La grammatica degli eventi online: 6 parole per migliorare la tua presentazione webinar

Ti sarà capitato di essere relatore o relatrice in una presentazione webinar, una videoconferenza o una riunione online. Se non ti è mai capitato, sappi che la presentazione webinar è molto diversa dalle tradizionali presentazioni in presenza. La presentazione webinar avviene tramite una piattaforma, a distanza, con pochissimi segnali di comunicazione non verbale, con un para-verbale (tono, volume della voce, timbro, ecc.) filtrato dalla tecnologia e quindi, in alcuni casi, meno efficace di quanto accade in presenza, quando sei a pochissimi metri dai partecipanti.

Nell’ambito di tutto ciò che riguarda il modo di presentare webinar in modo efficace, c’è un banale accorgimento che riguarda 6 parole che usiamo tutti i giorni, in modo indistinto, senza particolari attenzioni ma che in una presentazione webinar possono fare la differenza.

Sono 6 banalissime, comunissime, semplicissime parole che usate nel modo corretto differenziano una presentazione webinar classica, tradizionale, forse comune, se non innocua, da una presentazione webinar coinvolgente, straordinaria e capace di far sentire i partecipanti, parte di qualcosa!

[Nota: volevamo includere il classico filmato di Moretti… prendetelo come citazione tacita! :-) ]

 

Le 6 parole che possono cambiare la tua Presentazione Webinar!

Ogni giorno nella nostra comunicazione “normale” al bar, con i colleghi, gli amici, alla cassa di un supermercato usiamo 6 parole in modo implicito, tanto che spesso non le diciamo neanche, lasciandole sottointese, visto che è il verbo a definirle:

Io – Tu – Lui, Lei – Noi – Voi – Loro

Mai sentite? :-)

​Scarica la Guida MESSNER

​Applica subito 7 strategie alle tue presentazioni per presentare in modo convincente, elegante e professionale

Si chiamano pronomi personali e, anche se non l’hai mai pensato, possono trasformare radicalmente il tuo modo di condurre una presentazione webinar, valorizzando e garantendoti un risultato completamente diverso in temrini di coinvolgimento e partecipazione.

Prima di verderle nel dettaglio, leggile ad alta voce, ad occhi chiusi e memorizza l’effetto che ti fanno!

presentazione webinar

 

IO

Partiamo dal presupposto che sia tu il protagonista, il relatore del webinar e che sia tu responsabile diretto di tutto ciò che accade durante la presentazione webinar.

Lo sappiamo e lo sanno i tuoi partecipanti! Si vede, sei lì che stai parlando! Scendi dal podio, mischiati insieme a noi comuni mortali, lasciati coinvolgere da noi, anche se non ci vedi e non ci senti.

IO è la parola che rischia di allontarti più di tutte dai tuoi partecipanti. Anche se è difficile, devi tentare di limitarla, magari ammorbidendola con un noi, facendo riferimento a un’ipotetica terza entità astratta (vedi più sotto!).

Dimenticati di essere un Guru, abbandona i panni delle alte sfere e affrotna la folla online della tua presentazione webinar con umiltà, semplicità e normalità!

Apprezzeranno tutti!

 

TU

La parola più strana e potente da usare in una presentazione webinar: TU!

Quando per il libro Webinar professionali abbiamo intervistato Robin Good, uno degli elementi che più ci ha colpito è il suo modo di rivolgersi ai partecipanti! Credo sia unico e straordinario in questa sua capacità. Come puoi leggere dall’intervista del libro, Robin si rivolge alle persone (spesso centinaia di persone, considerando la popolarità dei suoi eventi!) dandogli del TU!

Si, perchè ogni partecipante è quasi sempre da solo davanti allo schermo, non è sul divano con tutta la famiglia e il cane (come potrebbe invece accadere davanti a una trasmissione televisiva!). E Robin parla a te che stai leggendo questo post!

Nel testo scritto è facile parlare direttamente con TE, dandoti del TU! Riduce le distanze, crea ponti straordinari!

Ma in una presentazione webinar è più difficile, ma ugualmente efficace e potente! Il tuo singolo partecipante si sentirà coinvolto direttamente, sarà lì a chiacchierare con te, si sentirà libero di darti del Tu, quando ti incontrerà al bar, perchè siete già amici!

Prova a usare questa parola magica e misura il risultato! E solo Tu sai quanto vale il Tuo ruolo in una presentazione webinar, soprattutto quando sei tu il relatore o sei tu il partecipante!

 

LUI - LEI

La terza persona, sia singolare (Lei e LUI) che plurale (Loro), può creare molta distanza, se usata con accuratezza.

In quello spazio in cui ci metti Lui, Lei o Esso (quando parli di un oggetto astratto), puoi relegare tante cose: puoi metterci un risultato da raggiungere, un obiettivo, qualcosa di desiderabile e ogni volta che parli di Lui, stai facendo riferimento a quella meta!

Oppure, puoi usarLo o usarLa come ipotetici nemici, come qualcosa da tenere distante volutamente! Parlerai di “quella cosa lì” come qualcosa da cui allontanarsi, ovviamente consigliandolo, come capirai tra poco, a tutti Noi, nessuno escluso e a Te in particolare!

La terza persona è molto potente per comunicare distanza o una meta. Provaci!

 

NOI

Chi siamo NOI? Non è una domanda esistenziale sul genere umano. Ci limitiamo a parlare delle presentazioni webinar, non molto altro! :-)

 

NOI può essere usato per riferirsi ai relatori, al gruppo che organizza la presentazione Webinar. E solitamente usiamo questa parola in questi termini!

Ma NOI può riferirsi anche e soprattutto alla community virtuale formata da tutti i partecipanti all’evento, incluso TU, incluso IO e pure tutti gli altri.

Come sai, nella comunicazione creazione coinvolgimento è uno degli obiettivi fondamentali e spesso possiamo raggiungere questo risultato facendo sentire il singolo (TU) parte di un gruppo (NOI) caratterizzato da qualità eccezionali e uniche, tipiche solo di un gruppo speciale, il Nostro! Sei contento di fare parte del Nostro Gruppo? Percepisci, effettivamente, che il fatto di leggere queste righe, ti rende più simile a noi che agli altri?

 

VOI

Voi, se usato in modo sbagliato, può dare l’effetto di distanza tra NOI (fighissimi, eletti, quelli svegli e che ottengono il migliore risultato possibile, e Tu lo sai bene quanto è vero!) e gli Altri che inclusono, ahime! TU!

In una presentazione webinar ci è capitato qualche tempo fa un relatore che voleva spingere le persone ad uscire dal loro stato attuale, cambiare status, iscrivendosi a un corso. Peccato che continuava a usare la seconda persona in modo distanziante, creando un confine troppo netto tra NOI e VOI, e il singolo partecipante si sentiva dalla parte sbagliata, ma senza intravedere un ponte tra quel VOI e il NOI a cui anelare.

Ogni volta che usi il VOI e il TU, ricorda di creare il ponte da uno stato all’altro, portando le persone dalla parte giusta, che poi è la Nostra! ;-)

LORO

Funziona esattamente come la terza persona singolare: usare il Loro in modo dispregiativo è una delle strade più usate per delimitare, definire, descrivere i nemici, gli Altri contro i quali combattere. E ne hai un esempio lampante dalle elezioni degli ultimi… 2.000 anni!

Stai attento a come usi il Loro!

Esagerare può dare fastidio, evocare tensione, sviluppare aggressività! E il tuo obiettivo durante una presentazione webinar è generare piacere, coinvolgimento, non creare per forza conflitto tra l’INGROUP (noi) e l’OUTGROUP (loro, tutti gli altri!).

 

Oltre la Presentazione Webinar

Puoi usare queste sfumature quando vuoi, in qualsiasi contesto comunicativo in cui ti trovi!

Ed è importante essere consapevole di queste sfumature, perchè spesso sono quelle che influenzano un modo efficace e coinvolgente di comunicare da uno più piatto e meno attraente.

Chiaramente non basta sapere usare efficacemente queste sfumature, ma bisogna saperlo fare molto bene davvero!

 

 

The following two tabs change content below.
Da 15 anni sfrutto la mia laurea in Filosofia e in Psicologia per aiutare aziende e professionisti a realizzare percorsi formativi e promozionali online, sfruttando al massimo la tecnologia offerta dai Webinar, dalle Aule Virtuali e dalle VideoConferenze. Sono autore insieme a Fabio Ballor del primo manuale italiano sul tema degli eventi online "Webinar Professionali" (Hoepli, 2013) e del primo libro al mondo sul "Public Speaking Online" (Dario Flaccovio Editore, 2015). Sono fondatore insieme a Fabio Ballor, Paola Breseghello e Marco Canali di WebinarPro srl.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *