Il lavoro agile in Italia DEVE essere incentivato. Ecco perché

Ci è voluta un’emergenza sanitaria per smuovere l’Italia sul tema lavoro agile.

Nelle ultime due settimane abbiamo posticipato le nostre sveglie, abbiamo svuotato i mezzi pubblici, abbiamo usato meno le nostre auto. Abbiamo scoperto che una casa, una connessione internet e un computer possono far andare avanti un business. Insieme a tanta organizzazione e alla giusta informazione.

Tantissime organizzazioni (dalle grandi aziende alle PMI, ma anche pubbliche amministrazioni) hanno risposto alla paralisi delle misure di contenimento mettendo il turbo nello sperimentare un’approccio al lavoro che fino ad adesso veniva pronunciato timidamente: lo smart working, o lavoro agile.

lavoro agile

Lavoro agile: cos’è?

Il Miur lo definisce così:

Il lavoro agile (o smart working) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

Possiamo riassumere le caratteristiche cardine in questi due punti:

  • Nessun obbligo di presenziare in ufficio
  • Il lavoro viene valutato per raggiungimento di obiettivi

Quale tecnologia serve per fare smart working?

La prima preoccupazione di un’organizzazione che si ritrova ad adottare soluzioni di smart working è lo scoglio tecnologico. Gli strumenti base necessari sono i seguenti:

  1. Ogni lavoratore coinvolto deve avere un computer e una connessione internet stabile
  2. L’organizzazione deve utilizzare almeno un software per videoconferenze, riunioni e collaborazione in diretta.
    Se sei alla ricerca urgente proprio di questo software, possiamo aiutarti in questa pagina.
    Se stai ancora esplorando, ti consiglio di approfondire Zoom o GoToMeeting.
    Se le tue esigenze sono molto basiche, scoprirai che anche Skype è un’ottima soluzione per iniziare. 
  3. L’organizzazione deve avere uno spazio cloud, raggiungibile dal lavoratore in remoto, dove condividere documenti e file di lavoro.
    In questo modo tutto quello che viene prodotto sul computer del lavoratore viene immediatamente condiviso e non rimane “in locale”. Una soluzione molto semplice da adottare e un ottimo esempio è Google Drive. 

Se hai questi tre elementi, sei pronto dal punto di vista tecnologico ad inserire nella tua organizzazione il lavoro agile. Non ti serve nulla di più.

E ricorda: partire con semplicità è il miglior modo per affrontare ogni situazione nuova, compreso lo smart working!

Il vero scoglio dello smart working: mentalità, psicologia e formazione

Abbiamo scoperto che la tecnologia dietro al lavoro agile è alla portata di ogni lavoratore ed azienda e non solo: in tantissimi casi anche già presente nella vita lavorativa e personale di ognuno di noi.

Quello che davvero scuote ogni realtà che adotta lo smartworking è la paura di un profondo cambiamento culturale all’interno dell’azienda e il grosso cambiamento psicologico che ogni figura deve affrontare.

Il lavoro agile richiede la giusta psicologia e mentalità per tutti, dall’imprenditore allo stagista.

Abbiamo approfondito questo tema nell’articolo meraviglie e rischi dello smartworking 

Mi piace condividere anche qui i credo del manager e del lavoratore smart 

Credo del manager smart: 

  • ho fiducia in te
  • se tu sei soddisfatto, lavorerai meglio per me
  • se la tua vita è migliore, lo sarà anche la tua performance
  • definiamo insieme gli obiettivi da raggiungere, sarò il tuo coach
  • organizzati in libertà, sarai valutato sui risultati
  • puoi anche lavorare a casa o dove preferisci
  • ti fornisco le tecnologie per essere sempre connesso con noi
  • ti fornisco strumenti condivisi di collaborazione in remoto
  • in azienda troverai ambienti smart di incontro, condivisione e relax
  • offro flessibilità, chiedo responsabilità

Credo del lavoratore smart:

  • Rispetto la fiducia che mi viene data
  • Vivo la libertà di movimento come uno sprint per il lavoro
  • Ho piena fiducia nei miei colleghi e nei miei superiori
  • Mi concentro sui risultati
  • La mia presenza fisica non è un obbligo, ma un PIACERE
  • Dedico più tempo alla mia vita personale
  • Mi sento ancor più responsabile del mio lavoro

Molto prima di questa emergenza abbiamo creato un corso online di oltre 6 ore completo proprio su questa tematica: come organizzare il lavoro da casa non solo dal punto di vista tecnologico, ma soprattutto strategico e psicologico.

Volevamo offrire uno spunto pratico che nascesse dalla nostra esperienza diretta di oltre vent’anni di attività in smart working e, d’altra parte, portare i risultati delle nostre ricerche nel settore: operando tutti i giorni con migliaia di persone che lavorano a distanza, la nostra esperienza doveva necessariamente essere arricchita da studi e ricerche approfondite. Il corso è proprio il risultato di questo lavoro.

Corso online sullo Smart Working

Siamo pronti al lavoro agile in Italia?

La risposta ce la fornisce l'Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano.

Ti consigliamo di consultare i dati della loro ricerca (2019) da questa pagina, qui ti riassumiamo i punti principali:

  • Sono 570mila i lavoratori italiani in smart working 
  • Soluzioni di lavoro agile vengono adottate dal 58% delle grandi imprese, dal 12% delle PMI (in aumento rispetto al 2018) e dal 16% delle Pubbliche Amministrazioni (con iniziative ancora limitate in termini di persone coinvolte). 
  • Il 76% di chi lavora in smart working è soddifatto del proprio lavoro, contro il 55% di chi è obbligato a lavorare tutti i giorni in ufficio.

Condividiamo anche il pensiero chiaro e preciso di Fiorella Crespi, Direttore dell'Osservatorio Smart Working. 

Per praticare davvero lo Smart Working occorre superare l’associazione che sia solo lavoro da remoto, ma interpretarlo come un percorso di trasformazione dell’organizzazione e della modalità di vivere il lavoro da parte delle persone. Sono ancora poche le organizzazioni che lo interpretano come una progettualità completa, che passa anche dal ripensamento degli spazi e da un nuovo modo di lavorare basato sulla fiducia e la collaborazione. Agire sulla flessibilità, responsabilizzazione e autonomia delle persone significa trasformare i lavoratori da ‘dipendenti’ orientati e valutati in base al tempo di lavoro svolto a ‘professionisti responsabili’ focalizzati e valutati in base ai risultati ottenuti. Fare Smart Working a un livello più profondo significa fare un ulteriore passo oltre, lavorando sull’attitudine e i comportamenti delle persone promuovendo un pieno engagement per far sì che i lavoratori diventino veri e propri ‘imprenditori’ con un’attitudine all’innovazione e alla creatività

Perché il lavoro agile DEVE essere incentivato in Italia

Questa corsa allo Smart Working ci sta insegnando tanto.
Da qui puoi leggere l'illuminante articolo del Sole24ore che centra a pieno tre grandi insegnamenti che dobbiamo trarre.

Questi sono i motivi in cui noi ci crediamo fermamente:

  1.  Lavorare da casa riduce il co2 di 214 milioni di tonnellate l'anno.
  2. Avere la scelta di lavorare da casa migliora l'equilibrio tra lavoro e vita privata.
  3. I momenti di incontro fisico con i colleghi migliorano e diventano più produttivi: vedersi di persona diventa un piacere e non più un obbligo.
  4. Adottare soluzioni di lavoro agile obbliga le organizzazioni a stabilire obiettivi chiari e misurabili, orientando il business verso i risultati che si vogliono raggiungere.
  5. Ogni lavoratore non è più responsabile di occupare la propria scrivania, ma di raggiungere i propri obiettivi.
  6. Il lavoro agile è un win-win per l'imprenditore e il dipendente: migliorando la vita del dipendente, migliora il business.

Ti appassiona l’argomento e vuoi avere un metodo per il tuo lavoro agile? Lascia qui la tua esperienza, i tuoi commenti e le tue considerazioni!

E se vuoi approfondire, scopri il nostro corso Lavorare Ovunque Sei (lo trovi qui).

Ti aspettiamo!

The following two tabs change content below.
Laureata in Comunicazione, figlia di genitori, sorella di un fratello. Da sempre affascinata dal mondo della comunicazione digitale e web marketing, lavoro per renderla la mia professione. Ogni giorno un passo avanti mentre coltivo la musica, la scrittura, il cinema, le nottate in pigiama davanti alle serie tv e il trekking.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *