuovere quei limiti che rendono spesso le modalità di scambio e fruizione di informazioni poco dinamiche, gli sviluppatori di Zoom prevedono di estendere la trascrizione automatica a 30 lingue, oltre alle 12 lingue per la traduzione simultanea.

L’obiettivo è quello di collegare realmente, e senza alcuna difficoltà, gli utenti di tutto il mondo, potenziando un sistema che di fatto ha decretato il successo di Zoom su altre piattaforme P2P, che non consentono invece di attivare i canali di traduzione.

Facilitatori grafici a supporto della memoria: Lavagna Zoom su tutti i dispositivi 

La nuova Lavagna Zoom, già anticipata negli scorsi mesi, permetterà una collaborazione asincrona ed efficace tra gli utenti tramite una vasta gamma di dispositivi, fornendo un’esperienza di riunione più coinvolgente, dinamica e flessibile.

Ogni utente sarà in grado di interagire con una lavagna virtuale di Zoom, uno strumento ideale per il lavoro in team in ambito aziendale, ma che si presenta comunque come un’ottima soluzione anche per eventi di più ampio respiro.

In un Zoom Event, ad esempio, questa funzionalità permette di andare a costruire una batteria di coinvolgimento molto ricca, con la possibilità di fare interagire le persone e co-costruire qualsiasi cosa insieme.

Share Screen Zoom: nuove funzionalità per la condivisione schermo

La condivisione dello schermo e delle slide rappresenta una funzionalità fondamentale in ogni evento digitale.

Con pochi ma preziosi accorgimenti il team di Zoom finalmente ha dato una risposta concreta a quelle richieste pragmatiche di chi utilizza già da tempo le piattaforme Zoom.

L’obiettivo, migliorare la cosiddetta user experience da parte dell’utente. Le nuove funzionalità dello Share Screen su Zoom semplificheranno la gestione delle presentazioni e potenzieranno il canale di comunicazione principale tra organizzatori, relatori e partecipanti.

Ecco alcune delle novità:

  • “Prossima diapositiva, per favore”: con un’impostazione simile al telecomando, più persone possono controllare contemporaneamente le diapositive, limitando l’intervento tramite voce.
  • Chat bidirezionale in sala d’attesa: è la funzionalità che consente di aggiornare i partecipanti alla riunione, ampliando il sistema di messaggistica nella sala d’attesa.
  • Emoji nella chat della riunione: la funzione che consente di colorare di emoji la chat della riunione proprio come faresti nella Chat di Zoom.

Immagina di organizzare il tuo prossimo evento con queste funzionalità e di gestire i relatori con tutte queste features: tutto risulta essere più fluido, sicuro e semplice da gestire.

Zoom per il team di lavoro: integrazioni con la suite Office e il cloud storage

In programma, sempre nell’arco dell’anno, anche il rilascio di integrazioni native con vari strumenti di cloud storage, tra cui SharePoint e Box, per poter facilmente condividere e collaborare su documenti direttamente dal client Zoom. Il tutto, ed è questa la novità, senza passare da un’applicazione all’altra e senza uscire dall’ambiente meeting.

Zoom Video Webinar Reazioni e gesti

Curare l’engagement dei tuoi eventi e renderli anche più grintosi: nasce da queste premesse la necessità di rinnovare Reactions e Gestures in Zoom Webinar, incrementando l’interattività di relatori e panelist. Un pollice in su o una faccina ammiccante possono rendere più coinvolgente anche un evento dai temi impegnativi e di alto profilo.

Una chicca che ci piace e che non vediamo l’ora di utilizzare!

Zoom events e queste nuove feature ti confondono?

Non ti preoccupare, è normale!

Ogni grande cambiamento può disorientare e se stavi pensando di acquistare la tua piattaforma webinar Zoom, con tutte queste informazioni ora ti sembra più difficile.

Beh! Abbiamo qualche bella notizia per te.

1. Vuoi imparare a usare meglio Zoom Webinar e Zoom Meeting?

Puoi iscriverti subito al nostro corso online completo dove imparerai come utilizzare la piattaforma in ogni sua funzionalità e in modo professionale.

Si tratta del Corso online in italiano su Zoom più completo e aggiornato disponibile sul mercato.

È stato realizzato da Fabio Ballor, il co-fondatore di WebinarPro e uno dei maggiori esperti italiani in piattaforme webinar, insieme a Simone Albanese, esperto in piattaforme e servizi online per la comunicazione e la formazione digitale.

Il corso è in continuo aggiornamento per via delle features che hai letto in questo post e ogni aggiornamento viene inserito direttamente nel corso.

In poche lezioni sarai in gradi di organizzare i tuoi eventi in un’aula virtuale con Zoom in modo completo e professionale, conoscendo tutte le features che la maggior parte degli utenti ignora.

 

scopri il corso online sulla piattaforma zoom

2. Se vuoi acquistare la tua Piattaforma Zoom ma non sai come sceglierla...

Non ti preoccupare, sappiamo come aiutarti.

Qui sotto puoi compilare questo form per farti contattare dal nostro team di supporto commerciale specializzato nell'organizzazione di eventi digitali e piattaforme webinar.

Insieme discuterete i tuoi bisogni, le tue necessità e troverete la soluzione migliore.

Il nostro obiettivo è farti risparmiare denaro nel momento in cui acquisti una piattaforma webinar, ridurre il senso di disorientamento di chi la acquista in modo autonomo e farti sentire a tuo agio nella scelta della piattaforma più adatta alle tue esigenze.

La chiamata è completamente gratuita e non ti impegna in nessun acquisto, ma ti permette di non correre rischi con acquisti affrettati e molto costosi.

 

 

 

Ps. se vuoi ulteriori info più tecniche, oltre a contattarci, puoi leggere il post pubblicato sul blog di Zoom. Poi, se ti piace la piattaforma Zoom, prima di acquistarla, contattaci: abbiamo una sorpresa per te!

Settembre. L’estate che finisce. L’autunno che è nell’aria. Le giornate che si riempiono di “callettine di allineamento” per riprendere tutte le attività. Significa solo una cosa: riunioni Zoom come se non ci fosse un domani.

Impossibile non conoscerla: Zoom è la piattaforma per meeting online e webinar che durante questa pandemia ha avuto la crescita maggiore.

Se la maggior parte del tuo tempo lavorativo viene impiegata in meeting online e riunioni su Zoom, dopo aver letto questo articolo potrai sfruttare 4 consigli per realizzare riunioni Zoom efficaci, dritte al punto e senza imprevisti.

1- Riunione Zoom: come funziona?

2- Zoom per riunioni online: il fenomeno della “Zoom fatigue”

3- 5 consigli per riunioni con Zoom senza stress

 

Riunione Zoom: come funziona?

Per prima cosa, vediamo velocemente come puoi creare una riunione su Zoom:

1- Iscriviti a Zoom o acquista il piano più adatto alle tue esigenze. (Nota bene: il piano gratuito di Zoom permette di realizzare riunioni per una durata massima di 40 minuti). Contattaci per acquistare la tua licenza Zoom con noi, con tutti i vantaggi dei nostri servizi e la fatturazione in italiano!

2- Accedi a Zoom con le tue credenziali

3- Una volta nella dashboard, seleziona dal menù alla tua destra la voce “riunioni” e subito dopo la voce “pianifica una riunione

4- Inserisci il titolo della tua riunione

5- Stabilisci giorno, ora e durata della tua riunione. (Nota bene: assicurati che il fuso orario sia corretto)

6- Come ID riunione lascia selezionato “Genera automaticamente”

7- Personalizza la tua riunione controllando tutte le opzioni che puoi attivare (trovi i dettagli in questo articolo: come realizzare tecnicamente una riunione su Zoom)

8- Clicca su Salva: la tua riunione è creata. Troverai il link di invito nella pagina successiva e potrai mandarlo ai tuoi invitati cliccando su “copia invito”.

Se vuoi maggiori informazioni tecniche (comprese di screenshot della dashboard) per imparare ad orientarti dentro Zoom, ti consiglio questi due articoli:

Come usare Zoom: guida completa su dispositivi e impostazioni

Scaricare Zoom Meeting e imparare tutto sulla dashboard: guida completa in italiano

Zoom per riunioni online: il fenomeno della “Zoom fatigue”

Ti è mai capitato in questi due anni di arrivare infondo ad una giornata di lavoro costellata di riunioni online e di sentire un senso di stanchezza e sfinimento molto forte?

Sei in buona compagnia: è un fenomeno che è stato ampiamente riconosciuto ed è stato chiamato “Zoom fatigue”, ovvero “affaticamento da Zoom”. Ma non riguarda solo le riunioni Zoom: fa riferimento alle riunioni online effettuate tramite tutte le piattaforme per meeting online esistenti (Skype, Teams, GoToMeeting).

Dopo una lunga serie di riunioni online, è molto facile provare un senso di fatica molto intenso: succede perché durante una riunione online il cervello non riesce a cogliere tutti quei segnali propri della comunicazione non verbale che aiutano ad elaborare, interpretare e interagire al meglio durante una riunione in presenza.

Quindi per comunicare online, potendo vedere gli altri interlocutori solo tramite webcam o addirittura sentendo solo la loro voce, il nostro cervello impiega molti più sforzi per interpretare quello che succede intorno a noi. Non poter fare affidamento sui segnali non verbali affatica la nostra mente.

Puoi approfondire il tema della zoom fatigue in questo articolo di National Geographic: “Zoom fatigue”, come le interazioni virtuali influenzano il nostro cervello

Per contrastare la Zoom fatigue diventa indispensabile imparare ad ottimizzare le riunioni online, in modo da renderle momenti produttivi, concisi e non affaticanti.

Nel prossimo paragrafo troverai i nostri 4 consigli per riunioni zoom (e in generale riunioni online) vincenti.

4 consigli per riunioni Zoom senza stress

#1 | Poniti una prima, semplice domanda: “ma questa riunione su Zoom serve davvero”?

Può sembrare banale, ma in realtà un’analisi pre-meeting ti permette davvero di ottimizzare la tua riunione, prima di tutto aiutandoti ad individuare se una riunione zoom è il mezzo migliore per raggiungere i tuoi obiettivi.

Rispondi a queste due domande:
Qual è lo scopo/obiettivo del meeting che voglio organizzare?
Avere un confronto aperto con gli interlocutori mi può aiutare nel raggiungere il mio obiettivo?

Se la risposta è sì ad entrambe le domande, vuol dire che una riunione online è il mezzo ideale.

Ora che hai la certezza di organizzare un meeting online, segui questi punti:

1- Invita la persone solo strettamente necessarie e che possono avere un ruolo attivo
2- Crea una breve agenda dell’incontro
3- Definisci la durata (non andare oltre ai 45 minuti)

# 2 | Sfrutta le impostazioni di Zoom per controllare la riunione
Ecco delle impostazioni di Zoom che ti possono aiutare a gestire al meglio la tua riunione:

  • Sala d’attesa è una impostazione molto importante. Se prevedi una riunione con molti partecipanti ti permetterà di avere il controllo sugli accessi o evitare accessi indesiderati.
  • Opzione audio e video: quando crei la tua riunione su Zoom, ti consigliamo di vidimare l’opzione che ti consente di disattivare il video e l’audio dei partecipanti all’ingresso nel meeting. In questo modo, eviterai possibili errori o situazioni imbarazzanti, permettendo ai tuoi partecipanti di attivare i canali di comunicazione solo una volta pronti.
  • Background di Zoom: utilizza uno sfondo neutro o imposta uno dei background di Zoom per avere il controllo sul tuo sfondo e risultare professionale

# 3| Trascrivi l’audio della tua riunione

Zoom permette di trascrivere in modo automatico l’audio di una riunione o di un webinar. Una funzione molto utile per stilare con velocità un verbale della tua riunione, permettendoti di non dover prendere appunti nel mentre.

Nota bene: questa funzione è disponibile solo per gli utenti con piani di Zoom a pagamento e che usano la registrazione delle riunioni su Cloud. Se hai un abbonamento premium, nelle impostazioni di registrazione Cloud (Cloud Recording) puoi attivare l’opzione per le trascrizioni audio.

# 4 | Impara ad utilizzare le scorciatoie da tastiera

Su Zoom puoi utilizzare tantissime scorciatoie da tastiera per gestire i tuoi meeting con professionalità, rapidità e facendo stupire tutti i colleghi. Le trovi tutte in questa pagina dedicata sul sito di Zoom: scorciatoie da tastiera di Zoom

Vuoi acquistare la tua licenza Zoom o avere formazione e consulenza sulla piattaforma?

IMPORTANTE!
WebinarPro fornisce formazione all'uso della piattaforma Zoom e in più fornisce licenze della piattaforma Zoom (con il vantaggio dei nostri servizi e la fatturazione italiana).

Quindi possiamo aiutarti se:
1) Hai bisogno di un corso online completo in italiano per imparare ad utilizzare Zoom, in ogni suo dettaglio
2) Hai bisogno di una consulenza personalizzata sulla tua piattaforma Zoom
3) Hai bisogno della tua licenza Zoom e vuoi affidarti ad un partner italiano per acquistarla
4) Hai bisogno per un evento particolarmente importante un servizio di regia completa sulla tua piattaforma Zoom ( CLICCA QUI PER APPROFONDIRE! )

Infine, puoi rivolgerti a noi per questi bisogni:

Hai bisogno di formazione su Zoom?
Puoi iscriverti subito a questo corso completo dove imparerai come utilizzare la piattaforma in ogni sua funzionalità e in modo professionale.

Corso online completo su Zoom

 

Hai bisogno di una consulenza personalizzata, di un servizio di regia o della tua licenza Zoom?

Se hai bisogno di una consulenza personalizzata, un servizio di regia completo per un evento particolarmente delicato da realizzare sulla tua piattaforma Zoom o,  ancora, di ottenere la tua licenza di Zoom tramite un fornitore italiano, contattaci: con una consulenza senza impegno capiremo insieme come possiamo aiutarti.

Hai creato un account Zoom e vuoi imparare ad usarlo subito? 

In questa mini guida imparerai a usare Zoom da diversi dispositivi (pc, smartphone e tablet). 

Come usare Zoom da pc

Per prima cosa assicurati che il tuo pc abbia questi requisiti minimi raccomandati: 

  • Sistema operativo: se utilizzi Windows 7 o successivi; se utilizzi Mac, macOs X con 10.9 o successivi. 
  • RAM: almeno 4GB disponibili
  • Processore: 2Ghz o superiore

Successivamente dovrai scaricare il Client Zoom dal Download Center e installarlo sul tuo computer. Ora hai scaricato Zoom sul tuo pc e sei pronto ad usarlo! 

Per partecipare a una riunione dovrai soltanto cliccare su “Fai clic qui per entrare” o “Click here to join” e si avvierà l’applicativo Zoom appena installato.

Per un’esperienza ottimale dovrai anche avere una buona connessione internet.

Effettua uno speed test utilizzando uno dei tanti servizi di speed test online. Per dei buoni risultati dovresti avere minimo di 5 Mbps sia in upload (invio) che in ricezione (download), e un tempo di invio dati (ping) inferiore a 50 ms. 

Come usare Zoom senza scaricarlo

Puoi utilizzare Zoom anche senza scaricare nessun applicativo, effettuando l’accesso via browser. 

I browser che consentono l’accesso a Zoom sono i più usati: Google Chrome, Microsoft Edge, Mozilla Firefox, Safari. Come avrai notato c’è un grande assente: Internet Explorer, l’accesso tramite questo browser crea qualche problema tecnico a causa dell’assenza di un plugin dedicato a Zoom, pertanto te lo sconsiglio.

Per accedere via browser senza dover scaricare e installare nulla sul tuo pc avrai bisogno soltanto del Meeting ID, un codice da 9 a 11 numeri che trovi nella mail di invito o promemoria che ricevi da Zoom, o che ti può facilmente fornire l’organizzatore. 

Attraverso il Meeting ID infatti potrai accedere direttamente alla call senza ulteriori passaggi. 

 

Come usare zoom sul cellulare

Hai in programma una call su Zoom ma sei fuori casa? Nessun problema! Scopri come usare Zoom da cellulare. 

Puoi utilizzare uno smartphone oppure un tablet, ti basterà scaricare l’app di Zoom dal tuo store di riferimento. Se hai uno smartphone Android vai sul Play Store e scarica ZOOM Cloud MeetingsSe invece utilizzi iPhone, scaricare l’app ZOOM Cloud Meetings dall’App Store.

Se sei invitato a una riunione Zoom hai due modi principali per partecipare: cliccare sul link che ricevi via email oppure inserire il Meeting ID – di cui abbiamo parlato qui sopra – direttamente sulla schermata dell’app.  

Che tu usi Zoom da computer o da un dispositivo mobile, via browser o con App, ti raccomando sempre di effettuare oltre il test della tua connessione, un test del tuo set microfono/altoparlanti prima di accedere ad una riunione. 

Puoi testarli in autonomia subito dopo aver effettuato l’accesso a una riunione cliccando su: Verifica altoparlante e microfono. 

 

Come usare Zoom meeting

Finora abbiamo parlato di accedere a riunioni già programmate come partecipante. Ma se dovessi creare tu una riunione su Zoom meeting? Eccoti di seguito tutti i passaggi per organizzare un meeting su Zoom.

  • Dopo essere entrato con le tue credenziali seleziona dal menù sulla tua destra “Riunioni” e clicca su “Pianifica una riunione” a destra. 

  • Inserisci l’Argomento ovvero il titolo della tua riunione.
  • Stabilisci Quando ovvero data e ora della tua riunione e la sua Durata.
    (Attenzione: il piano Zoom basic prevede una durata massima di 40 minuti per le riunioni con 3 o più partecipanti. Se hai bisogno di maggior tempo effettua l’upgrade del tuo account.)
  • Inserisci il tuo fuso orario (solitamente viene rilevato automaticamente dal dispositivo in uso).
  • Se invece stai programmando una riunione con cadenza periodica o che  sai già si ripeterà più volte in un determinato arco di tempo clicca su “Riunione ricorrente”.

(Esempio: questa riunione è stata programmata con cadenza settimanalmente per ogni martedì di Novembre.)

Continuiamo con le panoramica sulle impostazioni…

  • Come ID riunione lascia selezionato “Genera automaticamente”
  • E per il paragrafo Sicurezza, avrai una Passcode. Dovrai comunicarla solo a chi parteciperà da dispositivo mobile. Per tutti gli altri invece sarà incorporata nel link di accesso. 
  • “Sala d’attesa” è una impostazione molto importante. Se prevedi una riunione con molti partecipanti ti permetterà di avere il controllo sugli accessi o evitare accessi indesiderati.

Rimangono le ultime impostazioni…

  • Video: ti consigliamo di disattivare il video all’ingresso in modo di dare la possibilità ai partecipanti – anche quelli più distratti! – di controllare la propria webcam e attivarla solo quando saranno pronti.
  • Opzioni riunioni: stesso discorso del video per l’audio, specialmente se la riunione è già iniziata, non vorrai tante interruzioni causate da microfono aperti.
  • Infine Zoom ti dà la possibilità di registrare in locale la tua riunione. Ti consiglio di non selezionare la registrazione automatica e avviare invece la registrazione manualmente dalla piattaforma (c’è un pratico bottone sul menù) in modo da non dover effettuare editing per tagliare una parte iniziale fatta perlopiù di solito di saluti iniziali. 

A questo punto puoi cliccare su Salva. La riunione è stata creata.

Troverai il link di invito nella pagina successiva e infine cliccando su “Copia invito” potrai copiare l’invito di Zoom a tutti i tuoi invitati. 

 

Spero che questa piccola guida ti sia stata utile. Se vuoi approfondire tutte le funzionalità di zoom per gestire riunioni e webinar senza più segreti, non perderti il nostro corso online in italiano!

 

Scopri subito il corso online su come usare zoom

 

 

Nel 2020 l’e-learning, a causa della pandemia da Covid-19, ha assistito ad un forte incremento. Quali trends e-learning prenderanno ancora più piede nel 2021?

Secondo una stima del World Economic Forum, il mercato globale dell’istruzione online prevede di raggiungere 350 miliardi di dollari entro il 2025. Nel 2021 assisteremo senz’altro a sviluppi e integrazioni capaci di valorizzare l’esperienza di apprendimento online.

Intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale (AI) è la capacità di un sistema di svolgere specifici compiti e attività simulando i sistemi di ragionamento propri della mente umana. Essa trova nell’e-learning una specifica applicazione: pensiamo ad esempio al Virtual Coach. Si tratta di un assistente virtuale intelligente capace di guidare e orientare l’utente proprio come un coach. Docebo, ad esempio, ha introdotto questa figura nella propria piattaforma e si occupa di:

  • Fornire suggerimenti sui contenuti;
  • Inviare notifiche push per i progressi didattici;
  • Porre domande e di ottenere risposte;
  • Fornire feedback.

Il Virtual Coach migliora l’esperienza dell’utente, offrendo una soluzione personalizzata e capace di aumentare il coinvolgimento del partecipante.

Il micro elearning

In un mondo che corre e in cui le persone hanno sempre meno tempo da dedicare alla formazione, l’apprendimento al giorno d’oggi si basa su brevi informazioni da recepire e da applicare immediatamente. Il microlearning, che implica la somministrazione del contenuto informativo in unità brevi e finite, è adattabile a tutte le sfere dell’apprendimento.

Oggi è largamente utilizzato nella FAD (formazione a distanza) e nell’e-learning, in contesti d’uso differenti che vanno dalla formazione aziendale al testing di soft skills. Inoltre, questa metodologia formativa è utilizzabile anche tramite dispositivi mobili (pensiamo ad esempio alle numerose applicazioni per l’apprendimento delle lingue straniere che possiamo scaricare sul nostro cellulare).

Gamification e formazione basata sul gioco

La gamification è un’importante strategia che continuerà a tenere viva l’attenzione degli esperti della formazione per fornire la giusta esperienza di apprendimento agli studenti.

Ad esempio, l’assegnazione di badge virtuali ogni qualvolta si supera un’unità dà allo studente l’impressione di avanzare nel processo formativo e tale consapevolezza lo rende protagonista indiscusso della propria formazione.

Social learning

Il social learning è una teoria elaborata dallo psicologo canadese Albert Bandura secondo cui la formazione è un processo cognitivo che ha luogo in un contesto sociale e può avvenire esclusivamente attraverso l’osservazione o l’istruzione diretta.

Il social learning non è una formazione di gruppo, ma consiste nell’imparare dall’esempio degli altri. È un tipo di apprendimento molto amato dalle aziende poiché i dipendenti possono condividere la propria esperienza e conoscenza con gli altri lavoratori. Questo interscambio può avvenire sia faccia a faccia che online. Il social learning può essere, infatti, applicato anche all’e-learning, ad esempio attraverso sessioni di domande e risposte, chat interne ai membri iscritti ad un corso, forum di discussione.

Insomma, il settore della formazione online è destinato a crescere. Se stai pensando ad una soluzione di e-learning per la tua azienda, contattaci per ricevere tutte le informazioni sulla nostra piattaforma jiolli.

 

 

 

La condivisione di contenuti durante una riunione, che si tratti di una presentazione PowerPoint o di un video clip, è fondamentale per la collaborazione online dal vivo. Fino ad ora, questo non era possibile con GoToMeeting. Grazie all’aggiornamento di ieri, LogMeIn ha rilasciato la tanto attesa funzione di condivisione audio per tutti gli utenti GoToMeeting Mac e Windows con GoToMeeting versione 10.14.

 

 

L’obiettivo è quello di consentire agli utenti di GoToMeeting di comunicare e collaborare in modo più efficace includendo il suono durante la condivisione dei video.

Se prima dovevi trovare metodi alternativi per condividere l’audio con i tuoi partecipanti dal vivo, ora non sarà più un problema. Ci sono molti casi d’uso di riunioni online in cui la condivisione dell’audio è fondamentale, come mostrare un nuovo prodotto a un tuo cliente con un video del prodotto o condividere una presentazione con un file video o audio incorporato. Era diventata una richiesta di funzionalità urgente e pressante negli ultimi mesi, con il passaggio a una forza lavoro  convertita al lavoro da remoto e le scuole che hanno spostato l’istruzione verso classi online e remote.

Come includo l’audio multimediale durante una riunione?

Durante la condivisione di un clip video o audio, se sei tu il relatore puoi condividere con i partecipanti il ​​suono multimediale proveniente dal tuo computer. Tieni presente che verranno condivisi anche i rumori di fondo (ad esempio, notifiche). È necessario essere collegati all’audio tramite l’audio del computer per utilizzare questa funzione.

Come fare per condividere l’audio da Mac o Windows?

Di seguito una breve guida per vedere come condividere l’audio da entrambi i sistemi operativi.
  • Condivisione Audio da Mac 

Per abilitare la condivisione dell’audio su Mac, gli utenti devono installare un driver audio (GoToAudioDevice) al primo utilizzo.

Questo processo è abbastanza semplice e richiede solo pochi secondi.

  • Condivisione Audio da Windows

Non c’è nessuna installazione aggiuntiva necessaria oltre a quella esplicitata nella foto qui sotto.

Quali indicatori e notifiche appaiono per la condivisione dell’audio multimediale?

Di seguito trovate delle immagine che vi aiutano sin da subito a identificare indicatori e notifiche in GoToMeeting. Per le notifiche utente Windows:
  • Indicatore di anteprima aggiornato

  • Controlli del presentatore aggiornati per gestire la condivisione dell’audio durante la sessione

  • Notifica utente nel caso in cui l’audio multimediale non possa essere incluso (ad es. Per i relatori che si uniscono tramite telefono / PSTN)

 

  • Notifica utente Windows nel caso in cui il dispositivo che riproduce il contenuto sia diverso dal dispositivo di riproduzione selezionato in GoToMeeting

 

Notifiche utente Mac nel caso in cui il driver audio (GoToAudioDevice) non sia in uno stato utile

Inoltre LogMeIn ci comunica che ci sono ulteriori questioni da prendere in considerazione:
  • Piattaforme supportate

La condivisione audio funziona per GoToMeeting per i presentatori Mac e Windows sulla nuova interfaccia utente di GoToMeeting.

L’ascolto audio funziona per tutti gli endpoint GoToMeeting (Mac, Windows, Web, Mobile), vecchia e nuova interfaccia utente.

  • Nessuna condivisione audio dal telefono per il momento
    Lo stato corrente non supporta la partecipazione dei relatori tramite telefono / PSTN – non saranno in grado di impostare la casella di controllo per la condivisione audio. Quindi assicurati di connetterti tramite l’audio del computer se prevedi di utilizzare la funzione da solo.
  • Nessuna condivisione audio per GoToWebinar e GoToTraining  

Sarà disponibile con l’applicazione GoTo unificata il prossimo anno.

  • Interfaccia utente di condivisione audio
Finalmente l’audio multimediale è arrivato anche in GoToMeeting e, dato la grande migrazione di utenti che hanno dovuto spostare meeting, riunioni, incontri e consulenze dal vivo all’online, direi che il tempismo è stato perfetto!
Per ulteriori informazioni, ti suggeriamo questo articolo di supporto.

Sempre più spesso nel mondo dello streaming web e non solo, leggiamo la parola NDI. NDI sta per network device interface e permette la distribuzione di contenuti video broadcast attraverso una infrastruttura IP a bassa latenza e frame rate stabile fino a risoluzione 4k.

Uno standard royalty-free sviluppato da NewTek che si sta diffondendo in tantissime soluzioni e che ti permetterà di gestire un flusso video adatto ad essere mixato per i tuoi progetti di produzione video in streaming o per eventi meeting e webinar.

Quante volte hai pensato che sarebbe stato meglio trasmettere un video in un evento, non tramite la condivisione schermo o i sistemi proprietari di caricamento e condivisione video delle piattaforme, ma direttamente dalla tua webcam?

NDI ti permetterebbe di non avere limiti di spazio, durata e sicuramente con un frame rate migliore. Lavori con soluzioni streaming e vorresti un modo pratico per catturare video e audio di una persona che stai intervistando? Con NDI puoi andare oltre la cattura schermo, complicati setting di mix audio o costose apparecchiature hardware di cattura video. O ancora, devi acquisire lo schermo e l’audio di un computer collegato alla tua rete locale? Anche questo possibile con NDI. Inoltre molte videocamere e device di ultima generazione ritrovano questo standard e ti permetteranno di acquisire il loro segnale audio video in modo semplice!

Questo articolo non si propone come guida tecnica, ma come primo sguardo alle possibilità pratiche che questa nuova tecnologia ti può dare. Imprescindibile comunque un approfondimento tecnico, partendo dalla documentazione ufficiale di NewTek che vi invitiamo a leggere qui.

Quali sono le piattaforme che permettono di catturare un segnali in NDI?

Al momento fra le principali abbiamo Skype e Microsoft Teams. Che possono essere perfette per catturare il segnale audio/video della persona con cui parlate e permettervi di montarlo tramite codificatori come OBS, Wirecast, VMix nelle vostre live streaming su social come facebook e youtube.

Ma come fare ad abilitare NDI su queste piattaforme? Non è una opzione attiva di default. Per abilitare la modalità per creatori di contenuti di Skype prima o durante una chiamata: seleziona l’immagine del profilo e quindi seleziona Impostazioni. Clicca poi su Chiamate e quindi seleziona Avanzate.

Attiva o Disattiva l’utilizzo di NDI. Per Microsoft Teams NDI®-out deve essere attivato per ogni singolo utente da un amministratore. Dopo aver attivato NDI®, sarà disponibile una nuova opzione in teams. Passa quindi all’immagine del profilo utente nell’angolo in alto a destra di teams e scegli Impostazioni. Quindi seleziona autorizzazioni e attiva l’opzione Attiva/Disattiva accanto a Network Device Interface (NDI). Una volta attiva quindi sulla piattaforma sui relativi codificatori dovrete scaricare gli add-on relativi ad NDI per permetterti di catturare il segnale audio e video nel caso non fossero presenti o cercarli fra le sorgenti native del software. Ti segnalo a questo link gli add-on per OBS.

Ma come fare se volessimo semplicemente mandare un video sulla nostra webcam di un webinar o di un meeting senza usare codificatori?

Se hai Windows ti basterà avere VLC e scaricare il pacchetto di software ndi da qui. Nel pacchetto troverete sia l’add-on per VLC che l’applicativo virtual imput. Una volta installato il pacchetto completo andate su preferenze di VLC (Ctrl+P) nelle opzioni di Audio e Video come output NDI e riavviate vlc. Ti basterà avviare l’applicativo Virtual Imput e sull’icona vicino all’orologio di windows selezionare il tuo pc e successivamente VLC. Andando ora nel tuo programma di webinar o meeting potrai selezionare come webcam NDI e come microfono NDI. Mettendo il video in play su VLC verrà riprodotto anche sul vostro webinar o meeting direttamente dalla webcam!

Ti invitiamo comunque a testare il tutto prima di farlo in live e attenzione ai filtri di riduzione del rumore ambientale che potrebbero, se non disattivati, creare dei problemi in parti di video con sola musica.

Con lo stesso procedimento, al posto di selezionare VLC, potrai selezionare una Telecamera o un device che trasmette in NDI sulla tua rete e trasmetterlo direttamente nel tuo evento! Queste sono solo alcune delle potenzialità che NDI permette di fare.

L’hai mai utilizzato? Ti interesserebbero approfondimenti su questo argomento?

Scrivilo giù nei commenti!

Hai letto bene: prestissimo potrai utilizzare la tua piattaforma Zoom in italiano!

Chiunque si sia avvicinato in questi mesi a questo software per webinar e meeting (sia come partecipante, sia come organizzatore), ha sottolineato lo stesso “limite”:

ma non esiste una versione di Zoom in italiano?

Oggi possiamo darti in anteprima la risposta: Zoom ha finalmente lavorato alla traduzione in italiano di questa incredibile piattaforma ed è stata resa disponibile dal 29 Giugno 2020!

Quando sarà disponibile?

Come sai, WebinarPro lavora continuamente per monitorare il mercato delle piattaforme webinar più diffuse e performanti.

Ci siamo resi conto di questa novità lavorando come sempre sulla piattaforma: da un giorno all’altro è stata resa disponibile la possibilità di selezionare, tra le tante lingue, anche l’italiano (come puoi vedere da questo screenshot).

zoom in italiano

 

Poter utilizzare zoom in italiano, è un grande vantaggio per tantissime realtà che, soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria, hanno rinunciato all’utilizzo di questa piattaforma proprio per il problema della lingua: avere la possibilità di configurare Zoom in Italiano (e qualsiasi altra piattaforma webinar) porta tantissimi vantaggi:

  • permette di ridurre i tempi di configurazione
  • sfruttare ogni singolo aspetto del set up, senza timore di attivare o disattivare funzioni fondamentali
  • riuscire a utilizzare funzionalità poco esplorate

Per ora possiamo anticiparti la novità solo con qualche screenshot: non possiamo prevedere il giorno esatto in cui sarà disponibile la versione italiana di Zoom all’interno di tutti gli account, ma crediamo che sia solo questione di pochi giorni!

AGGIORNAMENTO!

È stato finalmente rilasciato l’aggiornamento di Zoom tanto atteso: dal 29 Giugno 2020 all’interno del tuo account Zoom troverai la possibilità di selezionare la lingua italiana!

In questa pagina trovi il comunicato ufficiale della release

 

Zoom meeting italiano gratis

La traduzione sarà disponibile per ogni piano di Zoom: questo vuol dire che potrai scaricare la tua zoom meeting gratuita in italiano!

Oltre alla traduzione della piattaforma, sono già disponibili online da consultare e studiare le pagine tradotte con tutti i vantaggi e i piani tariffari della piattaforma. A questo link puoi vedere il sito di zoom in italiano. 

Se selezioni la pagina “piani e prezzi”, troverai come prima voce il piano Base gratuito e finalmente ti sarà più chiara la differenza tra i diversi livelli di accesso e di prezzo!

zoom in italiano

Zoom webinar italiano

Oltre a Zoom Meeting, potrai trovare la traduzione in italiano di tutte le impostazioni necessarie per creare webinar con Zoom.

Questo comprende tutte le impostazioni relative alla gestione degli inviti, alla creazione di email automatiche (email di reminder, di invito e di follow up) e tutte le opzioni all’interno della piattaforma Zoom lato utente.

Un grande vantaggio soprattutto per chi vuole utilizzare Zoom per creare webinar di marketing e sfruttarne le potenzialità per fare formazione online con Zoom!

Ecco un esempio delle impostazioni base tradotte in italiano:

zoom in italiano

Zoom download italiano

Vuoi fare il download di zoom in italiano?

Come ti dicevo nel paragrafo precedente, puoi fin da subito studiare i piani di Zoom spiegati in ogni dettaglio in italiano!

Ti basta cliccare sulla pagina “piani e tariffe”!

Ogni piano è spiegato molto bene e potrai capire con facilità quale piano faccia al caso tuo.

Se vuoi approfondire tutte le caratteristiche della piattaforma Zoom, prima di procedere all’acquisto ti consigliamo la lettura di questi due articoli:

Vuoi acquistare la tua licenza Zoom o avere formazione e consulenza sulla piattaforma?

IMPORTANTE!
WebinarPro fornisce formazione all'uso della piattaforma Zoom e in più fornisce licenze della piattaforma Zoom (con il vantaggio dei nostri servizi e la fatturazione italiana).

Quindi possiamo aiutarti se:
1) Hai bisogno di un corso online completo in italiano per imparare ad utilizzare Zoom, in ogni suo dettaglio
2) Hai bisogno di una consulenza personalizzata sulla tua piattaforma Zoom
3) Hai bisogno della tua licenza Zoom e vuoi affidarti ad un partner italiano per acquistarla
4) Hai bisogno per un evento particolarmente importante un servizio di regia completa sulla tua piattaforma Zoom ( CLICCA QUI PER APPROFONDIRE! )

Infine, puoi rivolgerti a noi per questi bisogni:

Hai bisogno di formazione su Zoom?
Puoi iscriverti subito a questo corso completo dove imparerai come utilizzare la piattaforma in ogni sua funzionalità e in modo professionale.

Corso online completo su Zoom

 

Hai bisogno di una consulenza personalizzata, di un servizio di regia o della tua licenza Zoom?

Se hai bisogno di una consulenza personalizzata, un servizio di regia completo per un evento particolarmente delicato da realizzare sulla tua piattaforma Zoom o,  ancora, di ottenere la tua licenza di Zoom tramite un fornitore italiano, contattaci: con una consulenza senza impegno capiremo insieme come possiamo aiutarti.

Vuoi organizzare un meeting ma non sai quale piattaforma utilizzare? Non temere, questo articolo fa proprio per te! Qui analizzeremo le due piattaforme più usate a livello aziendale: Zoom vs GoToMeeting

piattaforma webinar

Queste due piattaforme, entrambe molto performanti e professionali, hanno molti aspetti in comune ma presentano anche delle caratteristiche che potremmo definire uniche.   

Partiamo dal principio, vediamo quali caratteristiche presentano le due piattaforme nella creazione di un Meeting. 

Quali opzioni hanno entrambe:

  • Dare un nome al Meeting; 
  • Decidere se impostare il meeting come ricorrente;
  • Definire data, ora e il fuso orario;
  • Decidere che tipo di audio i partecipanti possono utilizzare (del computer, del telefono o entrambi);
  • Puoi decidere se registrare il meeting
  • Inserire l’email per aggiungere un coorganizzatore.

Analizziamo ora quelle che sono le differenti caratteristiche

Per GotoMeeting:

  • Hai la possibilità di personalizzare le opzioni se utilizzi la conferenza telefonica;

Per Zoom invece: 

  • Puoi aggiungere una descrizione per il meeting;
  • Decidere se attivare non appena si entra in aula la webcam dell’organizzatore e dei partecipanti;
  • Opzioni per il meeting (non fare entrare i partecipanti al meeting prima dell’organizzatore; disattivare l’audio di tutti i partecipanti non appena questi entrano in riunione; usare un personal ID per il meeting; attivare la registrazione automatica del meeting).      

Soffermiamoci invece sulle caratteristiche, in comune e non, che le due piattaforme hanno quando si entra nel meeting. 

In comune hanno:

  • Gestione facile e veloce dei partecipanti; 
  • Invitare, sul momento con un click, nuovi partecipanti; 
  • Condividere lo schermo; 
  • Cambiare il proprio nome;
  • Decidere se registrare il meeting in locale o in cloud; 
  • Lasciare la condivisione ai partecipanti di tastiera e mouse.

Vediamo ora gli elementi di differenza: 

Per GotoMeeting

  • Nello spazio Vista Audience hai la possibilità di vedere in tempo reale cosa vedono i tuoi partecipanti;
  • Sia tu che i tuoi partecipanti potete disegnare sulla condivisione dello schermo (ci sono tre oggetti che puoi utilizzare: la penna; l’evidenziatore e il puntatore). 

Invece per Zoom

  • Puoi creare e inserire in diretta sondaggi, puoi anche far vedere in diretta ai partecipanti i risultati;
  • Puoi condividere più schermi in contemporanea; 
  • Mettere delle icone che servano da feedback (pollice in su/in giù, parla più piano/ più veloce ed altre icone); 
  • Puoi creare più stanze in contemporanea decidendo quali partecipanti spostare nelle altre stanze;
  • Puoi condividere anche una pagina bianca dove puoi scrivere (sia tu che i partecipanti) ed utilizzare tutti i strumenti presenti (penna, evidenziatori, frecce, icone ed altro). 

Con questo articolo non stiamo dicendo che una piattaforma è migliore dell’altra, entrambe sono altamente ottime per un meeting professionale. 

Ovviamente la scelta dell’una o dell’altra dipende da cosa ti serve per il tuo meeting: il maggior controllo di GotoMeeting o la flessibilità di Zoom

Vuoi la tua piattaforma Zoom, avere formazione e consulenza su Zoom o conoscere tutte le alternative per realizzare i tuoi meeting e i tuoi webinar?

Se sei deciso ad acquistare la tua licenza Zoom, puoi farlo affidandoti a noi , con tutti i vantaggi di avere un fornitore italiano e la fatturazione italiana.

Se hai deciso invece di acquistare GoToMeeting, puoi procedere in autonomia da questa pagina

Infine, puoi rivolgerti a noi per questi bisogni:

Hai bisogno di formazione su Zoom?
Puoi iscriverti subito a questo corso completo dove imparerai come utilizzare la piattaforma in ogni sua funzionalità e in modo professionale.

Corso online completo su Zoom

 

Vuoi una licenza di Zoom, hai bisogno di una consulenza personalizzata o di un servizio di regia?

Se vuoi una tua licenza Zoom, hai bisogno di una consulenza personalizzata o un servizio di regia completo per un evento particolarmente delicato da realizzare sulla tua piattaforma Zoom, contattaci: con una consulenza senza impegno capiremo insieme come possiamo aiutarti.

IMPORTANTE!
WebinarPro fornisce formazione all'uso della piattaforma Zoom e in più fornisce licenze della piattaforma Zoom (con il vantaggio dei nostri servizi e la fatturazione italiana).

Quindi possiamo aiutarti se:
1) Hai bisogno di un corso online completo in italiano per imparare ad utilizzare Zoom, in ogni suo dettaglio
2) Hai bisogno di una consulenza personalizzata sulla tua piattaforma Zoom
3) Hai bisogno della tua licenza Zoom e vuoi affidarti ad un partner italiano per acquistarla
4) Hai bisogno per un evento particolarmente importante un servizio di regia completa sulla tua piattaforma Zoom ( CLICCA QUI PER APPROFONDIRE! )

 

Hai dato vita al tuo profilo su Zoom ma non sai come tenere d’occhio tutti gli elementi presenti? Ci pensa la Dashboard!

Lo spazio a te dedicato per analizzare in un solo sguardo gli User, i Meeting, le Stanze e i Webinar. 

Se non hai ancora scaricato Zoom sul tuo Pc puoi farlo gratuitamente! 

Alla fine di questo post ti spieghiamo come!

scaricare zoom

Zoom meeting: panoramica della dashboard

La Dashboard su Zoom è uno spazio esclusivo che serve a vedere velocemente, con grafici accurati tutto ciò che riguarda gli Users, i Meeting, le Stanze e i Webinar svolti. Puoi selezionare il periodo entro il quale analizzare i campi ed esportare tutti i dati e i dettagli di ogni campo in un foglio Excel. In questa sezione troverai anche i ‘’Top 10 Users’’, ovvero gli utenti che hanno partecipato a più meeting e che hanno partecipato a più ore di meeting.

Puoi anche vedere, con una rappresentazione grafica, la nazionalità più frequente dei tuoi partecipanti. Inoltre la piattaforma salva anche i device di collegamento più utilizzati dai tuoi utenti. 

 

scaricare zoom

Alla voce Meetings ci viene mostrato un elenco di tutti i meetings passati e programmati. Vedi come di ogni meeting ti vengono date delle informazioni (dall’ID, all’argomento, dal nome dell’organizzatore, dal tempo di inizio, dal numero dei partecipanti al video, alla registrazione). Potrai inoltre vedere anche se l’audio, il video, la condivisione di schermo e la registrazione, sono state utilizzate nel corso del meeting. Puoi anche vedere tutti i tipi di licenze dei tuoi utenti nel tuo account. C’è anche la possibilità di mettere più o meno campi da mostrare, puoi fare ciò cliccando su Customize. Puoi anche cercare il meeting di cui hai bisogno nell’apposita barra di ricerca. 

 

scaricare zoom

Alla voce Zoom Rooms puoi vedere tutte le stanze che hai creato con il tuo profilo. Anche qui puoi scegliere di aggiungere più campi di analisi, cliccando su Customize. Puoi inoltre cercare una specifica stanza nell’apposita barra di ricerca. In alto a sinistra vedi che la piattaforma ti informa sul numero totale delle stanze create ed anche sul livello di pericolo di queste stanze.

scaricare zoom

La voce CRC, che sta per Cloud Room Connector, mostra invece il tracciamento per i sistemi delle varie stanze; all’interno della tabella vengono anche riferiti il giorno, l’ora, il livello massimo e il livello totale delle ore. Anche qui puoi decidere quale periodo di tempo vuoi visionare cliccando in alto a sinistra. 

scaricare zoom

Alla voce Webinars ci vengono mostrati tutti i webinar, sia i Webinar da svolgere sia i Webinar già svolti, che sono stati aggiunti nel profilo. Anche qui possiamo scegliere quali campi d’analisi mostrare, cliccando su Customize, e ricercare il webinar che ci serve nell’apposita barra di ricerca.

 

scaricare zoom

La voce IM, che sta per Instant Message, mostrai tutti quelli che sono i messaggi ricevuti e inviati fra l’Admin e i clienti. Qui puoi vedere che tipi di contenuti sono stati condivisi fra le due parti (file, immagini, video, emoji). È possibile decidere il periodo che si intende verificare e se mostrare gli scambi che sono avvenuti giornalmente, settimanalmente o avvenuti nel corso dell’intero mese. Puoi anche cercare un User particolare nella barra di ricerca ed esportare tutti i dati in un file Excel.
scaricare zoom

Alla voce Downloads puoi scaricare i report relativi agli spazi di Dashboard, Meetings, Zoom Rooms, Webinars e IM.

scaricare zoom

Inoltre Zoom ti offre un supporto gratuito per comprendere al meglio tutte le funzionalità della piattaforma! 

Basta cliccare su Support (in alto a destra) e troverai tutti i video tutorial ufficiali di Zoom.

Vuoi la tua piattaforma Zoom, avere formazione e consulenza su Zoom o conoscere tutte le alternative per realizzare i tuoi meeting e i tuoi webinar?

Se sei deciso ad acquistare la tua licenza Zoom, puoi farlo affidandoti a noi, con tutti i vantaggi di avere un fornitore italiano e la fatturazione italiana.

Se hai deciso invece di acquistare GoToMeeting, puoi procedere in autonomia da questa pagina

Infine, puoi rivolgerti a noi per questi bisogni:

Hai bisogno di formazione su Zoom?
Puoi iscriverti subito a questo corso completo dove imparerai come utilizzare la piattaforma in ogni sua funzionalità e in modo professionale.

Corso online completo su Zoom

 

Vuoi una licenza di Zoom, hai bisogno di una consulenza personalizzata o di un servizio di regia?

Se vuoi una tua licenza Zoom, hai bisogno di una consulenza personalizzata o un servizio di regia completo per un evento particolarmente delicato da realizzare sulla tua piattaforma Zoom, contattaci: con una consulenza senza impegno capiremo insieme come possiamo aiutarti.

IMPORTANTE!
WebinarPro fornisce formazione all'uso della piattaforma Zoom e in più fornisce licenze della piattaforma Zoom (con il vantaggio dei nostri servizi e la fatturazione italiana).

Quindi possiamo aiutarti se:
1) Hai bisogno di un corso online completo in italiano per imparare ad utilizzare Zoom, in ogni suo dettaglio
2) Hai bisogno di una consulenza personalizzata sulla tua piattaforma Zoom
3) Hai bisogno della tua licenza Zoom e vuoi affidarti ad un partner italiano per acquistarla
4) Hai bisogno per un evento particolarmente importante un servizio di regia completa sulla tua piattaforma Zoom ( CLICCA QUI PER APPROFONDIRE! )

 

Stai pensando di fare webinar nel 2020 ma non hai ancora trovato quale fra le piattaforme webinar migliori è più adatta a te? O sei stanco di utilizzare sempre gli stessi software e sei alla ricerca di una piattaforma webinar stabile ed affidabile per i tuoi eventi online?

Bene, in questo articolo trovi un elenco sempre aggiornato delle migliori piattaforme webinar.

Per prima cosa, se hai il bisogno molto urgente di attivare in brevissimo tempo una piattaforma webinar (e avere una piattaforma meeting inclusa), puoi farlo da qui (leggi attentamente tutte le informazioni e guarda la demo della piattaforma):

Attiva subito la tua piattaforma

 

Nel corso degli ultimi mesi ho studiato diversi software ed ho aiutato molte persone che come te sono interessate a prendere confidenza con le piattaforme webinar. La lista che ho scritto per te in questo articolo si basa quindi sulle mie impressioni, sull'esperienza degli utenti con cui ho lavorato e sulle probabili funzioni che verranno aggiornate.

piattaforme webinar migliori

 

Piattaforme webinar: come scegliere quella migliore

Ormai tutti sanno che fare un evento online è molto facile e le piattaforme che possono aiutarti a realizzare il tuo webinar sono numerosi e accessibili. Molti software consentono anche di fare una prova gratuita per testare le funzioni e vedere se corrispondono alle tue esigenze.

La parola chiave è proprio questa: esigenza. Se vuoi fare un social webinar, piattaforme come BeLive o OBS Studio vanno benissimo e soddisfano le tue esigenze. Invece se hai bisogno di fare formazione a distanza o vuoi incrementare le tue attività di marketing ti servono altri tipi di piattaforme, con caratteristiche volte a soddisfare questo tipo di esigenze.

Di seguito troverai la lista delle 10 piattaforme webinar migliori per il 2019 e ti dirò le caratteristiche principali di ognuna di queste. In questo modo potrai capire quali sono le piattaforme webinar migliori per i tuoi progetti. Ma intanto ecco l'elenco delle piattaforme webinar migliori:

  1. GoToWebinar
  2. Zoom
  3. Cisco Webex
  4. Bluejeans
  5. WebinarJam
  6. EverWebinar
  7. ClickMeeting
  8. Demio
  9. Livestorm
  10. WebinarNinja

 

Piattaforma GoToWebinar: un grande classico

GoToWebinar è una delle piattaforme sul mercato da più tempo ed è una delle più usate. Per alcuni la sua interfaccia è complicata, ma basta prenderci un pochino di confidenza e il gioco è fatto. Gran parte dei nostri clienti usano questa piattaforma senza problemi ed ottengono ottimi risultati.

Offerta speciale GoToWebinar

Innanzitutto GoToWebinar è una delle piattaforme più stabili per eventi online che hanno numeri elevati di partecipanti. Noi di WebinarPro non abbiamo quasi mai avuto problemi durante i nostri eventi con questa piattaforma (e l’abbiamo utilizzata per più di 5000 ore!).

GoToWebinar offre un’esperienza eccezionale sopratutto per tre tipologie di evento: Standard, Webcast e Registrato.

Con questa piattaforma webinar 

  • condividi lo schermo in modo semplice 
  • interagisci con i partecipanti tramite la chat
  • hai una sezione dedicata di domande e risposte
  • puoi somministrare sondaggi e indagini

Chiaramente l’uso di ognuna di queste features (caratteristiche) può variare in base alle finalità del tuo evento online. L’unico limite è che non puoi somministrare più di 5 sondaggi per un evento.

La piattaforma ci consente di registrare l’evento direttamente in cloud e si può visualizzare la registrazione tramite una pagina di iscrizione. In questo modo puoi anche tracciare chi ha partecipato all’evento, chi ha visto solo la registrazione e chi si è iscritto senza aver partecipato. Infine, grazie alla nuova GoToStage puoi anche creare canali e puoi caricare le registrazioni dei tuoi eventi online.

Se ti interessa approfondire i dettagli di questa piattaforma, leggi il mio articolo su GoToWebinar e iscriviti QUI per ricevere il corso introduttivo gratuito di questa piattaforma.

 

Piattaforma webinar Zoom

Zoom è una delle piattaforme migliori e più usate per i meeting e per i webinar. Questo perché

  • è facile da usare
  • supporta fino 100 relatori con collegamento audio e video 
  • contiene fino a 10,000 partecipanti

Avevo spiegato tutte le caratteristiche di Zoom in un altro mio articolo, per cui qui non andrò nei dettagli. In sintesi

  • Zoom ha tutti gli strumenti di una piattaforma di webinar: la chat, domande e risposte, i sondaggi, l'alzata di mano e analytics
  • consente di trasmettere su Facebook Live e YouTube Live in tempo reale
  • il suo punto di forza è la sua UI (User Interface) e il fatto che permette agli utenti meno esperti di avere un’esperienza soddisfacente.

Inoltre la piattaforma webinar Zoom offre molte integrazioni con altri software (come Marketo, Eloqua, Pardot e Salesforce). Si integra perfettamente con i CMS (Customer Management System) e ti permette di personalizzare i tuoi form e le tue mail.

A questo proposito, non posso non parlarti dell'integrazione con Zapier. Grazie a questo plug-in puoi monetizzare con i tuoi webinar e consente ai tuoi partecipanti di pagare tramite Paypal o Carta di Credito.

Ultimo punto, ma non per importanza: i partecipanti possono partecipare praticamente da qualsiasi device, incluso desktop, mobile, Zoom Rooms e Zoom Conference Room Connectors. Post Scriptum per i geek: è disponibile anche su Linux ;-)

 

La piattaforma Cisco Webex e la sua versatilità

Cisco Webex è una piattaforma molto famosa di WebMeeeting, perchè grazie ai suoi endpoint di collaborazione soddisfa svariate esigenze.  Non tutti sanno però che questo software ha due prodotti dedicati ai webinar: che Cisco Webex Events e Cisco Webex Webcasting. Cisco Webex Events e Cisco Webex Webcasting hanno più o meno hanno le stesse caratteristiche. La vera differenza sta nel numero di partecipanti, che su Webcasting possono essere fino a 40,000! Questa è una delle piattaforme webinar migliori perché

  • anche qui puoi trovare le funzioni base di qualsiasi piattaforma webinar: la chat, domande e risposte, condivisione schermo/documenti ed i sondaggi
  • hai a disposizione una lavagna condivisa in cui disegnare live e segnare tutte le annotazioni del caso
  • puoi bloccare l'ingresso dei partecipanti al tuo evento in qualsiasi momento
  • ci sono tre diversi layout video fra cui scegliere (Active Speaker Video View, Active Speaker and Thumbnail View e Grid View) quando non sei in condivisione dello schermo.

Ultimamente è possibile collegarsi ad un evento Cisco anche tramite Webex Audio tramite la chiamata, tramite VoIP e tramite Sistema di Video.

La semplicità della piattaforma webinar BlueJeans

Nei mesi precedenti ho parlato anche di questa piattaforma e sono sceso nel dettaglio di tutte le caratteristiche principali. Provo a riassumerti qui le features più importanti.

  • Se hai bisogno di una piattaforma webinar che ospiti un'audience molto grande, la piattaforma BlueJeans può fare al caso tuo. Questo software fornisce un’esperienza abbastanza stabile fino a 15,000 persone collegate contemporaneamente!
  • Grazie alla sua integrazione con Marketo, puoi automatizzare le tue attività di marketing. Questa combinazione con 15,000 lead potrebbe produrre dei risultati molto interessanti!
  • Fornisce gli strumenti fondamentali per un webinar: la chat, domanda e risposta, gli sondaggi etc.
  • BlueJeans è una delle piattaforme device agnostic: significa che funziona in qualsiasi device e dà la possibilità di accedere tramite il browser, il software ed il sistema di stanza.
  • Ha la possibilità di trasmissione su Facebook. Questa ormai è una caratteristica fondamentale per le piattaforme moderne, ma Bluejeans ha una marcia in più: offre la qualità HD per la trasmissione video e collabora con Dolby Voice® per l'audio.

Decisamente interessante, non credi?

 

WebinarJam e i social webinar

WebinarJam è la piattaforma di Genesis Digital per gli eventi online ed è famosa per la sua integrazione con i principali social media. Con webinarJam

  • scegli di trasmettere a YouTube Live, Facebook Live o JamCast -  l’emitente (broadcaster) di WebinarJam
  • proteggi le tue Webinar Room con una password
  • hai tutte le funzioni base delle piattaforme webinar migliori
  • regge fino a 6 co-relatori contemporaneamente
  • grazie al layout Picture-in-Picture (PiP) puoi avere una regia digitale avanzata: questo vuol dire che puoi cambiare il layout di trasmissione direttamente da questa piattaforma.

 

EverWebinar e i webinar automatici

Con EverWebinar entriamo nel vivo del Webinar Marketing. Questa piattaforma ti consente di erogare solo i webinar automatici. Ti parlo di questa piattaforma perché

  • puoi pianificare i Recurring Webinars (i webinar che si ripetono)
  • configuri il sistema e modifichi il fuso orario in base alla zona geografica che ti interessa
  • è un prodotto di Genesis Digital (la casa di WebinarJam). Molti considerano la piattaforma EverWebinar una sorta di WebinarJam automatizzato: puoi integrare questi due sistemi per far diventare un webinar direttamente automatizzato dopo la sua registrazione.

Inoltre si integra con i software più conosciuti per fare lead generation. Alcuni di questi sono MailChimp, GetResponse, Zapier ed InfusionSoft. Si può anche embeddare con Google Analytics e Facebook Pixel per tracciare i tuoi partecipanti.

 

La piattaforma ClickMeeting e la monetizzazione

Vuoi monetizzare i tuoi webinar direttamente dalla piattaforma senza usare un CMS? Allora ClickMeeting è una delle piattaforme che potresti usare. Integrandola con PayPal, potresti far pagare i partecipanti del tuo webinar direttamente sul tuo account PayPal. Inutile dire che supporta tutte le caratteristiche base di un webinar: la chat, domande e risposte, i sondaggi, e condivisione schermo. Offre anche la condivisione WhiteBoard.

Una caratteristica interessante è la possibilità di personalizzare la waiting room (stanza d'attesa) e la stanza dei webinar. Puoi anche aggiungere il tuo logo e il colore che desideri nello sfondo delle stanze. Questa piattaforma è anche personalizzabile tramite integrazioni con Google, Twitter, YouTube, Facebook, Slack e HubSpot.

Con ClickMeeting puoi trasmettere direttamente dal browser e si collega con Youtube e Facebook. 

 

La piattaforma webinar Demio

Demio è una delle piattaforme webinar migliori in cui puoi trovare tutte le caratteristiche che ti servono per erogare un evento completo. Contiene tutti gli strumenti fondamentali per un webinar: la chat, domande e risposte, i sondaggi, condivisione dei documenti. In più ti consente di lanciare un’offerta durante l’evento. Inoltre

  • i partecipanti possono accedere alla sessione via browser
  • trasmetti in HD
  • imposti la sequenza per i webinar automatizzati
  • carichi le tue slide e i file che vuoi condividere con il tuo pubblico direttamente sulla piattaforma. In questo modo non c'è bisogno che condividi lo schermo e i partecipanti non vedono i documenti sul tuo desktop!

Come con tutte le piattaforme moderne, hai la possibilità di personalizzare le pagine d’iscrizione e le notifiche di reminder. In più puoi embeddare i form e inserirli nella tua pagina web (utile per catturare i dati degli iscritti).

 

La piattaforma webinar Livestorm

Le tipologie dei webinar che offre Livestorm sono Recurring, Pre-Recorded, On-Demand e Live Event Streaming.

Recurring dà la possibilità di trasmettere un webinar con le sessioni multiple tramite la stessa Landing Page.

Pre-Recorded consente di trasmettere un webinar già registrato.

La caratteristica interessante di Livestorm è la tipologia Live Event Streaming. Grazie a questa feature puoi trasmettere un Live Event stream (ad esempio con YouTube Live o Facebook Live) invece di creare un Livestorm Stream. Questa caratteristica è già presente su altri software di regia digitale, ma metterlo a disposizione come una tipologia di evento secondo me è un punto di forza!

Anche qui abbiamo gli strumenti fondamentali di coinvolgimento: la chat, domande e risposte, i sondaggi. Puoi condividere il tuo schermo, un video, un collegamento di YouTube o un documento.

Infine puoi personalizzare la tua pagina d’iscrizione all'evento, puoi creare dei form su misura in base alle tue esigenze e inserirli nelle tue landing page.

 

La piattaforma WebinarNinja

Anche WebinarNinja è una delle piattaforme webinar migliori e fa parte della mia Top Ten per molti motivi. Vediamoli:

  • consente di creare webinar di tipo Live, Automated, Series e Hybrid
  • fornisce una pagina di iscrizione e una thank-you page
  • crei la presentazione direttamente dal software
  • trasmetti in modo automatico anche su Youtube
  • hai a disposizione chat, domande e risposta, i sondaggi e le offerte.

Vuoi trovare la piattaforma perfetta per i tuoi webinar ed eventi online?

WebinarPro è sempre aggiornata sulle ultime novità e dedica tempo, passione e studio delle miglior piattaforme per realizzare eventi online e webinar.

Raccontaci cosa devi realizzare e noi ti aiutiamo a trovare la piattaforma perfetta per le tue esigenze:


 

Se ti ricordi, in questo articolo abbiamo parlato della piattaforma WebinarJam. In molti ci avete scritto chiedendo quali sono le differenze fra queste due piattaforme webinar. Oggi ti racconterò quali sono le principali differenze fra WebinarJam e GoToWebinar.

Una piccola premessa. Noi diciamo sempre che la piattaforma è l’ultimo dei problemi. Mi spiego: quando progetti un webinar devi prefissare degli obiettivi ed è in funzione di questi che alla fine sceglierai la piattaforma.

Le questioni che guideranno la tua scelta sull’una o all’altra piattaforma sono

  • la tipologia di webinar (webmeeting, webconference)
  • lo scopo del tuo evento (formazione, marketing, consulenza)
  • il numero di partecipanti (le piattaforme webinar hanno vari tagli)
  • la condivisione di materiale in diretta (come sondaggi, documenti, lavagna condivisa)

Se hai ragionato su ogni punto e la tua decisione ricade fra GotoWebinar e WebinarJam, oppure se sei semplicemente curioso, ha senso che continui a leggere l’articolo. 

Preparati. Da adesso entriamo nel vivo del discorso.

 

webinarjam o gotowebinar

 

WebinarJam e GoToWebinar: le differenze

Sia WebinarJam che GoToWebinar sono piattaforme valide e consentono molta libertà nella creazione di eventi e nella loro personalizzazione. Hanno funzioni simili e sono entrambe user friendly. Tuttavia ognuno ha il suo tocco di originalità e sono proprio queste caratteristiche che differenziano queste due piattaforme webinar sotto un punto di vista tecnico.

Nelle prossime righe vedremo quali sono le caratteristiche che differenziano WebinarJam e GoToWebinar e ci soffermeremo nello specifico

  • sui test prima dell’evento online
  • sull’interfaccia di questi software
  • sulle differenze di pricing

e alla fine ti racconterò il mio personale punto di vista.

 

I test di GoToWebinar e WebinarJam

Questo paragrafo ti interessa soprattutto se sei abituato ad esercitarti in piattaforma prima del tuo evento online. WebinarJam e GoToWebinar consentono di fare test, ma con una piccola differenza:

  • GoToWebinar ti fa esercitare nello stesso slot (o spazio virtuale) in cui hai pianificato il tuo evento
  • WebinarJam crea un alias del tuo evento e ti consente di esercitarti su questa copia.

Ti stai chiedendo perché questa è una differenza importante? Testare l’evento online su GoToWebinar è più rischioso: il test avviene nello stesso slot da cui poi verrà trasmessa la diretta. Se per sbaglio clicchi su un pulsante puoi aprire la sessione “ufficiale” e dovresti riprogrammare lo slot e invitare di nuovo gli utenti che si erano già iscritti. Su WebinarJam questi problemi non esistono perchè l’esercitazione avviene in uno spazio diverso: puoi sperimentare ed esercitarti quanto vuoi e senza preoccupazioni. Inoltre puoi invitare i tuoi collaboratori al test tramite un link: potrai ricevere i loro feedback sul tuo evento online simulando un vero e proprio webinar.

 

I link di WebinarJam

Dedico questo breve paragrafo ai link di WebinarJam perché meritano un piccolo approfondimento. Oltre il link per accedere al test che ho appena citato, WebinarJam mette a disposizione altri due tipi di link:

  • codice embed di registrazione da inserire nella tua pagina web e che riporta l’utente sulla pagina di registrazione
  • link d’emergenza, da condividere con gli utenti che non riescono ad accedere all’evento online

Nota bene: gli utenti che passano tramite il link di emergenza non vengono tracciati e inclusi negli analytics. Condividilo solo quando non hai nessun’altra alternativa.

 

L’interfaccia delle piattaforme GoToWebinar e WebinarJam

Hai già avuto occasione di usare queste piattaforme? Se la risposta è no non ti preoccupare: puoi accorgerti delle differenze anche solo facendo una ricerca di immagini su Google.

L’interfaccia di WebinarJam è molto intuitiva: in alto sullo schermo ci sono quattro pulsanti con cui puoi controllare le impostazioni di webcam, audio, condivisione schermo e diretta. A destra invece trovi una sessione per gestire i partecipanti, la chat e le domande.

GoToWebinar ha le stesse funzionalità, ma sparse nel pannello di controllo. A primo impatto l’interfaccia di GoToWebinar può sembrare molto più complicata. Per questo motivo di invito a guardare il nostro Corso Introduttivo Gratuito sull’interfaccia della Piattaforma GoToWebinar, che puoi scaricare cliccando sul pulsante qui sotto.

 

Guarda Gratis il Corso Introduttivo di GoToWebinar

WebinarJam e GoToWebinar prezzi

WebinarJam costa 479 $ all'anno e direi che è un prezzo ragionevole per le funzionalità che offrono. Puoi accedere alla versione di prova di 60 giorni cliccando su questo link, ma dovrai comunque inserire le informazioni sulla tua Carta di Credito o di PayPal per poter accedere alla piattaforma.

I prezzi di GoToWebinar dipendono soprattutto dal numero di partecipanti e includono una prova gratuita di sette giorni. Puoi trovare altre informazioni cliccando QUI.

 

Ti racconto la mia esperienza

Io sono un Webinar Manager e mi occupo della regia di un evento online (non sai di cosa sto parlando? Clicca qui). GoToWebinar è il mio pane quotidiano: ogni volta che ho un test o una regia su GoToWebinar mi sento a mio agio. L’ambiente è molto professionale e una volta presa confidenza con la piattaforma è tutto molto facile, soprattutto da quando hanno cambiato il back-end.

Anche utilizzando WebinarJam non ho avuto difficoltà durante la pianificazione e la diretta. Tutto è molto chiaro, facile da trovare e facile da gestire. Mi rendo conto che l’interfaccia di questa piattaforma è meno complicata da gestire e questo è importante soprattutto se sei alle prime armi e non hai un team di supporto che gestisca il tuo evento online. L'unico lato negativo di WebinarJam è la qualità video. Durante i test che ho condotto, ho avuto difficoltà a gestire il canale video perché il flusso non era di qualità. Ad esempio non c'era davvero alcuna differenza tra qualità video 480p e qualità HD 1080p.

 

Hai voglia di raccontarmi la tua esperienza? Lascia un commento e ti risponderò il prima possibile!

Scrivo questo articolo sulla piattaforma Adobe Connect perché so bene che scegliere la piattaforma giusta può sembrare complicato. Esistono tante piattaforme valide. La scelta dipende solo da quali funzioni ti servono realmente e quali obiettivi vuoi raggiungere. Lo dico sempre: la scelta della piattaforma webinar viene sempre dopo le scelte relative alla strategia e agli obiettivi dell’evento online.

In questo articolo ti parlerò della piattaforma Adobe Connect. Vedremo le caratteristiche principali e i motivi per scegliere questa piattaforma per i tuoi eventi e per la formazione online.

piattaforma Adobe Connect

 

Adobe Connect e i suoi vantaggi

La piattaforma Adobe Connect è una delle nostre piattaforme preferite e ne seguiamo sempre gli sviluppi molto da vicino (come abbiamo scritto nel post “Adobe Connect 9.3: piccole grandi rivoluzioni!“). Ma quali sono le caratteristiche che rendono Adobe Connect una piattaforma webinar molto efficace? Eccole:

  • questa piattaforma webinar è completa e ti permette di costruire la struttura dell’evento come la preferisci, nel modo più adatto alle tue esigenze interattive
  • è multipla. No, non ha nulla a che fare con l’automobile! :-) Con Adobe Connect crei diverse aule, ognuna adatta per una fase del Webinar (ad esempio distinguendo tra accoglienza, content e momento di confronto), oppure aule specifiche per i differenti compiti e obiettivi del tuo evento online
  • è versatile. Adobe Connect ha l’incredibile flessibilità di adattarsi anche ai momenti interattivi e formativi più articolati e complessi, con la possibilità di pre-caricare materiali e contenuti di quasi tutti i tipi.
  • è multimediale (veramente!). Adobe Connect ti permette di caricare musica, video, slide, documenti e molto altro, tutte risorse che arricchiscono la tua presentazione e la rendono varia e coinvolgente (soprattutto se hai seguito uno dei nostri corsi e hai imparato come si fa veramente un Webinar!).
  • puoi creare gruppi di lavoro. Hai presente quel magnifico momento collaborativo in cui in un’aula tradizionale il formatore decide di dividere le persone in sotto-gruppi, magari condotti da un tutor? Ecco, con Adobe Connect lo puoi fare! :-)

 

Adobe Connect: quando e come usarla

Puoi usare la piattaforma Adobe Connect per

Ora vediamo quali sono le funzioni principali della piattaforma Adobe per ognuno di questi scopi.

 

conference call

Fare webinar con Adobe Connect

Quante piattaforme webinar conosci? Noi ne abbiamo testate molte ed ognuna ha i suoi pregi. Quelli di Adobe connect per i webinar sono che

  • la sala virtuale è totalmente personalizzabile: puoi creare una stanza per un webinar di marketing ed un’altra stanza totalmente differente per un webinar di formazione. In questo modo garantisci ai tuoi partecipanti un ambiente idoneo per delle esperienze uniche
  • hai a disposizione dei template per le pagine d’iscrizione e per le mail
  • tieni sott’occhio le attività dei tuoi partecipanti
  • crei report personalizzati. Grazie a questa funzione puoi anche tracciare le attività di coinvolgimento dei partecipanti e capire cosa va bene o cosa è, invece, da migliorare.

 

Organizzare riunioni con la piattaforma Adobe

Spesso ci troviamo ingabbiati in riunioni lunghe e inefficaci (leggi un po’ qua). Se organizzi riunioni e meeting con Adobe Connect puoi provare a sollevare il morale dei collaboratori grazie ad alcuni accorgimenti:

  • scegli il layout migliore fra quelli pre-inseriti sulla piattaforma, adattandolo alle esigenze del tuo team
  • condividi lo schermo o i file, interagisci con la chat, trasmetti file audio e video
  • crei e gestisci piccoli gruppi grazie alle Breakout Rooms. Questa funzione è molto utile se devi suddividere i partecipanti in gruppi di lavoro più piccoli per facilitare attività di brainstorming o team building
  • suddividi i contenuti grazie alle Meetings Library

 


La piattaforma Adobe Connect e la Formazione Online

Esistono molte piattaforme adatte alla formazione online, ma la piattaforma Adobe è una delle migliori. Te lo dico perché, oltre ad avere tutte opportunità che ho elencato fino ad ora, grazie alla funzione Training di Adobe

  • hai una whiteboard per creare un documento in diretta
  • puoi somministrare quiz, sondaggi e test di verifica
  • condividi con i tuoi studenti contenuti Consigliati, Obbligatori e Nascosti in base alle esigenze del tuo percorso di formazione
  • verifichi l’attività dei tuoi studenti
  • crei report sulla base di contenuti, corsi, curriculum, stanze virtuali e/o studenti
  • grazie ai cataloghi faciliti l’apprendimento individuale

Ma la caratteristica più importante è questa: Adobe Training si integra con tanti LMS (Learning Management System) !

 

I limiti della Piattaforma Adobe

In oltre cinque anni di eventi di tutti i tipi con questa piattaforma, ho sempre riscontrato più vantaggi che svantaggi.

Una volta il limite principale era il prezzo, lievemente più alto di altre soluzioni, ma oggi anche questo limite sembra essere superato, con i nuovi piani di pricing. Oggi puoi avere Adobe Connect Meetings a partire da 46€/mensili, Adobe Connect Webinars a partire da 120€ al mese e l’abbonamento Adobe Connect Learning a 340€, sempre mensili.

Un secondo limite è il suo pregio più grande: la complessità richiede tempo e supporto per essere padroneggiata. Con Adobe Connect puoi fare tante cose, ma devi investirci un po’ di tempo per sperimentare le diverse opzioni.

Se vuoi altre informazione, puoi leggere la Guida Introduttiva alla piattaforma Adobe Connect cliccando QUI.

Vuoi conoscere tutti i vantaggi attivando la tua piattaforma con WebinarPro? 

Se sei interessato ad una piattaforma webinar tutta tua, contattaci: con una consulenza senza impegno capiremo insieme qual è la soluzione migliore per te.

Stai cercando una piattaforma per offrire formazione online e non sei ancora riuscito a trovarla?

O magari già conosci GoToWebinar e GoToMeeting ma ti sei reso conto che sono piattaforme limitate per quanto riguarda la collaborazione e la formazione online in diretta?

Oppure semplicemente vuoi leggere questo articolo perché ti fanno simpatia i miei articoli?

Va bene, sappiamo tutti che l’ultima ipotesi non è vera.

Qualsiasi sia il motivo per cui ti trovi qui, ti assicuro che dopo averlo letto questa pagina avrai una buona conoscenza della piattaforma GoToTraining.

In questo articolo ti parlerò delle caratteristiche della piattaforma GoToTraining e ti svelerò qualche tips per renderla più efficace.

formazione online

Cos’è GoToTraining?

GoToTraining non è altro che la soluzione di Citrix/LogMeIn per la formazione online in diretta (il cosiddetto e-learning).

Si tratta di una piattaforma che combina alcune caratteristiche di GoToWebinar e altre di GoToMeeting.
Perché l’ho descritta così? Il motivo è semplice: perché GoToTraining racchiude le caratteristiche dei webinar (i sondaggi, i documenti da condividere, l’uso della chat) e le caratteristiche dei meeting online (l’accesso istantaneo, l’audio aperto, la collaborazione).

Devi immaginare questa piattaforma come una stanza virtuale in cui puoi fare tutto quello che fai in una classe convenzionale, però con una differenza: il professore non vede se stai dormendo o no!

Quante persone possono parlare in contemporanea nell’aula?

Quando si utilizza il servizio integrato di conferenza audio, è possibile attivare l’audio di un massimo di 25 utenti e consentire loro di parlare in qualsiasi momento.

In modalità ascolto, GoToTraining permette di avere fino a 200 utenti connessi durante una sessione di formazione.

Come funziona la Chat?

E’ chiaro: senza la possibilità di comunicare, potremmo davvero chiamarla formazione?

Per questo motivo esiste la chat, come in qualsiasi piattaforma principale per gli eventi online.
L’aspetto interessante della chat di GoToTraining è la possibilità di decidere con chi i partecipanti possono comunicare.

All’interno dell’aula virtuale, puoi decidere se:

  • I partecipanti possono usare la chat
  • I partecipanti possono usare la chat solo con gli organizzatori
  • I partecipanti possono usare la chat con chiunque

Questo aspetto ti dà la possibilità di creare situazioni di formazione differenti: una sessione dove vuoi che le persone comunichino soltanto con gli organizzatori o una situazione dove è importante che i partecipanti parlino tra di loro (ad esempio, durante un’attività di gruppo).

In qualsiasi momento della tua formazione online puoi cambiare questa funzionalità per rendere il tuo evento più dinamico e più/meno coinvolgente.

 

Cosa posso fare con i gruppi di lavoro? 

La possibilità di creare gruppi di lavoro è probabilmente la caratteristica più importante di GoToTraining.
Anzi, ti posso dire che è la componente fondamentale per una sessione di formazione online avanzata e professionale!

Con GoToTraining puoi creare un massimo di 6 gruppi di lavoro che possono collaborare contemporaneamente.

I gruppi di lavoro ti permettono di far compiere diverse azioni ai tuoi partecipanti:

  • Modificare un documento in tempo reale e in contemporanea (documenti Google)
  • Visualizzare un video, un’immagine o un documento
  • Condividere lo schermo
  • Utilizzare solo l’audio

L’integrazione con Google Drive permette di condividere in tempo reale i documenti Google (Docs, Sheets, Slides). Una volta terminato il gruppo di lavoro, i documenti su cui i partecipanti hanno lavorato vengono salvati direttamente in Google Drive.

Ecco la parte migliore: i gruppi di lavoro funzionano tramite browser, quindi i tuoi partecipanti avranno bisogno solo di Google Chrome o Mozilla Firefox per poter partecipare all’attività.

Quali contenuti posso condividere?

All’interno dell’aula virtuale di GoToTraining puoi condividere materiali in formato PDF, XLS, mp4. Le modalità per caricare i documenti sono due:

  • Utilizzare la libreria di GoToTraining
  • Utilizzare un collegamento esterno (tramite link).

Quindi hai anche la possibilità di condividere i tuoi video su YouTube o Vimeo mettendo i link. 

Oltre alla tipologia di materiali, puoi scegliere se fornire l’accesso ai materiali della formazione nel momento dell’iscrizione, durante la sessione di formazione o dopo la sessione.

Come coinvolgere i partecipanti? 

Puoi utilizzare test e sondaggi per creare una sessione di formazione più stimolante e coinvolgente. Mentre i sondaggi esistono anche in GoToWebinar, i test sono specifici solo per GoToTraining. L’aspetto più interessante dei test è la possibilità di crearli con diverse caratteristiche a seconda dello scopo dell’evento.

Cosa intendo?
Possiamo usare dei test fornendo le istruzioni, le domande e le risposte in modo tale che vengano mostrate solamente le risposte corrette ed i punteggi, solo i punteggi o nessuno dei due.

formazione online

Inoltre, possiamo anche decidere quando assegnare il test ai nostri partecipanti/collaboratori: all’iscrizione, durante o dopo la sessione.

Un esempio semplice: se stai erogando una sessione formativa e la stai registrando, molto probabilmente vorrai evitare che le risposte sbagliate siano visibili. Con GoToTraining puoi farlo con semplicità!

formazione online

 

Feedback, feedback ovunque…

formazione online

Si, come in qualsiasi attività che coinvolge le persone, anche in GoToTraining è molto importante sapere se la formazione erogata sia stata efficace o meno.

Puoi avere il feedback dei tuoi partecipanti sia subito dopo la chiusura dell’evento sia tramite una mail supplementare inviando un link di collegamento al test di valutazione

Come faccio a creare attestati di partecipazione per i miei studenti?

Dopo il completamento della formazione, hai la possibilità di inviare il certificato di partecipazione con una mail supplementare ai partecipanti.

Purtroppo per ora il certificato non è molto personalizzabile a livello grafico, però è sicuramente un ottimo metodo di controllo per sapere chi ha partecipato o semplicemente per permettere alle persone di condividerlo sui social.

Quanto costa GoToTraining? 

I piani per GoToTraining sono tre: Starter, Pro e Plus.

Più o meno hanno le stesse funzionalità per ogni pacchetto, però la differenza più importante che contengono i piani Pro e Plus è la creazione dei gruppi di lavoro (chiamata Collaborazione Breakout).

Nel caso di fatturazione annuale, il piano Starter ha un costo di €107/mese, Pro ha un costo di €169/mese e Plus ha un costo di €315/mese.

Per maggiori informazioni sul pricing di GoToTraining puoi consultare questa pagina e se sei interessato, scrivici a commerciale@webinarpro.it per scoprire le nostre offerte!

Vuoi toccare con mano la piattaforma?

In questo articolo ti ho parlato delle caratteristiche principali e delle funzionalità essenziali di GoToTraining.

Ovviamente, leggere cosa può fare la piattaforma è una cosa … sperimentare toccandola con mano è un’altra!

Se vuoi saperne di più e vuoi vedere la piattaforma in azione, clicca sul pulsante e guarda la registrazione del webinar gratuito in cui Fabio Ballor spiega e fa vedere le basi di questa piattaforma.

 

Le basi di GoToTrainingDemo Gratuita

 

Se invece vuoi avere delle informazioni più avanzate, clicca QUI e guarda il tutorial avanzato per la gestione della tua formazione online.

 

E non ci fermiamo qui. Ti anticipo che analizzeremo altre piattaforme, cercando di spiegarti come funzionano e se sono utili per le tue esigenze di marketing, formazione e collaborazione.

Seguici, non ti pentirai :)

In questo articolo ti parlerò di tutte le novità della piattaforma GoToWebinar.

GoToWebinar

La piattaforma di LogMeIn è sempre stata criticata a causa della sua complessità e rigidità. Se hai avuto modo di provarla sai di cosa sto parlando: la difficoltà di trovare le voci durante la pianificazione, l’ambiguità dei termini utilizzati, il duro lavoro di raccolta dei dati analitici… Insomma, per organizzare un evento online a livello professionale dovevi avere un minimo di know-how. E non sto parlando dei segreti o dei trucchi per realizzare un webinar, ma proprio degli aspetti tecnici della piattaforma e del suo backend.

Abbiamo partecipato ai webinar di LogMeIn e abbiamo testato in anteprima le nuove funzionalità di questa piattaforma. Qui troverai la prima recensione in italiano sulle novità di GoToWebinar.

 

La nuova dashboard di GoToWebinar

Cliccando QUI puoi vedere la nuova dashboard di GoToWebinar. Cosa ne pensi?

Secondo me questa nuova dashboard non solo è una delle novità più importanti, ma è anche la più attesa. E’ una dashboard completa e moderna, che ci permette di vedere subito i dati più importanti:

  • eventi pianificati,
  • eventi passati,
  • dati analitici degli ultimi 5 webinar e
  • gli ultimi video degli eventi passati.

dashboard gotowebinar

In alto sulla destra trovi anche due pulsanti: uno che ti mostra il calendario integrato con i tuoi eventi e il pulsante “Pianifica”. Ed è proprio qui che puoi creare in pochi passi il tuo evento online, seguendo anche i consigli che la piattaforma stessa ti dà. Ad esempio, sapevi che i webinar pianificati tra le 10:00 e mezzogiorno dal martedì al giovedì hanno percentuali di iscrizione più alte?

Inoltre, la nuova dashboard di GoToWebinar è totalmente responsive: significa che puoi usare la nuova piattaforma senza problemi e pianificare il tuo prossimo webinar anche da mobile, tablet e da PC.

Ah, e c’è anche un nuovo assistente. Si chiama Sparky, il nuovo bot firmato LogMeIn (puoi vederlo nella prima immagine).

La Pianificazione degli eventi su GoToWebinar ed i Dettagli

Ti ricordi quando dovevi cliccare su ogni voce per creare o modificare qualcosa? Ora è solo un brutto ricordo. Con la nuova versione user-friendly di GoToWebinar tutti i campi sono raggruppati all’interno di un’unica pagina. Potrai creare, modificare e rivedere tutti i dettagli del tuo evento online da un’unica interfaccia. Ti verranno anche mostrati i limiti di iscrizione e di partecipazione degli utenti, così potrai gestire più facilmente e in maniera consapevole le attività di marketing.

C’è anche una novità fondamentale per gli organizzatori: si tratta del Custom Registration Disclaimer. Cosa significa? Da ora gli organizzatori hanno la possibilità di aggiungere un disclaimer modificabile alla pagina d’iscrizione (ad es. “Confermando questa casella, presto il consenso all’utilizzo delle mie informazioni all’organizzatore di questo webinar”).

Senza parlare poi della Thank You Page. Grazie a questo nuovo aggiornamento puoi reindirizzare gli iscritti a una tua thank you page personalizzata dopo l’iscrizione. Come puoi realmente usare questa funzionalità in modo efficace? Magari facendo un follow-up sui tuoi prodotti e servizi. Per quanto riguarda il follow-up post webinar, invece, sappi che ora ci sono più possibilità di programmazione e personalizzazione. Ad esempio, ora puoi incorporare all’e-mail un sondaggio.

 

I nuovi dati analitici di GoToWebinar

Prima gli analytics di GoToWebinar erano difficili da trovare. Con questo nuovo aggiornamento, LogMeIn ci ha dato una pagina totalmente indipendente per visualizzare i dati dei webinar. Ora con gli analytics di GoToWebinar puoi vedere:

  • I dati sugli utenti iscritti
  • I dati sugli utenti che hanno partecipato
  • La percentuale di partecipazione durante il webinar

in un pratico grafico a barre, su cui puoi applicare due filtri:

  • Il numero minimo/massimo degli iscritti
  • Il numero minimo/massimo dei partecipanti.

In quale formato? Anche qui abbiamo una novità: oltre al formato Excel e CSV, potrai scaricare i dati anche in formato PDF.

 

dati analisi gotowebinar

Il nuovo Video Editor di GoToWebinar

Questa sarebbe proprio una grande innovazione! Sarebbe davvero utile avere un tool integrato nella piattaforma per editare le registrazioni dei webinar direttamente dal browser. Ma per ora il Video Editor integrato su GoToWebinar è in modalità beta e non abbiamo avuto occasione di testarlo. Non si sa ancora quando verrà rilasciato, ma appena avremo notizie aggiornerò subito questo paragrafo.

Nel frattempo puoi provare altri programmi, come Screenflow e Adobe Premiere Pro.

 

GoToStage e la Libreria di Contenuti GoToWebinar

Nella nuova libreria di contenuti puoi caricare i tuoi video e puoi vedere il numero di visualizzazioni che i tuoi video hanno ricevuto. Grazie alla funzione GoToStage puoi anche creare delle categorie sul tuo Canale Personale e far trascrivere il contenuto dei video direttamente dalla piattaforma (purtroppo non ancora in italiano).

content gotowebinar

Ho cercato di spiegarti tutte le novità principali di GoToWebinar, ma mi rendo conto che leggendo un articolo può essere difficile comprendere davvero le nuove funzionalità e il loro potenziale.

Clicca sul pulsante qui sotto e guarda le registrazione del Webinar Gratuito in cui Fabio Ballor parla proprio delle novità di questa piattaforma.

 

Guarda la registrazione del Webinar Gratuito!