Quando c’è stato l’avvento dei Social Network ero un’adolescente. Mi ricordo che in quegli anni usavo il cellulare (che non era ancora uno smartphone!) per messaggiare con i miei amici. Avevo 100 sms gratis al giorno… ma non mi bastavano mai! Allora verso sera iniziavo a mandare degli MMS, tanto nella promozione che avevo erano gratis pure quelli.

 

community online

 

Le mie community

Cosa me ne facevo di tutti quei messaggi non lo so. Vedevo i miei compagni di classe tutte le mattine, magari ci sentivamo dopo la scuola per lamentarci dei compiti o dei professori. Vedevo i miei amici il pomeriggio, all’oratorio del paese in cui sono cresciuta o ai parchetti. Con loro probabilmente mi sentivo la mattina per organizzarci sull’orario o sulle cose da fare. Sono sempre stata un po’ social, e queste erano le mie community.

Quando sono arrivati i Social Network, prima fra tutti Facebook, mi sono iscritta subito. Sarà stata l’intraprendenza dell’età, il fatto che fosse gratis, la voglia di conoscere gente nuova o semplicemente è stata una rivoluzione che ha assorbito tutta la mia generazione (e anche quella prima e tutte quelle dopo!).

 

Il mondo social di oggi

Negli anni le piattaforme social sono cresciute, aumentate, si sono perfezionate fino a occupare un ruolo importante nella nostra vita. Oggi, infatti, è lì che custodiamo foto e ricordi con amici e parenti. Ma non solo: è sui Social Network che gestiamo anche il nostro business. Infatti è probabile che l’azienda per cui lavori abbia una pagina propria su Facebook, Instagram, Twitter o Linkedin. Creare una community online è il modo per gestire al meglio i propri clienti, per distribuire contenuti di valore o per fare lead generation.

 

Cos’è una community online

Qualche riga fa ti parlavo di quali fossero le mie community quando ero una ragazzina. Ecco, la community online è la stessa cosa, ma nel web. Anche in questo immenso mondo interconnesso, infatti, siamo portati a cercare un luogo di appartenenza con persone che abbiano interessi simili ai nostri. Mettiamo likes a pagine che trattano di argomenti che ci interessano e chiediamo di iscriverci a gruppi per poter condividere la nostra esperienza e chiedere consigli.

Allo stesso modo, se siamo noi a creare una community attiriamo persone che hanno valori e interessi che si rispecchiano nella nostra identità e che cercano contenuti utili alle loro esigenze.

 

Fare business con le community online

Ora capisci perchè dovresti inserire una o più community nella tua strategia di marketing? Certo, gestirle richiede un grande impegno, sia di risorse economiche che di tempo. Più iscritti hai e più è difficile stare dietro a quello che pubblicano, alle loro richieste e ai loro commenti. In sintesi, avere e gestire una community online è un vero e proprio lavoro, che se fatto bene porta grandissimi risultati. Come?

  • prefissati degli obiettivi
  • studia il target a cui vuoi rivolgerti
  • progetta i tuoi contenuti

Devi avere degli obiettivi specifici

L’importante è prefissarsi degli obiettivi e avere ben chiare le persone a cui rivolgersi. Se la tua attività è già avviata, non avrai problemi a capire qual è il target a cui devi fare riferimento. Ma ricorda: per attirare le persone nella tua community online devi condividere contenuti di valore. Se non condividi nulla che possa servire a migliorare l’esperienza dei membri della tua community, non andrai molto lontano!

Per cui i tuoi obiettivi devono incontrarsi con quelli dei potenziali membri. Inoltre, tramite la community online, puoi promuovere dei sondaggi o analizzare le richieste degli utenti per costruire nuovi contenuti e nuovi prodotti.

 

Quali contenuti?

Beh, dipende sempre dal tuo progetto. Se hai una community online aperta, cioè se chiunque può entrare a farne parte, puoi condividere articoli o video che approfondiscono gli argomenti di cui tratti. In parallelo, puoi stimolare la nascita di conversazioni fra gli utenti, coinvolgendoli e chiedendo di condividere i loro dubbi e la loro esperienza. Se la tua community online invece è a pagamento i membri sono più esigenti: oltre a fare tutto ciò che faresti per una community online libera, puoi programmare contenuti extra. Mi riferisco ad esempio a webinar con interventi live di professionisti in un ambito specifico, oppure a materiale didattico, to-do-list o video tutorial.

 

Come vedi, gli spunti su cui fondare e programmare la tua community online sono molti e variegati. Di certo, leggendo questo articolo, ti sono venuti in mente molti sprint interessanti. Hai preso appunti? Allora puoi cominciare a creare (o a migliorare) la tua community online!

The following two tabs change content below.

Vanessa Migliano

Sono laureata in Comunicazione e la mia passione è il Digital Marketing. Adoro imparare, studiare, curiosare. Quando non assisto ad un webinar, leggere e cucinare sono i miei hobby preferiti, insieme alle serie tv e agli animali. I miei colleghi ti diranno che sono un po’ sbadata e un po’ pignola.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *