Come promuovere i tuoi webinar tramite i social media

W – e – b – i – n- a- r”, un seminario online in cui parli in forma diretta con il tuo pubblico della tua attività e di come il tuo lavoro può aiutarli. Ma come promuovere webinar ?

Una volta appurato che il webinar è uno strumento di comunicazione one to many incredibilmente potente che permette di comunicare in modo strategico con la propria audience, l’obiettivo ultimo è quello di trasformare i tuoi lead in clienti, quindi persone potenzialmente interessate al tuo lavoro/azienda/servizi in acquirenti. Quindi, in teoria, più iscritti riuscirai a raccogliere, maggiori saranno i canali di business che potrebbero attivarsi successivamente.

Dirlo, scriverlo, comunicarlo 

Prodotti, servizi e webinar non si vendono da soli, vanno sponsorizzati e “comunicati” in modo appropriato. La comunicazione in ottica marketing ha fondamentalmente tre obiettivi: informare, persuadere e infine ricordare. Il flusso è molto semplice: c’è un (potenziale) compratore che deve innanzitutto essere informato sull’esistenza del “cosa” vogliamo vendergli, ma poi deve anche essere persuaso circa l’acquisto di un determinato prodotto/servizio (in questo caso il tuo webinar) con argomentazioni convincenti. Un processo lineare che affinché sia efficiente deve reiterarsi nel tempo (obiettivo ricordare) con un andamento circolare.

Hai pianificato un webinar? Adesso devi capire in che modo pubblicizzarlo. La promozione, il cui obiettivo/step finale  è la conversione, è un elemento imprescindibile della comunicazione e può avere forme, che sottendono meccanismi e logiche proprie, e che variano in relazione alla natura del “cosa”, del “chi” e del “come”. 

Crea una Landing Page coinvolgente

Facebook, Instagram, Linkedin, Telegram. Sono buoni canali di promozione, ma ti serviranno a poco se non hai una pagina di atterraggio adeguata, che sia chiara, fluida e anche ben scritta. Parti da una buona strategia persuasiva, pensa come un potenziale cliente. Se riuscirai a comunicare con lui in un’ottica più di benefici che di bisogni, avrai buone probabilità di conversione e/o di raccolta lead (contatti su cui lavorare successivamente con altre campagne o attività di marketing). 

Prima del webinar – Scegli i tuoi canali di promozione

​Iscriviti alla nostra newsletter!

​Tutto quello che devi sapere su webinar, videoconferenze, piattaforme e non solo: web marketing, presentazioni efficaci e storytelling!

Hai già una landing page?

Non basta, se nessuno sa che esiste e per un buon posizionamento sui motori di ricerca occorrono tempo, tanto lavoro e anche un po’ di soldini da spendere. Se i tuoi tempi sono stretti non è certo alla prima pagina di Google che puoi aspirare (a meno che tu non abbia il budget necessario per finanziare una campagna capillare su parole chiave molto competitive). 

Magari nel tuo caso può essere più efficace sfruttare le viralità dei social media distribuendo il tuo budget in modo strategico e su fasce di pubblico profilate. Facebook, Linkedin, Instagram? Qual è la piattaforma su cui il tuo “pubblico” trascorre più tempo?

Pensaci, riflettici, scegli il tuo “canale” preferenziale e stanzia un budget. La brutta notizia è che non puoi sperare di  promuovere il tuo webinar a costo zero, anche se hai una pagina “ricca”, rigogliosa e molto popolata.

Lo so, ti starai chiedendo quali siano i canali migliori. Dipende, tendenzialmente dal settore in cui operi e dal tuo target. Linkedin senza dubbio è il social network ideale per il B2B, un canale preferenziale se vuoi “colpire” i professionisti del tuo settore, anche se considerati i costi delle campagne (decisamente alti rispetto agli standard di altri social network), probabilmente Facebook e Instagram rimangono i canali più gettonati e se sei bravo a profilare riesci anche a contenere molto i costi.

