Meraviglie e rischi dello smart working

Sei interessato allo smart working? Sei convinto che possa migliorare il tuo stile di vita? Sei un imprenditore e vuoi applicare l’approccio flessibile alla tua azienda?  Fai bene. Le ricerche parlano chiaro: chi lavora smart è più soddisfatto e più produttivo.

Ma non è tutto semplice e qualche difficoltà va gestita. In questo articolo ti parlerò delle meraviglie e dei rischi dello smart working aziendale e dello smart business per i professionisti.

smart working

Lo smart working in azienda

Lo smart working è un approccio filosofico manageriale. Ecco il credo del manager smart:

  • ho fiducia in te
  • se tu sei soddisfatto, lavorerai meglio per me
  • se la tua vita è migliore, lo sarà anche la tua performance
  • definiamo insieme gli obiettivi da raggiungere, sarò il tuo coach
  • organizzati in libertà, sarai valutato sui risultati
  • puoi anche lavorare a casa o dove preferisci
  • ti fornisco le tecnologie per essere sempre connesso con noi
  • ti fornisco strumenti condivisi di collaborazione in remoto
  • in azienda troverai ambienti smart di incontro, condivisione e relax
  • offro flessibilità, chiedo responsabilità

La legge 81/2017 ha finalmente istituzionalizzato e regolamentato il lavoro agile (smart working).  Bello, facile e perfetto? Non è proprio così. Più avanti ti spiego perché. Prima ti parlo di un altro modo di intendere lo smart working che è in crescita vertiginosa.

Lo smart business per i professionisti

Lo smart working riguarda solo le imprese? Teoricamente sì ma il termine si è ormai esteso ai professionisti free-lance che utilizzano il mondo digital come ambiente in cui sviluppare il proprio business. Ecco il credo del professionista smart:

  • io sono ovunque
  • non avrò altro ufficio al di fuori del mio laptop
  • la famiglia e i viaggi sono importanti per me
  • costruisco la mia autorevolezza online
  • credo nel cloud computing profondamente
  • io sono social e il mio marketing è online
  • i miei meeting sono online
  • le mie presentazioni e i miei corsi sono online
  • le mie consulenze sono online
  • incontrarsi di persona non è un obbligo ma un vero piacere

Wow! It sounds great! Te lo dico francamente: no, non al 100%. Essere libero professionista smart è grandioso ma nasconde alcune insidie da gestire con attenzione.

Vantaggi e svantaggi dello smart working per i professionisti

Se sei un professionista, lo smart working può diventare per te un vero e proprio stile di vita. Viene chiamato anche laptop life style e ne abbiamo parlato qui. I vantaggi sono numerosi. Il mercato diventa il mondo e tu puoi essere ovunque nel mondo. Puoi armonizzare spazi e tempi della tua vita professionale e familiare. Lavorare a casa permette di seguire la crescita dei figli: molti professionisti hanno scelto lo smart business per questo. I risparmi sono assolutamente notevoli, eliminando molti costi (affitto di un ufficio, benzina, autostrade, parcheggi).  Quali sono gli svantaggi?

  • isolamento: hai meno interazioni con team e colleghi
  • abbrutimento: puoi ritrovarti  in pigiama dalla mattina alla sera
  • sregolatezza: rischi di sballare sonno e alimentazione
  • derive multitasking: stai con tuo figlio ma con lo smartphone in mano
  • stress da convivenza: il cane abbaia, il figlio si intrufola, il partner chiede cose

Come salvarsi? Sei vuoi lavorare smart senza essere sopraffatto dai rischi, devi sviluppare consapevolezza e autodisciplina. Regole e routine aiutano e vanno concordate con la propria famiglia. È importante creare un tempo e uno spazio per avere una tua “bolla” di isolamento e concentrazione. Molti smart freelance trovano nel cowo la possibilità di incontrare colleghi e arricchirsi con momenti di confronto e networking. Evita il multitasking quanto puoi: quando lavori lavori, quando stai con tuo figlio, stai con tuo figlio. Hai scelto lo smart working per migliorare il tuo work-life balance? Vuoi un equilibrio armonico tra vita e lavoro? Proteggi le due dimensioni.

Vantaggi e svantaggi dello smart working in azienda

L’edizione 2017 dell’Osservatorio smart working del Politecnico di Milano ha calcolato che un progetto maturo di smart working aziendale porta un aumento di produttività del 15%. Fai attenzione, l’insidia è proprio qui: un progetto maturo. Il vero rischio è che molte aziende realizzino una versione superficiale dello smart working, riducendolo alla semplice collaborazione in remoto. Definirsi smart fa tendenza ma i manager possiedono una cultura smart?

Ti appassiona l’argomento e vuoi avere un metodo per il tuo smart business?

Iscriviti al nostro webinar gratuito Smart Working Facile di mercoledì 21 febbraio alle ore 17:00.

Ti aspettiamo!

The following two tabs change content below.
Scrivere e comunicare sono la mia passione e la mia professione. Ho conosciuto Luca e Fabio frequentando un corso di Webinar Academy, ora siamo soci in WebinarPro. I webinar sono il nostro stile di vita. Collaboriamo a distanza da Milano, Palermo, Monza, Bassano, Bari, Alicante, Nouméa. Come biografa, a volte giro il mondo ma questo non arresta i nostri meeting. Amo il silenzio, mio figlio, i gatti. Potrei rinunciare a tutto ma non ai miei libri. Ho cinque librerie stracolme e un amatissimo Kindle.

Ultimi post di Paola Breseghello (vedi tutti)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WebinarPro srl | Partita IVA: IT 09 28 85 00 961 | Numero REA: 2081498 | Sede Legale: Via C. Finocchiaro Aprile 14, Milano| Mail: segreteria@webinarpro.it | T: 0240700515 | M: 3938104017

Condizioni di vendita | Policy della privacy

Scopri le tappe del nostro Tour!

  • Posti limitati.

    The following two tabs change content below.
    Laureata in Comunicazione, figlia di genitori, sorella di un fratello. Da sempre affascinata dal mondo della comunicazione digitale e web marketing, lavoro per renderla la mia professione. Ogni giorno un passo avanti mentre coltivo la musica, la scrittura, il cinema, le nottate in pigiama davanti alle serie tv e il trekking.