Dunque, sei pronto per promuovere il tuo webinar? Naturalmente testa una campagna video. Se hai già un minimo di esperienza con le inserzioni su Facebook, saprai già che i video ti permettono di ottimizzare l’investimento perchè costano poco e raggiungono tante persone. Inoltre cosa può esserci di più sensato se non promuovere un webinar con un video?

Segui la logica del calendario editoriale 

Non si vive di sole campagne a pagamento, quelle possono aiutarti a fare click, a rimpolpare il tuo pubblico, ad acquisire lead  e a raggiungere vari altri obiettivi. L’engagement, che è il motore che tiene viva una pagina, lo puoi ottenere solo se pubblichi contenuti interessanti, coerenti con il tuo piano strategico ma soprattutto coinvolgenti. Più la tua pagina è attiva minore è la quota di budget di cui avrai bisogno per raggiungere i tuoi obiettivi, quindi, nel tuo caso specifico,  per “reclutare” partecipanti per il tuo webinar. 

Non pensi che sia inutile investire denaro in una campagna like per far crescere la pagina se poi chi ci arriva non trova nulla di interessante e va via? Considera anche che man mano che i tuoi follower non interagiscono con la tua pagina, non vedranno più i tuoi contenuti organici (post gratuiti senza nessun investimento di budget). I follower vanno acquisiti ma poi bisogna studiare una strategia per mantenerli e renderli attivi. 

Per esempio puoi condividere con il tuo pubblico consigli utili, guide, aggiornamenti di settore, brevi clip che anticipano i contenuti dei tuoi webinar. Per “potenziare” la copertura dei tuoi post, eventualmente, potrai investire un paio di euro sui contenuti più interessanti per ampliarne la visibilità e favorire le  “interazioni”. Però fallo con logica, seguendo un piano e sulla base di una strategia. A tal proposito ti anticipo che avrai bisogno di un vero e proprio calendario per pianificare e “rendicontare” la tua attività sui social. 

Il calendario editoriale è uno strumento essenziale per pianificare i contenuti, ragionare su temi e rubriche e per organizzare e avere una visione di insieme su tutto il lavoro che stai facendo sui social network per promuoverti. Ricorda che se non sei organizzato, se non hai un piano editoriale e se non sei cosciente del lavoro che stai facendo non sarai neanche in grado di misurare l’efficacia della tua strategia, sperperando tempo e denaro prezioso. 

Dopo il Webinar – Keep in touch    

Non è ancora finita! Stai attento a non sottovalutare l’importanza del Follow Up, d’altronde il webinar non si limita solo ed esclusivamente all’evento live e considera anche che, spesso, gli utenti preferiscono guardarlo in un altro momento o rivederlo successivamente. Peraltro la registrazione ti consente di continuare a promuovere il tuo evento anche se si è già concluso e di reiterare nel tempo la relazione con i tuoi contatti/partecipanti.

Per esempio, potrebbe essere una buona idea, mettere a disposizione la registrazione del webinar anche per chi non ha partecipato e proseguire con una campagna di acquisizione contatti che richiede una registrazione in cambio del link da cui scaricare il webinar. 

Oltretutto potrai estrapolare dal file brevi video da utilizzare per sponsorizzare il tuo prossimo evento e “colpire” con le tue inserzioni i nuovi utenti ma anche quel target già acquisito con cui nel tempo si sono persi i contatti. 

Non basta un webinar per svoltare, bisogna anche avere un pubblico. Un prodotto diventa redditizio se cucito sulle esigenze della propria clientela, con i webinar funziona, più o meno, allo stesso modo. 

Se fai già webinar o eventi online, come li promuovi? Hai altri suggerimenti? scrivili nei commenti qui sotto a questo post.

The following two tabs change content below.

Danila Tarantino

Giornalista per vocazione, Blogger in tempi insospettabili, Social Media Manager per divertimento. Aiuto brand e persone con progetti interessanti a raccontarsi in rete: scrivo, parlo, posto e condivido in modo “strategico” allo scopo di promuovere aziende e servizi per creare reali opportunità di business digitali. Per gli amici sono la_taranta. Il mio mantra: ogni impedimento è giovamento.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *