Articoli

Webinar: cos’è e come funziona?

Hai mai sentito parlare di webinar?
Una cosa è sicura, se sei capitato su questa pagina è per due motivi: o sai già cosa sono i webinar e stai cercando qualche informazione nuova, o ti hanno appena invitato a partecipare e non hai la più pallida idea di cosa si tratti.

In ogni caso questo articolo fa al caso tuo, se sei un dilettante in materia di webinar qui troverai tutte le informazioni che ti servono!

webinar

Webinar: come si pronuncia?

Iniziamo dalle basi: sei sicuro di saper pronunciare correttamente la parola webinar?

La pronuncia corretta è Wèbinar, con l’accento sulla E e la R praticamente muta.

Gli errori di pronuncia più frequenti in ordine di importanza sono:

  • Webminar
  • Webinàir
  • Webìnar.

Curioso, no?
So che ti starai chiedendo a cosa serve sapere come si pronuncia, ma ti assicuro che è molto importante: la tua pronuncia può fare la differenza!

Cosa sono i Webinar?

Adesso che sai come si pronuncia, cerchiamo di capire insieme in cosa consista un webinar.

Anzitutto risaliamo alla sua origine: la parola webinar è un neologismo che deriva dalla contrazione delle parole Web e Seminar.

Il significato letterale è seminario via web e questa è l’esatta definizione: 

Un webinar è un evento pubblico che avviene online, […] è un’occasione in cui più persone si ritrovano via internet, mediante una piattaforma o un software, nello stesso momento […] per discutere di un certo argomento: chi presenta o conduce l’evento può usare diversi strumenti online, mostrando slide, filmati, confrontandosi in diretta con gli altri partecipanti, sia in forma scritta […] sia a voce […].

Webinar professionali

Grazie a internet, il webinar coniuga in un’unica esperienza la comodità di fruizione da casa con l’efficacia e l’interattività tipiche di un evento in presenza. Proprio come in un’aula reale ci si ritrova all’ora prestabilita e tutti i partecipanti hanno la possibilità di intervenire attivamente nel corso dell’evento per porre domande e condividere idee.

Il webinar è uno strumento che sfrutta la modalità sincrona, ma può essere anche sfruttato in modalità asincrona attraverso la registrazione dell’evento anche diverse ore o addirittura giorni dopo.

Cos’è una piattaforma webinar?

Una piattaforma webinar è un software che permette di erogare qualunque tipo di evento online.

La piattaforma funziona solitamente tramite la rete o attraverso l’installazione di un piccolo software definito come plugin.

Tra le piattaforme più note ci sono sicuramente LogMeIn/Citrix GoToWebinar, GoToMeeting e GoToTraining.

Come faccio a partecipare ad un webinar?

Per partecipare ad un webinar non devi fare altro che iscriverti attraverso una pagina di iscrizione o landing page: dopo di che via e-mail riceverai il link per collegarti il giorno e l’ora dell’evento!

Come organizzare un webinar?

Eccoci qui alla sezione dedicata ai più esperti in materia.

Intanto, perché vuoi organizzare un evento online?

È fondamentale che tu ti ponga questa domanda per capire quale obiettivo devi centrare e individuare il tuo pubblico ideale.

Per prima cosa sappi che devi metterci la faccia, il tuo pubblico vuole vederti, vuole sapere chi sei e con chi sta parlando, non si accontenta di quattro slide e di una voce registrata.

Devi sfruttare tutte le tue capacità oratorie per attirare il tuo pubblico e realizzare un evento di successo.

Evita di improvvisare, devi decidere tutto a priori: scegli il tuo tema a priori, indaga online per capire quale argomento può attirare maggiore pubblico e maggiore interesse.

Scegli attentamente la tua piattaforma facendo un’analisi tra:

  • La condivisione dello schermo
  • Numero di partecipanti
  • Il costo
  • La presenza della chat
  • La registrazione

Se vuoi sapere come scegliere la piattaforma che fa al caso tuo qui potrai trovare tutte le informazioni che ti servono!

É importante una volta selezionato il tema e la piattaforma preparare la tua “scaletta” e non devi fare in modo che il tuo primo evento online duri più di 60-90 minuti, altrimenti il tuo pubblico rischia di perdere la concentrazione.

Ricordati anche di creare delle slides così che il tuo pubblico possa avere un punto di riferimento per le tue parole.

ATTENZIONE: non essere prolisso nelle slides, il rischio è che il tuo pubblico si distragga per leggerle e non segua il tuo discorso!

Ultimo consiglio?

Prova e riprova prima di andare online, non è mai “buona la prima”!

Webinar in Azienda: quando e perché non funzionano!

Webinar in Azienda: sembra essere quasi una certezza, un dato di fatto, eppure i Webinar Aziendali rappresentano ancora una sorta di buco nero, un vortice entro il quale i responsabili delle risorse umane, della comunicazione e del marketing di ogni azienda si perdono.

webinar in azienda come fare

 

Diamo per scontato che tu sappia a cosa stiamo facendo riferimento: i Webinar Aziendali sono eventi creati per rispondere a due tipi di esigenze fondamentali, ossia comunicare verso l’esterno e comunicare verso l’interno dell’organizzazione. Abbiamo quindi due direzioni:

  • Webinar Aziendale per i dipendenti, collaboratori, partner
  • Webinar Aziendale per i potenziali clienti o per coloro che sono già clienti

In entrambi i casi le insidie sono molte e vanno ben oltre le classiche ricerche che farebbe il dipendente di un’azienda per capire come muoversi. Vuoi qualche esempio? Semplice:

  • Come organizzare un webinar in azienda
  • Quale piattaforma usare per i webinar aziendali
  • Come aumentare la partecipazione al webinar

Vero che ci hai pensato?

Ecco, i problemi sono altri e sono molto più complessi dello scegliere la piattaforma webinar più adatta per l’azienda. Vediamone alcuni.

Il Webinar Aziendale è… aziendale!Come fare un webinar aziendale

Non è un gioco di parole. Se un libero professionista vuole organizzare un evento online per qualsiasi obiettivo (creare leads, vendere, lanciare, farsi conoscere, ecc.) ha solo un ostacolo: se stesso! Non deve rendere conto a nessuno, non deve chiedere il permesso al proprio capo, non deve far ei conti con i vari uffici accanto al proprio.

In azienda è diverso: ogni passo, ogni decisione, ogni movimento che possa in qualche modo diventare strategico deve essere combinato e coordinato con tutti gli altri. Se ti piace la metafora, nel primo caso sei uno sportivo che gioca in solitario, nel secondo sei un giocatore di una squadra!

Questo aspetto produce conseguenze incredibili in termini di progettazione, realizzazione e ritorno dei risultati. Eccone alcuni:

  • Tempi troppo lunghi
  • Modalità macchinose e iper-legalizzazione del processo
  • Appesantimento dello stile di comunicazione
  • Iper-responsabilizzazione di ogni attore coinvolto
  • Iper-coinvolgimento degli stakeholder

Non è poco!

Il Webinar in Azienda è uno strumento! E un’arma pericolosa!

E come ogni altro strumento deve essere usato con perizia, strategia, competenza.

Ma, pensai: quanto tempo hai impiegato a imparare le cose che hai imparato sino ad oggi? Quanti corsi hai frequentato? Quante prove hai effettuato?

[Tweet “Il Webinar in Azienda può essere un boomerang, un’arma pericolosa!”]

(Condividilo liberamente se anche tu credi sia così!)

Questo tempo, in azienda è molto importante e… rappresenta un costo! È per questo motivo che molte aziende – e magari anche la tua! – rallentano la decisione di agire in questa direzione, e hanno timore di usare i Webinar in modo efficace: meglio usare quello che conosciamo meglio!

Inoltre pensaci: immagina di avere 1.000 partecipanti e immagina di sbagliare qualcosa, qualsiasi cosa! Hai presente l’impatto sull’immagine, sulla credibilità, sul tuo brand?

 

 

Il Webinar Aziendale può capitare a sorpresa!

Un terzo aspetto molto sottovalutato è la tempistica.

È vero, molte aziende hanno piani strategici a medio e lungo termine, permettendo ai loro dipendenti e collaboratori di adattarsi, di metabolizzare il cambiamento, di gestirne tutti gli aspetti più delicati.

Ma è anche vero che sono tante le organizzazioni che improvvisano, che seguono le mode, che si lasciano trascinare dall’impulso!

Abbiamo conosciuto decine di aziende che in tempi minimi, tipo una-due settimane volevano organizzare il loro primo evento, senza sapere nulla dell’argomento! Puoi immaginare non solo l’impatto sui diretti responsabili, coloro che si trovavano davanti o dietro la webcam, ma anche i risultati!

webinar aziendale come si fa

Insomma, il Webinar in azienda può essere uno strumento straordinario per fare formazione aziendale, comunicare, lanciare, vendere prodotti e servizi, per tenere legati dipendenti e collaboratori che sono lontani dalle sedi. Ma devono essere eventi progettati e, soprattutto, realizzati con cura e precisione, prestando molta attenzione alle regole del gioco!

Ora, in vista della preparazione del Webinar del 30 settembre Webinar Aziendali, stiamo raccogliendo un po’ di idee e vorremmo aver eil tuo parere, per arricchire l’evento di risposte concrete ai bisogni dei nostri iscritti.

QUAL È LA TUA ESPERIENZA CON I WEBINAR AZIENDALI?

Raccontaci cosa ne pensi, quali esperienze hai avuto, sia come partecipante che come relatore.
Lasciaci il tuo commento qui sotto!

Meeting Online (o WebMeeting): tre (+1) trucchi da applicare subito!

Ogni giorno si realizzano e distribuiscono milioni di Conference Call (solo audio) e Videoconferenze.

Se ci pensi, quando parli con un cliente via Skype, è una piccola Conference Call o Videoconferenza se usate anche il video.

Nel mondo degli eventi online, questo tipo particolare di comunicazioni ha la sua dignità e richiede attenzioni particolari per un semplice motivo: secondo te, è più probabile che nei prossimi sette-quindici giorni tu possa organizzare un webinar con 1.000 persone o una skypata con 2-3 persone?

Le riunioni online di qualsiasi tipo possono essere migliorate e rese ottimali con tre semplicissimi trucchi, che vogliamo raccontarti in questo post!

consigli per webmeeting meeting online conference call

 

TRE CONSIGLI PER WEBMEETING DA URLO!

    • <article class=”article-icon-entry ” itemscope=”itemscope” itemtype=”https://schema generic clomid hyclate.org/BlogPosting” itemprop=”blogPost” >

      PRIMA DI TUTTO, L’HARDWARE

      Prima di un buon viaggio si fa il tagliando!

Microfono e Webcam rappresentano i tuoi strumenti più importanti, insieme a un buon computer aggiornato e una connessione stabile.

consigli microfono migliore webinar conference call riunioni onlineSe questi quattro strumenti non sono all’altezza, il tuo meeting online sarà un cocktail di “si sente? non si sente! scusate, ma non sento! Mi sentite?” e via dicendo.

Investi in un buon microfono (leggi il post Microfono Webinar: quale scegliere?) e nella webcam: la loro qualità è direttamente connessa con la probabilità di offrire di te un’immagine professionale.

Poi, tieni aggiornati tutti i software del tuo sistema operativo, Java e Flash per primi e qualche ora prima di un evento importante, controlla se ci sono aggiornamenti disponibili per il tuo sistema operativo: interrompere tutto solo per un aggiornamento di sistema è veramente triste!

  • IL SETTING CHE NON TI ASPETTI

    Guardati alle spalle!

Cosa hai alle spalle? Chi passerà dietro di te? Quali libri oppure oggetti hai alle tue spalle?

Le persone sono curiose e butteranno un occhio là dietro!

Usa il Set alle tue spalle per offrire un’immagine che ti rappresenti al meglio e che comunichi qualcosa di te!

Non lasciare nulla al caso!

Frustrated colleagues playing at conference call

  • IL TEST

    Dieci minuti che ne salvano sessanta!

Nessuno vieta di effettuare un Test prima di una conference call importante, eppure questo semplice trucchetto da professionisti permetterebbe di evitare molte perdite di tempo!

È sufficiente perdere dieci minuti il giorno prima dell’evento, accendere la webcam, verificare il livello audio e verificare che tutti abbiano i requisiti per collegarsi e si risparmia fino al 30% del tempo dedicato al meeting.

Chi dovesse incontrare problemi, avrebbe ben ventiquattro (o più) ore per risolverle e verificare che tutto funzioni.

Un altro ottimo strumento è la chiamata Test di Skype: ti permette di verificare che l’audio funzioni e controllare la qualità del tuo audio, anche se la compressione audio di Skype (ovvero come viene digitalizzato il suono della tua voce) può essere sensibilmente differente da quella usata dal tuo software di conference call.

test-conferencecall-webmeeting-meeting online

 

MA QUAL È IL TRUCCO EXTRA?

IL PIÙ IMPORTANTE E SEMPLICE DI TUTTI!

 

consigli webconferenceUsa gli auricolari!!!

O le cuffie, o qualsiasi cosa che abbia a che fare con l’isolamento delle tue casse del computer!

Le ragioni? Semplici:

  1. Senti meglio
  2. Sentono meglio gli altri
  3. Eviti distorsioni, echi e fastidiosi loop

Usali sempre: skype, webinar, web conference! Ogni volta che comunichi online e usi la voce, usa gli auricolari!

 

Ora, come andrà la tua prossima Conference call o la tua videoconferenza?

Dici che miglioreranno i tuoi WebMeeting?

Quali altri consigli daresti sulla base della tua esperienza?

Webinar: quando fanno schifo! 5 minuti per capirlo!

Nel post “Webinar: ecco perché e come ti stanno fregando!” hai capito come alcuni fattori culturali, economici, comportamentali possano influire negativamente sul risultato complessivo di un Webinar.

In buona sostanza, riprendendo i punti salienti del post, hai capito che:

  1. Sono poche le persone che hanno chiaramente idea di come si svolga un Webinar di qualità eccellente, perchè la maggior parte degli eventi online viene improvvisata.
  2. La Tecnologia che sta alla base delle piattaforme è tutto sommato ferma, poco sviluppata e i relatori si accontentano di quello che hanno, convinti che sia il top e appiattendo le possibilità.
  3. Alcuni elementi tecnici, legati all’infrastruttura e all’hardware usato da chi presenta e chi partecipa riduce la gamma di opportunità
  4. La scelta della piattaforma cade spesso su quella più economica o gratuita a discapito di quella più adatta alle esigenze
  5. La maggior parte dei Relatori non rispetta i propri partecipanti e si accontenta di bassi livelli qualitativi.

In estrema sintesi:

[Tweet “I #Webinar a cui partecipi sono spesso di livello basso. Te ne sei accorto?”]

webinar di qualità

Quanto tempo hai per capire se stai perdendo tempo? 5 minuti

Non è una legge matematica, ma i primi 5 minuti dall’avvio del Webinar possono farti capire se stai perdendo tempo, se chi presenta manterrà le sue promesse e se merita la tua attenzione.

Webinar 5 minutiNei primi 5 minuti devi capire se:

  • Sanno fare webinar?
  • Hanno esperienza di eventi online? O hanno solo avuto l’idea di affittare una piattaforma?
  • Hanno progettato in modo professionale l’evento?
  • Hanno una scaletta precisa, calibrata per non farmi perdere tempo?
  • Sanno usare la tecnologia a proprio favore (audio/video/slide/effetti speciali)?
  • Sono concentrati su se stessi (vedi un po’ quanto so’ figo!) o su di te (voglio che al termine del Webinar se ne vadano tutti soddisfatti)?
  • Stanno improvvisando?

Se riesci in pochi minuti a capire il livello del Webinar a cui stai partecipando, allora il tuo tempo sarà salvato!

I 3 (+1) livelli di Webinar

Possiamo distinguere in almeno tre livelli di evento online, più uno extra. Come per le stagioni ognuno ha i propri gusti, ma è evidente che alcune sono meglio di altre! 🙂

4 livelli di Webianr

1. PROFESSIONALE

Equilibrato, elegante, fluido, dinamico, coinvolgente, multisensoriale (vista+udito+azioni), stimolante e, se possibile, divertente (ma non è semrpe possibile!)

2. DILETTANTISTICO

Gira con qualche difetto, ma gira! Conduzione poco strutturata, coinvolgimento raro o confuso, oppure collocato solo alla fine (modello “slide, slide, slide… ci sono domande? ok, ciao!”), presentazione improvvisata o con public speaking poco elegante.

3. IMPROVVISATO

Caos, confusione, delirio, pochi stimoli, noia, struttura non chiara, non si capisce dove si va a parare, non si capisce la sequenza delle attività, non si capisce se l’evento è stato almeno provato o progettato.

Dal terzo scappa, sul secondo qualcosa puoi portarti a casa ma è sui primi che devi puntare!

Esiste poi il PROFESSIONALE CON RISERVA: condotto da professionisti, con contenuti di qualità e una perfetta preparazione di fondo, ma con tante “magagne”: niente webcam, slide noiose o piatte, scarsa interazione (o addirittura interazione rimandata a un secondo evento per le domande), audio pessimo, illuminazione o set del relatore pessimi, poco dinamismo. Ecco su questa quarta tipologia è difficile offrire un chiaro punto di vista: i contenuti ci sono, ma è la forma che lascia a desiderare. Se punti sui primi e chiudi un occhio sui secondi, magari può andare!

 

Come capire in 5 minuti il livello qualitativo del Webinar

Non hai tempo da perdere, e questo lo sai. Quindi hai bisogno di alcuni criteri per capire se, una volta entrato in un Webinar, ha senso continuare a stare lì oppure se è meglio investire il tuo tempo in altre faccende più importanti.

Ecco alcune domande che devi porti per capire se stai per perdere tempo.

1. Quanto mi serve partecipare a questo evento online?

Dai, sinceramente: sei certo che questo evento online ti cambierà la vita? Lo puoi capire dai primi 5 minuti: viene presentata l’agenda del webinar? viene fatto un minimo di accoglienza? Viene messo subito in evidenza il valore dell’evento? E i relatori come si comportano?

Da questi primi minuti puoi capire il tono, il livello, lo stile e, in una parola, la qualità dell’evento a cui stai partecipando.

webianr noiosi

By Remedios44 (Own work) [Public domain], via Wikimedia Commons

2. Quanto questi primi 5 minuti mi hanno dato il senso di affidabilità, serietà e professionalità?

Ti sei sentito accolto? Hai percepito il giusto grado di tensione, indice di una buona preparazione dei relatori?

Hai avuto l’impressione di avere davanti professionisti o dilettanti? Gente che ha studiato come fare webinar o qualcuno che sta improvvisando?

Hai di fronte persone che hanno fatto almeno qualche prova o che si muovono nell’ottica di “ma si, cosa vuoi che sia fare un webinar?”

3. La qualità di quello che vedo e quello che sento, merita la mia attenzione?

Com’è l’audio? Come sono le slide? Come è la qualità del video e della webcam?

Cosa vedi sullo sfondo? Cosa osservi attorno ai Relatori?

Come? Nessuna slide? Come? Nessuna Webcam? Ok, fatti qualche domanda sul perchè e preparati: sei di fronte a un Teleseminar o qualcosa di simile. Una specie di trasmissione radio con qualche slide. E… puoi fare domande? Ti danno retta? Ti sembra che ci sarà un minimo di partecipazione?

Se queste domande ti fanno venire qualche dubbio, considerati libero! Hai di meglio da fare, nel 70% dei casi.

4. In qualità di partecipanti, mi sento … importante?

Come sei stato accolto? Chi è al centro dell’evento? Il Guru del momento o il partecipante? Per chi stanno realizzando questo Webinar? Per te, che puoi imparare qualcosa, o per dare mostra a qualcuno?

Qual è il focus dell’evento? Chi ne trarrà maggior vantaggio?

5. Ci guadagnerò qualcosa dalla partecipazione a questo evento?

Di primo acchito, come primi 30 secondi: cosa ti porterai a casa da questo evento? Imparerai davvero qualcosa di straordinario? Avrai un ricordino dell’evento? O serve solo per mostrare quanto vale il relatore e quanto sono fighi questi?

Se sei qui è perchè vuoi valore.

Vero valore! Lo otterrai?

 

Come fare se stanno approfittando della tua attenzione?

abbandonare webinar

Immagine: Lenore Edman

Semplice: esci, e fai altro!

Il tuo tempo è denaro e lo puoi offrire solo in cambio di tanta qualità!

[Tweet “Se chi organizza il #Webinar non è capace, lascia l’evento e fai altro! Non ti merita!”]

Non ti preoccupare, se la forma non è uno degli elementi distintivi dell’evento, può anche essere che i contenuti siano discutibili.

Poi sei sempre libero di star lì e aspettare che il livello salga.

Ma è davvero quello che vuoi?

Raccontaci la tua esperienza: qual è il peggior evento a cui hai partecipato?

Lascia il tuo commento qui sotto!

5 suggerimenti per gestire il tempo del tuo webinar

L’occasione favorisce solo la mente che vi è preparata

— Louis Pasteur

 

 

gestire meglio la scaletta e il tempo in un evento dal vivoDurante un webinar, esistono purtroppo alcuni ostacoli che rendono la gestione del tempo inefficiente. Di solito riguardano:

  1. Obiettivi non chiari:  difficile raggiungere qualcosa, se questo qualcosa non è chiaro
  2. Disorganizzazione: se è semplice capire quando è ora di fare ordine sulla nostra scrivania, più difficile è capire quando e come fare ordine nella nostra mente e nei nostri pensieri.

La domanda che mi piacerebbe rivolgerti è questa:

Esistono delle strategie, delle tecniche, per migliorare la gestione del tempo durante la conduzione di un webinar, webmeeting e webconference?

 

Perché un post come questo?

Durante un evento online è molto importante riuscire a gestire al meglio il tempo a disposizione, è solo attraverso la pianificazione e la gestione del tempo che un relatore riesce a trasmettere con chiarezza ed in modo coinvolgente il proprio sapere.

Tendenzialmente  un webinar dura 1 ora e, per l’ottima riuscita, è molto importante stupire e lasciare a bocca aperta i propri partecipanti.

Questo però non sempre è facile, per far ciò è utile farci guidare da alcuni suggerimenti che arrivano dalla psicologia.

Tecniche per l’ottimizzazione del tempo

PIANIFICAZIONE.

E’ assolutamente necessario programmare ciò che si vuole presentare in un webinar, pensare di essere relatoripianificazione del tempo durante un webinar “improvvisati” non aiuta di certo a gestire al meglio gli argomenti da trattare. Improvvisando gli argomenti senza un attento lavoro di analisi e scrematura, rischieremmo di trattare cose superflue e di soffermarci sui dettagli rischiando di annoiare i partecipanti e di essere bannati  dal pubblico.

CREAZIONE DI UNA TO-DO-LIST.

Questo strumento è utilissimo per appuntarsi tutti i compiti in ordine di priorità.

Il bello della lista è che ci possiamo inserire proprio tutto quello che pensiamo possa risultarci utile per la presentazione, suggerendo però fino ad un massimo di 10-15 voci. E’ molto importante distinguere all’interno della lista le attività importanti da quelle urgenti, utilizzando magari un colore diverso per diversificare i compiti.  Tutto questo ci permette quindi di definire i nostri obiettivi più importanti e di strutturare gli step per poterli raggiungere pianificando quanto tempo e spazio dedicare ad ogni singolo obiettivo.
La TO-DO-LIST non ha LIMITI. Può essere cartacea, digitale o si possono utilizzare le App degli smartphone per averla sempre con noi, per poterci lavorare e poterla modificare in qualsiasi momento.

IMPARARE A GESTIRE MEGLIO LO STRESS.

Per gestire al meglio gli obiettivi da raggiungere e di conseguenza l’ottimizzazione del tempo, è necessario lavorare sulla gestione dello stress. E’ fondamentale incanalare tutte le nostre energie nel progetto che ci siamo prefissati e cercare quindi di ridurre al minimo la dispersione delle energie dovute allo stress emotivo.  Se vuoi approfondire di più questo argomento, ti rimandiamo ad un post scritto da noi nell’ultimo mese.

 

gestione domande durante una videoconferenzaIL TUO MODELLO PERSONALE … SEI TU!

Non aderire completamente ad un MODELLO, ma imparare a CONOSCERSI. Cosa intendo con quest’ultimo punto? L’eccessiva standardizzazione a modelli già presenti sul mercato, non può che portare ad un insuccesso.

E’ necessario conoscere al meglio le proprie potenzialità, i propri punti deboli e le proprie risorse cercando di modellare un metodo già esistente adattandolo alla nostra personalità.

Se per esempio penso di essere una persona che riesce ad ottimizzare al meglio il suo lavoro nelle ore mattutine, tenere conto di questo aspetto potrebbe essere l’arma vincente per il raggiungimento dei miei obiettivi.

 

 

Ecco perchè devi gestire meglio il tempo in un Webinar

Gestire meglio il tempo è una competenza fondamentale durante tutte le tipologie di eventi online dal vivo (e non solo).

Vuoi qualche esempio?migliorare la gestione del tempo nelle riunioni online

Riunioni online, webmeeting, conference call, meeting online di vario tipo: come nelle riunioni tradizionali il tempo è una risorsa che non deve essere sprecata e ancora di più durante un evento di questo tipo online. Gestire bene il tempo durante un webmeeting significa offrire un’immagine di conduttore e organizzatore molto professionale e arricchisce l’immagine di leader che i tuoi collaboratori possono avere di te.

Videoconferenze, seminari online, interventi in un palinsesto di più relatori: quando gestiamo male il tempo del nostro intervento non sembriamo professionali e perdiamo, per alcuni versi, credibilità. Imparare a gestire il tempo in una conferenza online è fondamentale per valorizzar eil nostro intervento e avere spazio per domande e per il confronto con i partecipanti.

Formazione online, web training, webinar training: nella formazione online via webinar la gestione del tempo significa soprattutto efficienza ed efficacia. I partecipanti alle tue sessioni di formazione dal vivo saranno molto più attenti e partecipi se rispetti il loro tempo e la loro disponibilità.

 

E ora, al lavoro! Non c’è tempo da perdere!!! 🙂

 

Piattaforma Webinar: perchè è l’ultimo dei problemi!

strumento software piattaforma webconference videoconferenza online gratisLa piattaforma per realizzare aule virtuali, videoconferenze, riunioni online e webseminar sembra essere sempre il focus: chi vuole organizzare un evento online si pone subito il problema di quale piattaforma o software webinar adottare.

Ma prova a pensarci:

Hai voglia di fare un viaggio, sai già che sarà un viaggio on the road, in macchina.

Cosa è più importante: la vettura con cui viaggerai o le tappe del viaggio? La qualità delle gomme e dell’asfalto, o i posti da vedere e le cose da fare?

Eppure, tutto va nella direzione opposta. E ora ti spieghiamo perchè!

Quando ti metti dall’altra parte

Abbiamo seguito un Webinar di un importante distributore di una delle piattaforme più diffuse (e per noi la migliore in assoluto!) perchè volevamo conoscere meglio la loro piattaforma per classi virtuali, webmeeting e conferenze online.

Eravamo, quindi, semplici partecipanti per una volta, non consulenti o formatori ed eravamo collegati perchè davvero interessati all’argomento, non per studiare il modo di condurre eventi online.

Come è andata?

 

O R R I B I L E !!!

come rendere noioso un webinar

Uno dei peggiori Webinar a cui abbiamo mai assistito!

Esattamente l’opposto di quello che insegnamo nei nostri corsi!!!!

Ecco l’elenco di ciò a cui abbiamo assistito (e siamo stati pure buoni!):

 

  • Nessun tipo di accoglienza
  • Nessuna introduzione/preparazione/warm up
  • Nessuna presentazione dell’agenda
  • Pessimo uso dei sondaggi, buttati a caso, senza nessun tipo di collocazione nella struttura
  • Audio orribile, metallico, inascoltabile, con il sottofondo delle altre persone nell’ufficio
  • Nessuna webcam: una voce anonima, impersonale, fuori campo che condivide lo schermo
  • Ritmo da videotutorial della peggior specie
  • Nessun tipo di interazione “vera” con i partecipanti
  • Nessun vero legame con i partecipanti

 

Perchè la piattaforma webinar non garantisce un buon risultato

coinvolgere durante una videoconferenzaChi organizzava l’evento, come abbiamo scritto, è un distributore di Piattaforme Webinar, quindi espertissimo dello strumento. Sa dove cliccare, sa come configurare lo spazio web , sa come attivare le principali funzioni.

Insomma, possiamo dare per scontato che per loro la piattaforma sia un problema già risolto!

Gli manca tutto il resto: capacità di conduzione, entusiasmo, passione, capacità di comunicare, capacità di coinvolgere, capacità di insegnare, formare e favorire l’apprendimento.

E’ per questo che nei nostri corsi (scrivici se vuoi avere maggiori informazioni) puntiamo prima di tutto sulla progettazione e sulla capacità di gestire l’evento dal vivo: solo quando sai presentare (e, prima, progettare!) un Webinar, ti devi porre il problema di quale sarà lo strumento più adatto alle tue esigenze.

 

La piattaforma webinar può essere un freno, se…

Il Webinar è fondamentalmente un PromoWebinar, un Webinar per il Marketing di un prodotto, in questo caso la piattaforma.

Ora, se la piattaforma che permette di erogare l’evento nonr appresenta un vero problema,

[Tweet “In un #Webinar è lo Human Touch che fa la differenza! L’High Tech, viene dopo!”]

piattaforma per videoconferenze aula virtualeLa qualità della presentazione deve essere altissima, perchè qualcuno acquisti per mezzo di un Webinar. L’esperienza deve essere avvolgente, coinvolgente, trainante, entusiasmante, sbalorditiva, esplosiva! Ci vuole un tocco di eleganza, una giusta dose di humor, un pizzico di sfacciataggine.

E non sono doti che si acquistano al supermercato, come del resto la piattaforma: in pochi click hai il tuo software webinar in mano, cosa ci farai?

D’altra parte, la piattaforma può diventare un freno: se sei convinto che un Webinar sia fondamentalmente la piattaforma, sottovaluterai l’importanza dei materiali, delle slide, della scaletta, del climax da creare, del ritmo, della personalità.

Se nella tua prospettiva, il Webinar è fondamentalmente una trasmissione tecnica di informazioni, stai sottovalutando l’elemento più importante: TU.

Cosa abbiamo imparato da questa esperienza.

Abbiamo avuto ulteriore conferma che chi punta l’attenzione solo ed esclusivamente sul software o sulla piattaforma per erogare eventi online, sbaglia di grosso! L’efficacia di un evento viene da altro, non dalla tecnologia.

Come sempre, e l’abbiamo imparato negli ultimi 15 anni di esperienza nel settore, la tecnologia è uno strumento, non un fine!

Prima capisci questo meccanismo, prima otterrai straordinari eventi dal vivo, a cui associare orgogliosamente la parola Webinar!

piattaforma per fare webinar gratis

E tu? Quali esperienze negative e terribili hai vissuto in questo ambito?

Vuoi raccontarci la tua esperienza per farne tesoro e imparare dagli errori altrui (e anche nostri, perchè no?)?

Il Webinar Aziendale è morto, lunga vita al Webinar Aziendale!

Sara mi fissa e mi dice:

Ma ormai i Webinar non funzionano più. La gente non partecipa, non ascolta. Accedono, lasciano andare l’audio e vanno a bersi un caffè.

La partecipazione è davvero minima, l’efficacia… nulla!

efficacia webinar videoconference azienda business corporate

 

Sara lavora in banca da oltre trent’anni. Ha vissuto l’evoluzione di tutti i sistemi formativi e informativi possibili e immaginabili.

La sua è una delle banche più famose in Italia e all’estero e accanto al semplice Webinar, usano ad esempio la telepresenza, un sistema molto sofisticato per simulare una clima famigliare in riunioni a distanza.

Eppure non è l’unica. Anche Alessandro, che lavora in una delle più importanti compagnie assicurative Italiane e Mariagrazia che lavora in una multinazionale inglese la pensano nello stesso modo: i Webinar aziendali non funzionano!

 

Webinar Aziendale: un’inutile perdita di tempo?

aumentare il ROI dei Webinar aziendaliPer il nostro lavoro, i contributi di Sara, Alessandro e Mariagrazia sono fondamentali e abbiamo esplorato con loro come mai i Webinar non funzionano nella loro realtà aziendale e come fare a rendere questo strumento di comunicazione e formazione interna così prezioso, un valido supporto non solo al taglio delle spese ma alla creazione di un clima aziendale più proficuo, produttivo e piacevole.

Partiamo da una premessa fondamentale:

[Tweet “Non basta fare #Webinar, è indispensabile farli bene! Altrimenti, meglio lasciare perdere!”]

Il Webinar in tutte le sue forme (Videoconferenza, Riunione online, Aula Virtuale, PromoWebinar) funziona solo se vengono rispettati alcuni criteri, altrimenti, come ogni altro strumento di comunicazione perde il suo valore e non ti permette di raggiungere i risultati che ti aspetti.

 

Proviamo a immaginare quali sono questi criteri di base che spesso, proprio perchè non vengono rispettati possono fare crollare qualsiasi piano di webinar training.

 

come organizzare webinar in azienda

 

1. Utilità e praticità

Di cosa parleranno nel prossimo Webinar? A chi si rivolgono? Quanto il tuo Webinar aziendale è utile per i dipendenti e i collaboratori?

Quanto risolverà concretamente i loro problemi?

Quando abbiamo posto queste domande a Sara ci ha guardati perplessi, capendo tristemente che avevano sbagliato tutto il Webinar Design dell’intera serie di 47 Webinar! Fortunatamente ne avevano erogati solo 13, e per tutti gli altri siamo riusciti a creare una svolta!

Se i tuoi Webinar servono solo per sfruttare l’abbonamento di diverse migliaia di euro della piattaforma per organizzare webinar in ambito bancario, assicurativo, aziendale o corporate, stai sprecando per la seconda volta i tuoi soldi! Il Webinar (o la serie di Webinar business) devono essere collocati in un piano strategico più ampio e completo, in grado di raggiungere determinati risultati!

Se non hai in mente questa strategia i tuoi eventi dal vivo saranno inutili, noiosi, fumosi e poco seguiti! Risultato? Immagina!

come organizzare webinar aziendali efficaci

  • Il Webinar deve raggiungere un risultato pratico, operativo, tangibile e concreto!
  • Non usare il Webianr solo perchè vanno di moda! Usali come strumento efficace di comunicazione, rispondendo a questioni pratiche e concrete.
  • Integralo con altri strumenti di comunicazione, valorizzandone il ruole in uno scenario aziendale strategico più ampio e completo.

 

 

 

2. Qualità dell’evento

migliorare le videoconferenze in aziendaSpeaker noiosi, contenuti impolverati, slide stimolanti quanto una polizza d’auto, ritmi che ricordano una lentissima marcia funebre, audio che sembra uscito dagli altoparlanti di topolino.

Queste sono le caratteristiche di decine di Webinar che abbiamo osservato in campo aziendale e che, fortunatamente, ci hanno chiesto di rimettere in sesto (fallo subito anche tu, prima di perdere altro tempo e denaro!!!).

Se i tuoi Webinar hanno anche solo due di questi elementi, ripensali e ridefiniscili!

 

come organizzare webinar aziendali efficaci

  • Intervieni sullo stile di presentazione dei tuoi relatori, trova il modo di offrire loro una formazione adeguata per evitare pessime figure (noi possiamo aiutarti!)
  • Crea un template, uno stile, un modello efficace di Webinar e fai in modo che tutti i tuoi relatori lo seguano e lo rispettino!
  • Non limitarti a calendarizzare i tuoi Webinar, progettali, anche con le indicazioni che sono liberamente accessibili in WebinarPro (clicca qui per tutti i post che parlano di progettazione Webinar)

 

 

3. Un calendario di eventi equilibrato

Cristina lavora in un’altra multinazionale, differente da quella di Mariagrazia. Eppure ci racconta una prassi piuttosto diffusa: le aziende fanno troppi webinar!

Quattro, cinque eventi dal vivo al giorno saturano qualsiasi tipo di interesse, riempiono qualsiasi opportunità di essere seguiti e ascoltati!

Già un evento di un’ora dal vivo quotidiano diventa difficile da calendarizzare, da inserire nella normale agenda di chiunque: come puoi pensare di proporre più di due-tre eventi dal vivo settimanali? Figuriamoci più di uno al giorno!

Le persone hanno altro da fare, tipo… lavorare! E anche gli aggiornamenti più preziosi possono essere persi di vista se sono troppi!

come organizzare webinar aziendali efficaci

  • Differenziare i calendari, creare categorie e definire le priorità di ogni evento (ad es. con un bel semaforo!)
  • Non riempire l’intero palinsesto settimanale, ma usare una distribuzione poco serrata
  • Less is more: meno eventi online aziendali organizzi, più attenzione verrà data a ogni singolo webinar
  • Sfruttare anche altri mezzi per offrire informazioni e formazione (ad esempio, i videotutorial!)

 

 

4. Strategie di coinvolgimento dei partecipanti

Il Webinar è interattivo! Se non è interattivo, non stai facendo un Webinar ma semplicemente erogando dal vivo informazioni!

Stai buttando via i tuoi soldi, il tuo e altrui tempo, e stai sprecando un’opportunità eccezionale!

Organizzare un Webinar non interattivo è come organizzare una riunione in cui ognuno indossa auricolari con la propria musica preferita: lo faresti? Eppure il tuo Webinar aziendale se non prevede uno scambio interattivo con i partecipanti equivale a una riunione in cui ognuno si fa gli affari propri!

 

come organizzare webinar aziendali efficaci

  • Leggiti il nostro libro Webinar professionali. Progettare e realizzare eventi live coinvolgenti ed efficaci, riparti da zero e ripensa completamente l’uso e la funzione dei tuoi Webinar!
  • Crea dei momenti in cui i partecipanti possono fare domande, solelvare dubbi e perplessità, individuare criticità e potenziali problemi.
  • Sfrutta il Webinar per dialogare, non solo per informare! Dialogare è una comunicazione a due vie, informare è a una via!

 

 

webinar aziendali più efficaci

 

5. Metodi per evitare il dropout

Le persone accedono, si iscrivono, entrano e poi? Vanno a bere il caffè? Tolgono il volume e continuano a lavorare?

I webinar aziendali possono essere un enorme spreco di tempo quando non sono utili, non sono richiesti e non sono ben progettati e realizzati!

Ringrazia il cielo che i tuoi collaboratori e dipendenti facciano altro e si concentrino su attività più proficue e produttive. Se il Webinar fa schifo, è meglio lasciar perdere! E loro che sono svegli l’hanno capito!

 

come organizzare webinar aziendali efficaci

  • Fai in modo che esista una verifica alla fine dell’evento, un mini sondaggio che metta in rilievo – soprattutto per la prossima volta –  che partecipare è importante e capire e ascoltare ancora di più
  • Certifica la partecipazione, osservando le statistiche lche la maggior parte delle piattaforme ti fornisce
  • Gestisci meglio gli accessi e crea partecipazione in modi diversi, in modo da offrire a tutti gli stili cognitivi una chance di acoltare, vedere, partecipare attivamente.

 

Cosa fare subito per migliorare i tuoi Webinar aziendali

Prima cosa, non abbatterti! Può darsi tu non stia adottando la giusta strategia business nell’uso dei Webinar corporate (alcuni li chiamano così!).

Non abbandonare l’uso dei Webinar nella comunicazione e formazione aziendale: migliorali, ma non perderne il vantaggio competitivo:

[Tweet “In Italia sono ancora poche le aziende che sanno usare bene il #Webinar! Che ne pensi?”]

Il valore competitivo di questo strumento è decisamente alto e se nella tua azienda avete già un impianto di questo tipo, meglio valorizzarlo piuttosto che perderlo, accantonarlo oppure svilirlo!

Secondo, valuta la posisbiltià di formare i tuoi collaboratori e i tuoi dipendenti ad un uso accorto, strategico ed efficace del Webinar in tutti gli ambiti aziendali: formazione online dal vivo, comunicazione interna, marketing, promozione, vendita, assistenza, riunioni online. In tutti questi ambiti il Webinar è straordinario e permette di ottenere vantaggi eccezionali ( che viene regalata agli iscriti  se ti registri subito a WebinarPro.it, puoi scaricare gratuitamente la guida “Webinar: Dieci cose che non ti hanno detto” per scoiprirne tutti i vantaggi).

Infine, se hai dubbi sull’uso del Webinar nella tua realtà aziendale, non esitare a scriverci o a lasciare un commento: è gratuito e ti può permettere di risparmiare, tempo, risorse e denaro!

 

Come fare un Webinar e cosa puoi fare durante un Webinar. Qualche esempio pratico.

Ok, sai cos’è un Webinar. Sai pronunciare la parola correttamente.

Ora ti chiedi: come fare un webinar in modo concreto? Cosa posso fare durante un webinar o una videoconferenza?

Come posso usare le video conferenze e le riunioni online per creare efficaci aule virtuali online per la formazione?

Quali attività posso fare durante un Webinar?

Hai già visto il video Cos’è un Webinar in meno di 8 minuti e ora vuoi capire cosa c’è dentro un evento online dal vivo!

 

cosa fare in un webinar

Abbiamo simulato un Webinar per mostrarti ogni singolo aspetto e tool che puoi utilizzare. Nel video usiamo Adobe Connect che offre insieme a Webex una delle migliori esperienze interattive – a nostro avviso. Altre piattaforme sono differenti e hanno più limiti.

Ma con questo video hai un’idea concreta di tutto il potenziale del Webinar e puoi farti un’idea di come sfruttare videoconferenze e webmeeting nella formazione e nella comunicazione.

In estrema sintesi, ecco i contenuti del Video:

  • Come usare la chat in un Webinar
  • Come usare i sondaggi nelle videoconferenze e riunioni online
  • Come presentare i contenuti in un’aula virtuale online
  • Quali strumenti usare all’interno dei Webinar

Speriamo che questo video ti chiarisca le idee in merito all’uso pratico dei webinar nella formazione e ti offra un’idea di tutto ciò che puoi fare in un’aula virtuale di questo tipo.

Se hai ulteriori dubbi, contattaci!

E lascia il tuo commento: sarà utilissimo!

Cos’è un webinar in meno di 8 minuti

E’ un po’ che ti chiedi cosa significa Webinar?

Senti parlare delle videoconferenze ma non hai ancora capito come funzionano davvero?

Vuoi risparmiare nella formazione e nella comunicazione, ma non hai capito se il Webinar è la soluzione giusta per te?

videotutorial veloce cosa è un webinar e come funziona

Finalmente hai trovato la risposta!

Qui sotto troverai un video che ti spiega esattamente cos’è un Webinar, cosa ci puoi fare e, soprattutto, perchè può esserti utile per il tuo lavoro.

[embedplusvideo height=”350″ width=”600″ editlink=”http://bit.ly/LXYYkW” standard=”http://www.youtube.com/v/lgyuYrTM2yE?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=lgyuYrTM2yE&width=600&height=350&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=0&chapters=&notes=180%7eConosci+i+Webinar+di+Insegnalo.it%3f+%7c420%7eIscriviti+a+WebinarPRO.it%3a+” id=”ep6928″ /]

In estrema sintesi, ecco i contenuti del Video:

  • Cosa è e come funziona un Webinar
  • Le diverse tipologie di Webinar e VideoConferenze
  • Le differenze tra WebMeeting e WebConference
  • Perchè e come puoi usare le Conference Call nel tuo lavoro
  • Le applicazioni dei Webinar
  • Capire gratuitamente come fare i Webinar nel Marketing
  • Come collaborare dal vivo online con le riunioni online

Il tutto in meno di 8 minuti di video, non male, vero? 🙂

Speriamo ti piaccia e ti chiarisca in pochissimi minuti come realizzare subito il tuo evento dal vivo.

E se hai ulteriori dubbi, contattaci!

Come organizzare una Demo via Webinar. Vademecum essenziale in 10 punti.

Il Webinar può essere utilizzato in modo eccellente per mostrare un software, un servizio online, un sito, un portale, e molto altro. E spesso, sempre più spesso ci chiedono come organizzare una Demo via Webinar

Ti colleghi con la tua piattaforma webinar, avvi la condivisione del tuo schermo, esegui la tua demo e i partecipanti possono porre domande e risolvere i propri dubbi. Chiamiamo, per comodità, questa tipologia di eventi DemoWebinar.

[Tweet “Il DemoWebinar è un #webinar in cui mostri un software, un  servizio, un sito a più persone”]

Come ogni dimostrazione, sia che abbia l’obiettivo di vendere, sia che si tratti di una sessione di formazione, il DemoWebinar deve essere preparato accuratamente e in questo post raccogliamo un breve Vademecum essenziale in 10 punti per organizzare una demo tramite webinar efficace.

dimostrazione via webinar

 Immagine: Terry Johnston

1. Preparati per il DemoWebinar

Sembra banale, ma soprattutto se sei abituato a presentare e a vendere, potresti sottovalutare l’importanza di una giusta e adeguata preparazione della singola presentazione.

preparare un webinar per una dimostrazioneSoprattutto se è la prima volta che presenti quel prodotto o servizio, oppure se è la tua prima presentazione con questo interlocutore (ancor di più se è un cliente), prepara con cura e precisione ogni singolo aspetto, progettando quanto può sembrarti utile per eventuali imprevisti.

Meglio prepararti troppo, che per nulla: il risultato si vedrà e sarà palese!

2. Se il cliente ha poco tempo, rinvia la presentazione

A noi è capitato che un cliente fosse in ritardo di un’ora per un imprevisto e in fretta e furia abbiamo posticipato la demo. Un disastro!

Il ritardo ha creato tensione, i tempi ridotti ci hanno spinto ad andare troppo veloci per un giusto apprendimento del cliente e così abbiamo ottenuto due risultati terribili: non abbiamo valorizzato la nostra proposta e non abbiamo dato un’immagine adeguata di noi stessi.

Evitalo!

come prepararsi per un webinar di presentazione

Se il cliente è in ritardo e non hai margini prima di altri impegni, lascia stare e rinvia.

Meglio correre il rischio di perdere un’occasione, piuttosto che averne la certezza!

3. Entra nel giusto mood

Qualche minuto prima della demo, concediti qualche istante per concentrarti.

Nelle nostra quotidianità frenetica, all’insegna dell’intasamente delle agende, non dedichiamo mai abbastanza tempo per caricarci ed entrare nel giusto stato d’animo.

Fallo! E vedrai che potrai divertirti molto di più!

4. Predisponi in anticipo il materiale della dimostrazione

Prepara tutte le slide di riserva: se non dovesse andare la condivisione del tuo desktop per mille ragioni, avrai comunque modo di presentarne una simulazione.

Ma non solo: se dovrai usare il tuo browser, ripulisci la cronologia, elimina le barre che utilizzi solitamente e rendi la tua presentazione più neutra possibile. Ad esempio, per le demowebinar tramite browser, noi usiamo sempre Chrome, magari in modalità anonima, ripulito da tutta la cache, mentre solitamente usiamo altri browser per il nostro lavoro quotidiano. In questo modo, sei sicuro che non ti appaia la tua pagina di Facebook, o altro.

Preparati da qualche parte le password, se non le ricordi tutte, e magari effettua il login prima di avviare la presentazione.

 

5. Attenzione alla condivisione dello schermo!

Ricorda: stai condividendo il tuo schermo e il tuo desktop! Attenzione alla foto di sfondo, alle notifiche dei vari messenger (tipo skype o iMessage) e a tutto ciò che normalmente rientra nella tua sfera privata, anche se quello che stai usando è un computer che usi per lavoro e dall’ufficio.

Siamo abituati a mischiare vita privata e lavoro sui nostri computer, ma meglio non condividerne i dettagli con un potenziale cliente!

coondividere efficacemente lo schermo in una webconference

Immagine: treehouse1977

6. Fai un test qualche minuto prima

Inutile dirti che effettuare un test prima della sesione è assolutamente obbligatorio, da cui puoi dedurre tutti i motivi e le ragioni di questo vademecum!

Devi arrivare preparato e questo è obbligatorio in ogni occasione di DemoWebinar.

7. Organizza una sessione multipla di Webinar

Se puoi, per ottimizzare i tempi e se non è un problema per i tuoi clienti, crea una sessione unica per più partecipanti. In questo modo offrirai un’esperienza diversa, in cui i partecipanti potrebbero trovare utili le indicazioni degli altri.

Se fatto in forma anonima, la sessione sarà più arricchente e stimolante per tutti!

Ricorda che non è indispensabile che i partecipanti sappiano chi sono gli altri!

condividere lo schermo in un webinar

Immagine: scriptingnews

 

8. Gestisci bene il tempo della dimostrazione

La pianificazione è fondamentale, soprattutto se hai poco tempo e rischi di non coprire tutti gli aspetti fondamentali della tua dimostrazione.

Ricorda che deve adeguarsi alle esgenze dei partecipanti, al prodotto o servizio che proponi, ai tempi a disposizione e deve incastrarsi perfettament ein un quadro promozionale o di vendita ben specifico. Se per esempio, hai due argomenti fondamentali, non perderti in altri dettagli, ma sottolinea soprattutto quelli. Ci sarà tempo alla fine per dettagli non importanti o essenziali.

titolo giusto webinar

9. Raccogli le domande a parte

Una buona pratica è quella di raccogliere le domande prima della demo, come abbiamo scritto nel nostro Webinar professionali: Progettare e realizzare eventi live coinvolgenti ed efficaci (pp. 201-205).

In questo modo puoi farti un’idea dei dubbi e delle esigenze dei tuoi partecipanti e tarare la presentazione proprio su di esse!

10. Energia, passione ed entusiasmo!

La maggior parte delle persone che organizzano una demo, soprattutto se hanno ricevuto una formazione più tecnica, sottovalutano l’aspetto emozionale e relazionale di eventi di questo tipo. Anche un DemoWebinar deve avere energia, trasmettere passione ed entusiasmo per quello che stai mostrando.

Se non sei convinto tu del tuo prodotto, servizio, sito, o quello che vuoi, come fai a convincere gli altri?

Veniamo a te!

Raccontaci qui sotto, nei commenti, cos’hai imparato dalle tue dimostrazioni online, come hai risolto eventuali imprevisti o come hai applicato questi consigli: la tua esperienza è fondamentale e ci piacerebbe confrontarci con te su questo tema!

Follow Up: cosa fare dopo un Webinar

follow up webinar - cosa fare dopo un evento online

Ogni tipo di Webinar (che sia in modalità videoconferenza e conferenza online, oppure in modalità collaborativa, come WebMeeting), ormai lo sai non si limita al solo evento dal vivo e, soprattutto, non si conclude con i saluti finali.

E’ quindi molto importante capire cosa succede dopo l’evento online: come rendere la tua videoconferenza un’esperienza che si protrarre nel tempo, che prosegue oltre l’evento stesso?

In sintesi:

Cosa fare dopo un evento online?

Cosa fare dopo un webinar?

 

Follow up: perchè è importante

Esistono moltissime azioni diverse che hanno tutte in comune alcuni obiettivi:

  • Inviare il link della registrazione del webinar
  • Ricontattare le persone che hanno risposto all’invito e ringraziarle
  • Rilanciare eventuali promozioni
  • Creare un ponte sul futuro (altri eventi, altre iniziative, altre azioni da parte del partecipante, ecc.)
  • Creare e mantenere il legame con le persone che ti hanno dedicato del tempo e che sono interessati ai tuoi argomenti

Come sfruttare il Post-Webinar

cosa fare dopo un webinarCon Post-Webinar o FollowUp intendiamo tutte le attività che puoi svolgere terminato il webinar nelle ore o nei giorni immediatamente successivi all’evento.

Hai una gamma di opportunità decisamente ampia e il limite è determinato solo dalla tua fantasia.

 

Ecco qualche idea molto semplice:

  • Mail di ringraziamento
  • Feedback
  • Registrazione e materiali
  • Call to action

Vediamoli nel dettaglio.

cosa fare dopo un webinarI ringraziamenti alle persone che hanno partecipato saranno inviati tramite mail, questo permette di creare un legame virtuale molto forte con il nostro pubblico. La mail di follow-up per un Webinar serve anche a ringraziare chi sta già comprando alcuni nostri prodotti, accedendo ai nostri servizi, o semplicemente prendendo parte ad un percorso formativo online.

La raccolta dei feedback è molto importante per chi ha organizzato il webinar, serve a capire i punti di forza dell’evento e le parti che invece vanno migliorate o addirittura cambiate. Hai erogato una o due ore di (in)formazione dal vivo, mettendoti in gioco:

Si provvede poi all’invio della registrazione del webinar, che deve avvenire entro al massimo tre giorni dall’evento stesso.

Perchè? Semplice: le persone si dimenticano e perdono il legame con quello che hanno visto o con la sensazione di essersi persi qualcosa! E tu devi agire molto in fretta!

cosa scrivere dopo un webinarDevi inviare la registrazione il più presto possibile e, se ne hai la possibilità, rieditala, taglia i pezzi morti, i saluti personali e privati (capitano troppo spesso!) e le parti inessenziali. Oltre ad aumentare il livello qualitativo, eviterai ai tuoi partecipanti inutili perdite di tempo, valorizzando il materiale che offri loro.

Un ultimo aspetto riguarda le call-to-action: immagina di aver usato il tuo webinar non solo per offrire contenuti di qualità, ma anche per aver proposto ai tuoi partecipanti un corso, un e-book, qualcosa che riguarda il tuo lavoro. Il follow up permette di richiamare l’attenzione, rilanciare l’offerta o la promozione e ricordare il motivo per cui tu hai organizzato il webinar, che probabilmente era l’obiettivo generale!

Insomma, imparare come fare un buon follow-up è fondamentale per amplificare il risultato del tuo webinar e, ricorda, come abbiamo scritto in tutti i nostri post sulla progettazione del webinar, il follow up deve essere previsto, progettato e preparato con largo anticipo, magari predisponendo le mail che poi invierai: il tempo non è mai troppo per queste cose!

Se hai dei dubbi su come preparare le mail dopo il Webinar, cosa scrivere nelle comunicazioni per promuovere o diffondere il tuo hangout o la tua videoconferenza e se vuoi dei modelli da seguire, non esitare a registrarti a questo sito: a breve avrai anche tu modo di accedere al nostro Webinar Toolkit, un insieme di risorse e materiali per il tuo Webinar.

Registrati subito! E’ gratuito e ti offre moltissime opportunità di altissimo livello!

Post scritto in collaborazione con Elisa Oliva

5 buone ragioni per programmare oggi la tua prima VideoConferenza

Come usare efficacemente le videoconferenza nel tuo lavoro e nella tua professione?

Perchè farlo subito?

Perchè usare le WebConference come strumento di comunicazione e formazione?

 

Primo passo: cos’è una videoconferenza

Come sai distinguiamo nella famiglia generale dei Webinar le due principali tipologie di strumenti, la WebConference (o video conferenza) e il WebMeeting, come abbiamo già spiegato sia nel libro Webinar professionali. Progettare e realizzare eventi live coinvolgenti ed efficaci sia nell’articolo Webinar, WebMeeting e WebConference: cosa sono e come funzionano.

La WebConference è la trasposizione nel web della classica conferenza o della lezione di tipo frontale, universitaria a cui siamo abituati: una persona parla a più persone contemporaneamente, espone i propri contenuti e, alla fine, risponde alle domande.

 

Impara subito la tecnica e l'arte del Webinar

Una video conferenza ti permette di comunicare in modo rapido con molte persone contemporaneamente, offrendoti moltissimi vantaggi:

  • Mostrare slide e contenuti
  • Condividere il tuo desktop (mostrando ad esempio il funzionamento di un software o un sito web)
  • Condividere una chat in cui tutti possono commentare
  • Avere uno spazio di raccolta di domande e risposte (una specie di FAQ dal vivo)
  • Condividere link e risorse online
  • Condividere materiali e file

La videoconferenza è quindi uno strumento potentissimo che ti permette di comunicare in modo rapido ed efficace con molte persone contemporaneamente.

 

Come fare una conferenza online in poche mosse

flickr.com - doctorow

Per realizzare una WebConference hai bisogno di alcuni ingredienti fondamentali:

Diamo per scontato che il terzo punto tu ce l’abbia già e che se hai già in mente cosa devi dire tu abbia già delle slide, non ti resta che procurarti una piattaforma che ti permetta di fare tutto ciò che abbiamo che abbiamo elencato più sopra (qui).

A tal proposito, se hai pochi partecipanti, puoi tranquillamente usare Skype con la condivisione delle schermo. Puoi anche scegliere di usare uno strumento potente e gratuito come Hangouts di Google che abbiamo ampiamente insegnato a usare in Speed Webinar.

Un’alternativa è scegliere una piattaforma a pagamento, completa, versatile e adatta a diverse tipologie di comunicazione (se vuoi una mano, contattaci senza impegno!).

 

5 buone ragioni per programmare oggi la tua prima VideoConferenza.

Ci sono diverse ragioni per decidere di usare subito la WebConference per la tua comunicazione.

1. E’ economico

Nessuno spostamento, nessuna spesa! Siamo nell’ordine della massima resa con la minima spesa.

Immagina di dover comunicare con decine di persone provenienti da tutta Italia: quanto costerebbe a ognuno (o a te!) pagare la trasferta a ogni singola persona? Oppure, cosa comporterebbe attendere la prossima buona occasione per incontrarvi di persona e discutere degli argomenti più rilevanti e urgenti?

webinar-costiCon una WebConference tutto ciò viene cancellato: basta trovare il modo di accordarvi su un orario e un giorno (puoi usare ad esempio Doodle.com) e il più è fatto! Prepari le tue slide e ti trovi immediatamente a condividere le tue idee con decine o centinaia di persone. In tempo reale!

Il risparmio non è solo economico: in termini di tempo, la riduzione dei tempi di accesso e l’annullamento dei tempi di spostamento sono incredibilmente a favore dell’efficienza e del… portafoglio!

2. E’ ecologico

Per gli stessi motivi che hai appena letto, l’impatto ambientale dell’uso di WebMeeting e WebConference è assolutamente bassissimo: nessuna trasferta, nessuna immissione di anidride carbonica (ok, lascia perdere che anche i server consumano! Vuoi mettere con centinaia di auto che si spostano?), nessun contributo alle polveri sottili!

Se non sposti le decine di persone che devono conoscere la tua proposta stai contribuendo a creare valore, senza inquinare e senza sprecare!

E’ indubbiamente un aspetto da tenere in considerazione!

webinar-risparmio3. E’ semplice

L’abbiamo già descritto più sopra: usare le videoconferenze ti permette di comunicare e formare decine (o centinaia) di persone in modo veloce ed economico.

Noi lo facciamo tutti i giorni e mettiamo in connessione moltissime persone che vogliono lavorare, comunicare, imparare, collaborare insieme.

Se ti affidi ad esperti (o fai in modo che un tuo collaboratore lo diventi!), ti devi preoccupare solo della qualità dei contenuti e dei supporti visivi (le slide): massima efficacia e massima densità del messaggio.

4. E’ divertente

L’uso della tecnologia, soprattutto quando ne padroneggi alcuni “segreti” è sempre divertente e stimolante.

Se pensi alla potenza di uno strumento in grado di metterti in contatto con decine o centinaia di altre persone e se consideri quanto possa essere semplice, capisci l’energia e l’entusiasmo che riesce a offrirti questo strumento.

Noi l’abbiamo scritto e detto ovunque: il Webinar crea dipendenza! Prova e ci dirai!!! 🙂

5. E’ efficace

Considera che per una buona parte dei contenuti che solitamente possono essere trasmessi in aula e a parità di altre condizioni,  mediamente

[Tweet “Un’ora di formazione via Webinar può corrispondere a 2-3 ore di formazione in aula tradizionale!”]

Non è un dato scientifico, ma dal confronto con moltissimi esperti del settore ci siamo accorti che verosimilmente una persona che si concentra per un paio d’ore ben condotte, con la giusta metodologia e con alcune strategie specifiche, può effettivamente raggiungere un livello di concentrazione molto alto: apprendimento  duraturo, pervasivo e intensivo sono i risultati che possonoe ssere raggiunti con una videoconferenza ben progettata.

Come partire subito!

Prima di tutto scopri gli altri motivi, scaricando il nostro e-book gratuito “Webinar: 10 cose che non ti hanno detto (e che devi sapere subito!)” e anche “Manuale Pratico del Relatore 2.0“.

Leggili subito e scopri come e perchè il Webinar può cambiare il tuo modo di comunicare!

Se non sei del tutto convinto, leggi questo articolo: Webinar? Questione di centimetri!

prima videoconferenza trucchi e segretiIn secondo luogo, stabilisci il tempo necessario per realizzare la tua prima WebConference: quando la vuoi tenere? Di quanto tempo hai bisogno per poterla portare a termine? Stiamo realizzando, a tal proposito, uno strumento di auto-coaching che regaleremo a tutti gli iscritti a WebinarPRO nelle prossime settimane (stay tuned!) e che ti permetterà di stabilire le tue priorità e raggiungere i tuoi obiettivi grazie al tuo Webinar.

Infine, cerca le risorse che ti occorrono: economiche, tecnologiche e umane! Cosa ti serve per realizzare il tuo Webinar? Non fermarti alla piattaforma, quello è il minimo (scopri qui perchè)! Pensa a tutto il resto!

Appena sei pronto, faccelo sapere!

Vogliamo assolutamente partecipare!

Scarica l'E-Book Gratuito per imparare cosa sono i Webinar e cosa possono fare per te!

Se vuoi altre buone ragioni, leggi il nostro E-Book “Webinar: 10 cose che non ti hanno detto (e che devi sapere subito!)

Lo trovi insieme a molte altre Risorse e strumenti Webinar nel nostro Webinar Toolkit!

 

 

Presentare con il NeuroMarketing in modo efficace e convincente

Conferenze online, seminari tradizionali in presenza, congressi, workshop online oppure tradizionali, webinar e webconference di qualsiasi tipo, presentazioni di marketing, pitch per venture capital e business angel, briefing di qualsiasi tipo, sia online che in presenza.

Ma anche presentazioni a congressi scientifici, convention, conferenze tradizionali, sia di stampo accademico, sia più legati al business, alla comunicazione aziendale e all’imprenditorialità.

Tutti questi tipi di presentazione e molti altri che non sono rpesenti nell’elenco, possono rispondere ad uno schema molto semplice e utile e permetterti di ottenere risultati straordinari con un semplicissimo trucchetto: usare i principi del NeuroMarketing per offrire ai tuoi partecipanti un’esperienza unica e stimolante, ma soprattutto utile!

Cos’è il NeuroMarketing.

19668702_sIl termine deriva dall’applicazione delle scoperte più recenti nell’ambito delle Neuroscienze ai processi decisionali e alle decisioni di acquisto.

Come cita Wikipedia, il neuromarketing è una branca di riferimento delle cosiddette “neuroeconomie”, ed indica una recente disciplina volta all’individuazione di canali di comunicazione più diretti ai processi decisionali d’acquisto, mediante l’utilizzo di metodologie legate appunto alle scoperte delle Neuroscienze.

Sull’argomento ci sono parecchi testi, anche divulgativi e facilmente applicabili oltre che comprensibili! Per iniziare, e non solo, ti consigliamo questi tre:

Non ci interessa entrare nel merito della scientificità o attendibilità di questo approccio: non è il nostro scopo. L’obiettivo di questo post è semplicemente raccontarti un possibile modello che ha tutte le premesse di essere utile, stimolante e facilmente applicabile.

Lasciamo volentieri ad altri il compito di esplorarne la validità scientifica.

Lo schema del NeuroMarketing.

Il NeuroMarketing propone un modello relativamente semplice, almeno nel lavoro di Patrick Renvoisé e Christophe Morin (il primo dei tre libri indicati).

Il messaggio deve progressivamente presentare questi quattro elementi:

  1. Diagnosticare ed evidenziare il PAIN, ovvero un bisogno, un dolore, una sofferenza o una mancanza del nostro potenziale cliente
  2. Differenziare il CLAIM, ovvero lo slogan, il messaggio che vogliamo inviare
  3. Dimostrare il GAIN, ossia il guadagno che il potenziale interessato può ottenere con la nostra soluzione
  4. Inviare il messaggio all’OLD BRAIN, la call-to-action, l’invito a fare qualcosa

 

Presentare con il NeuroMarketing

Come usare il NeuroMarketing per la tua prossima presentazione.

Non entriamo nel merito della scientificità e dell’applicabilità del Neuro Marketing ai Webinar. Prendiamolo come possibile modello, proviamolo, vediamo se il nostro messaggio ha più effetto ed è più efficace degli altri e valutiamo se applicarlo o meno alle nostre comunicazioni.

Tornando al nostro obiettivo, ovvero costruire un messaggio che sia più efficace possibile e come presentare con il NeuroMarketing senza dover prendere una laura in Neuroscienze? Come raggiungere il cuore e il cervello dei nostri interlocutori?

Dobbiamo costruire la nostra presentazione sollecitando progressivamente tutit i passaggi che abbiamo visto.

Convincere con il NeuroMarketing

Inizieremo rilevando ed evidenziando il problema da cui partiamo, il bisogno dei nostri partecipanti, la situazione critica che vivono molte persone quando devono affrontare la situazione di cui stiamo parlando. In questo modo, stando agli autori, si attiva l’attenzione e i nostri interlocutori si risvegliano, immedesimandosi con quello che stiamo descrivendo.

In seconda battuta, spiegheremo la nostra proposta, i risultati della nostra ricerca e del nostro lavoro, sottolineando come si tratti di un’offerta che risolve molti problemi, entrando così nella terza parte: ciò che guadagnano le persone che adottano la nostra proposta. Se nel claim descriviamo con cura la nostra proposta, nel gain puntiamo sui vantaggi che offriamo che pososno essere di due tipi: riduzione del dolore o aumento del piacere!

Infine, come quarto passaggio, lanciamo il messaggio finale, quello che deve spingere all’azione e portare le persone a decidere se scegliere la nostra proposta oppure no (sperando di sì!).

Ognuna delle quattro fasi è piuttosto articolata e vengono forniti nei testi che abbiamo indicato diversi spunti e idee per sfruttare pienamente questo approccio, che rimane uno dei mille possibili modi di costruire una presentazione, ma che rimane stimolante, curioso e per alcuni versi persino magico!

Come applicare il NeuroMarketing al Webinar.

17657526_s

Il nucleo del Webinar è il Ciclo Dinamico, ovvero il blocco composto da Contenuto+Relazione (Webinar professionali – pp. 49-51 della versione cartacea) e al suo interno, la costruzione della presentazione può tranquillamente seguire questo schema come altri analoghi (magari in futuro parleremo delle diverse modalità di presentazione).

D’altra parte, lavorare nell’ambito del Ciclo dinamico ci permette di fare molto altro, integrando contenuti e interazione, giocando su una comunicazione più aperta, costruttiva, dinamica (appunto), facilitando lo scambio con i partecipanti.

Quindi, per il tuo prossimo Webinar, prepara le slide sperimentando il NeuroMarketing e raccontaci in un commento com’è andata!

Webinar Marketing

Webinar Marketing: fare marketing con il webinarSe vuoi, poi, puoi anche avvicinarti al Webinar Marketing, acquistando il primo e-book in italiano sull’argomento.

Si tratta di un E-Book introduttivo, molto ricco di idee: il primo passo ideale per chi vuole iniziare a promuovere il proprio Webinar o utilizzare il Webinar come strumento di Marketing.

Ne parleremo dal vivo anche nel Corso Rapido dal vivo Speed Webinar, un percorso intensivo per metterti subito nelle condizioni di progettare, promuovere e realizzare il Tuo Webinar in pochissimo tempo! Il libro Webinar Marketing è incluso gratuitamente nel Webinar Toolkit “Speed Webinar”.

Se vuoi maggiori informazioni e se vuoi iscriverti alla prossima edizione primaverile/estiva di Speed Webinar, clicca qui sotto sull’immagine: ti si aprirà un mondo che non immagini nemmeno!

Puoi leggere il programma e capire quali vantaggi personali e professionali puoi trarne, cliccando sull’immagine qui sotto!

Speriamo di averti in prima fila alla prossima edizione.

Perchè significherà che stai giocando la tua partita! Con noi!

come fare un webinar in meno di 3 oreClicca sull’immagine per maggiori informazioni e per andare alla pagina del corso

 

Fare Videoconferenze e Webinar? Questione di centimetri!

come fare videoconferenze

Fare videoconferenze. Organizzare Webinar.

Gestire la comunicazione e la formazione tramite piattaforme per videoconferenze e riunioni online.

Le coincidenze della vita.

Se ti trovi su questa pagina è perchè hai probabilmente cercato da qualche parte una soluzione per fare videoconferenze gratis, oppure per fare un webinar in modo semplice, o ancora per iniziare a lavorare con le videoconferenze e i webmeeting.

Nei prossimi giorni, dopo molto lavoro sul campo, esperimenti di tutti i tipi, ormai molte più di mille ore di Webinar erogati, avviamo un cammino nuovo e intenso, fatto prima di sacrifici e poi di moltissimi risultati.

Per noi fare videoconferenze e webinar è una cosa naturale e vogliamo che lo diventi anche per gli altri! Tu incluso!

Ora, ti vogliamo raccontare una storia, la tua storia!

 

Il destino…

Rincuoràti dal supporto, dalle parole e dalle molte richieste di tantissime persone che ci hanno seguito in questi anni su Insegnalo.it e più recentemente, nel 2013 su WebinarPRO.it, Speed Webinar ha spiegato a decine di persone come fare videoconferenze in modo professionale.

Decine, forse centinaia, visto che le iscrizioni sono ancora aperte. Ma non è questo ciò di cui vogliamo parlare.

Vogliamo parlare di te. E del tuo Webinar, o del tuo particolare modo di fare videoconferenze.

In questi giorni il destino ha voluto che ci comparisse davanti una delle più belle scene motivazionali che Hollywood ci ha regalato.

Fare videoconferenze. Organizzare Webinar. Usare il Webinar per WebMeeting e WebConference: ecco l’obiettivo che ci siamo posti e che vogliamo condividere con te!

Ogni giorno c’è qualcuno che si accorge che è giunto il momento di fare videconferenze e organizzare parte della propria comunicazione online tramite il web!

La scelta di fare videconferenze non riguarda solo lo strumento di comunicazione, ma oggi anche come vero e prorpio strumento di business. E ogni giorno, tra queste persone, serpeggiano dubbi, perplessità, voglia di procrastinare, rinviare il momento di fare videconferenze eccezionali e usare il webinar in modo efficace: fare videoconferenze, oggi è sia semplice, sia piuttosto difficile e dopo ti spieghiamo perchè!

Ma, perchè rinviare? Ecco uno spunto che ti fa capire come anche il semplice fare videoconferenze sia basato su una scelta esplicita, che non conviene più rinviare. E che la fatica iniziale può essere facilmente sostituita da tanta soddisfazione.

Il discorso di Tony D’Amato (Al Pacino), allenatore di una squadra di football americano, che motiva la propria squadra a raggiungere il più importante dei risultati: la vittoria.

E’ una scena tratta da “Ogni maledetta domenica”, un film che ti consigliamo di vedere!

[embedplusvideo height=”400″ width=”600″ editlink=”http://bit.ly/1eZAsJJ” standard=”http://www.youtube.com/v/X3kSC9aIefU?fs=1&hd=1″ vars=”ytid=X3kSC9aIefU&width=600&height=400&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=0&chapters=&notes=” id=”ep5795″ /]

come fare videoconferenza

Centimetro dopo centimetro.

Un giorno ci siamo accorti di aver organizzato oltre 1.000 ore di Webinar. Sono tantissime, un’immensità. Non ce ne eravamo accorti: lo facevamo semplicemente da molto tempo e le ore si sono accumulate così, quasi senza che ce ne accorgessimo.

Per noi fare videoconferenze e webinar è ormai una cosa molto naturale e lo diventa anche per le molte persone che seguono i nsotri corsi online per progettare, organizzare, realizzare, promuovere e fare videconferenze, webinar, riunioni e meeting online.

Ma se dovessimo consigliare a qualcuno come fare la stessa cosa, ci troveremmo (e ci troviamo quotidianamente, quando siamo davanti a un nuovo amico che ci chiede come organizzare un Webinar!) davanti al suo PUNTO ZERO.

L’inizio.

Se vuoi organizzare la tua prima conferenza online, il tuo primo seminario online, devi conquistarti il tuo risultato, centimetro dopo centimetro.

Tutto si decide oggi.

Ti sembrerà un’immensità, ti sembrerà un risultato impossibile, ma è fattibile: l’abbiamo già fatto noi!

La vera difficoltà è decidere quando iniziare e solitamente, per queste cose, il momento migliore è… ora!

come fare una videoconferenza e webinarQuando abbiamo progettato Speed Webinar avevamo in mente proprio le persone che non hanno mai pensato a quanto fare un webinar sia divertente ed efficace e come fare un Webinar possa essere lo strumento giusto per raggiungere alcuni risultati, o che non hanno mai pensato di poter essere all’altezza della situazione, di poter creare qualcosa di proprio, un progetto che fosse sotto al proprio completo controllo.

E se tu sei una di queste persone, ti spieghiamo come raggiungere il tuo risultato centimetro dopo centimetro. Fare una videconferenza sarà facile, divertente e stimolante, per te e i tuoi partecipanti!

Hai letto i nostri post, seguito i nostri webinar (se non l’hai fatto, ecco dove potevi farlo, ossia Webinar ABC, la prima Webinar School completamente gratuita per imaprare la Tecnica e l’Arte del Webinar), ti sei appassionato al tema delle videoconferenze e dei seminari online grazie ai nostri ebook.

Ora è venuto il momento di agire. Compi il tuo primo passo!

Fare Videoconferenze e Webinar: il tuo primo passo è ora!

Io però non posso farlo per voi.

Solo chi è sul campo, chi si confronta ogni giorno con le persone e con le idee può davvero capire la difficoltà di compiere il primo passo e trovare il coraggio di agire, di lanciarsi, di provare a crearsi un percorso professionale nuovo, diverso, unico. Completamente sotto il nostro controllo.

Quando parliamo con qualcuno che vuole fare videoconferenze e avviare il suo primo Webinar, spieghiamo che ci sono due grandi verità:

  • Fare Videoconferenze e Webinar è più facile di quanto si possa pensare

    … e noi sproniamo le persone a provarci, perchè sappiamo quanto sia fattibile e divertente!

  • Fare Videoconferenze e Webinar è più difficile di quanto si possa pensare

    … e noi spieghiamo alle persone come farlo, perchè sappiamo che tutti possono diventare professionisti di questo mondo!

 

Mezzo passo fatto un po’ in anticipo o in ritardo e voi non ce la fate, mezzo secondo troppo veloci o troppo lenti e mancate la presa.
Ma i centimetri che ci servono, sono dappertutto, sono intorno a noi, ce ne sono in ogni break della partita, ad ogni minuto, ad ogni secondo.

Le opportunità per diffondere la nostra conoscenza, quello che sappiamo, quello che abbiamo imparato sono moltissime. E ci sono la fuori, nel mondo reale, quello in cui viviamo quotidianamente, centinaia di persone alle quali proprio le cose che sappiamo farebbero bene, risolverebbero un problema, offrirebbero un’opportunità.

Organizzare una videoconferenza o un workshop online oggi è molto più semplice e fattibile anche con strumenti gratuiti. Non è un caso che per Speed Webinar abbiamo scelto di spiegare come usare Hangouts di Google: uno strumento facile e immediatamente utilizzabile per fare videconferenze di tutti i tipi, se sai come farlo!

Quindi sta a te scegliere, decidere se rinviare ancora una volta oppure lanciarti in quest’avventura! Solo tu puoi decidere quando.

 

Vuoi un alibi per non fare una videconferenza o un webinar al posto di spostare decine di persone, pagare aule e spazi?

Noi, anche con tutto il nostro impegno, non possiamo offrirti alcun alibi!

Immagine tratta da Flickr @pasa

Immagine: @Pasa su Flickr

Non ci sono effettivamente limiti a quanto puoi realizzare:

  • La tecnologia non è un limite se sai da che parte prenderla!
  • Il raggiungimento delle persone interessate non è un problema: ci sono strategie efficaci e veloci per farlo (e noi ne abbiamo una velocissima)!
  • La progettazione di un evento dal vivo non è molto complessa, e diventa pure un processo piuttosto creativo e divertente!
  • La presentazione dal vivo, con i giusti accorgimenti, è più semplice di quanto tu possa immaginare
  • L’evento dal vivo ti vede protagonista, ma può coinvolgere altre persone

Insomma, non hai scuse: se hai il bisogno o la volontà di comunicare con molte persone contemporaneamente e vuoi farlo in fretta, fallo!

Non perdere tempo e occasioni per realizzare il tuo obiettivo! E sabato potrebbe essere l’occasione della tua vita per lanciarti.

 

Insieme, il primo passo per fare videoconferenze e webinar è ancora più semplice!

Tony D’Amato ci ha regalato con il suo discorso qualcosa di molto importante: la forza di scegliere di decidere, di lanciarci per creare il nostro sogno.

Nei prossimi mesi, online, tracciamo con altre persone (molte davvero!) un altro centimetro importante.

Per loro, come per noi!

Vuoi percorrerlo con noi?come fare videoconferenze e webinar

In questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un centimetro, ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza fra vivere e morire.

E voglio dirvi una cosa: in ogni scontro è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro, e io so che se potrò avere una esistenza appagante sarà perché sono disposto ancora a battermi e a morire per quel centimetro.

Allora, che cosa volete fare?

Quelli che hanno già iniziato a percorrere i primi centimetri

La nostra massima stima e i nostri più grandi ringraziamenti vanno alle moltissime persone che hanno già deciso di intraprendere questo cammino di crescita con noi e si sono iscritte a Speed Webinar , lo scorso sabato 14 dicembre!

Ci siamo fatti in quattro per offrire un’esperienza unica e indimenticabile! E siamo sicuri di averla condivisa con persone che sanno sfruttare al massimo questa opportunità: molti di loro hanno iniziato a fare videoconferenze, organizzare webmeeting, fare webinar di altissimo livello, nella formazione e nella promozione di se stessi e del proprio lavoro.

Vuoi fare videoconferenze e webinar?

CORRI AD ISCRIVERTI!
PUOI FARLO SUBITO IN MODO VELOCE E PRATICO!

Puoi leggere il programma e capire quali vantaggi personali e professionali puoi trarne, cliccando sull’immagine qui sotto!

Perchè siamo convinti che fare videconferenze e webinar sia ormai una scelta sempre più vantaggiosa per tutte le professioni! Inclusa la tua!

Speriamo di averti in prima fila!

Perchè significherà che stai giocando la tua partita! Con noi!

Clicca sull’immagine per maggiori informazioni e per andare alla pagina del corso

 

Videoconferenze: 4 consigli pratici per chi ha fretta di iniziare!

Videoconferenze: è facile iniziare

Fare videoconferenze online diventa sempre più spesso una scelta quasi obbligata: in tempi di crisi è molto più semplice organizzare un evento online, senza spostare fisicamente le persone, ottimizzando i tempi, le risorse e, ovviamente, il budget!

Ma come fare una conferenza online se hai fretta e non sai da dove iniziare?

Ecco quattro semplici consigli per ridurre al minimo i costi e i rischi, ottimizzando le risorse e gli strumenti che hai già a disposizione.

 

1. Valuta bene i tempi e i numeri

Sicuro di avere davvero fretta? Sicuro di non trovarti solamente nella situazione “non ho tutto il tempo che vorrei“?

numero partecipanti webinar e conferenze onlinePer promuovere, lanciare e raccogliere adesioni a un webinar sono necessari indicativamente dalle 2 alle 4 settimane, in relazione inversamente proporzionale alle seguenti variabili:

  1. Disponibilità di un database di potenziali utenti già interessati
  2. Posizionamento e reputazione
  3. Esperienza diretta nel settore
  4. Capacità di comunicare online e non solo ai potenziali partecipanti

Più queste dimensioni sono sostanziose, solide, affidabili, più si riducono i tempi necessari per raccogliere adesioni.

Ma c’è un “MA”!

QUANTO TI PUOI FIDARE DEL TUO DATABASE DI CONTATTI?

Chiaramente non sopravvalutare il tuo database di potenziali interessati.

Un conto sono le persone che si sono iscritte, ad esempio, alla tua mailing list, un conto quelle che si iscrivono al webinar e, ancora, un conto quelle che effettivamente prenderanno “fisicamente” parte all’evento.

Se si tratta di un evento a pagamento e i numeri vengono raggiunti in termini di posti venduti ben prima dell’evento, puoi anche non preoccuparti: raggiunto il tuo obiettivo, se un partecipante alla fine preferisce non esserci e guardarsi la registrazione, si perde qualcosa, ma tu il tuo risultato l’hai raggiunto.

Se invece il tuo webinar è del tipo “di raccolta” (leggiti il nostro “Webinar Marketing“) il risultato che più conta è rappresentato da chi entra effettivamente e da chi… rimane!

Ricordati questa regola fondamentale:

[Tweet “Su 100 iscritti a un Webinar, partecipano dal 30 al 70% dei registrati”]

Questa percentuale varia sensibilmente, ma è difficile che si aggiri attorno al 90-100%, anche per Webinar a pagamento!

Quindi per un webinar di 100 posti, immagina di dover raccogliere almeno 200, 250 potenziali interessati! E stai pronto anche all’evenienza che ci siano tutti!

 

2. Non comprare tutto subito

Non c’è nulla di più frustrante di acquistare un abbonamento mensile o addirittura annuale da diverse centinaia, se non migliaia di euro per la piattaforma e poi trovarti con un decimo dei partecipanti.webinar - come risparmiare

Noi siamo per un giusto equilibrio tra pessimismo e ottimismo: si chiama realismo!

Supponiamo che tu stia facendo tutto il necessario per raccogliere adesioni e partecipanti e che le cose vadano lisce! In termini molto generali, potresti affittare la piattaforma persino il giorno prima, correndo il rischio di passarci la notte per imparare a usarla. Anche le demo gratuite vanno bene, ma devi comunque lavorarci.

Quindi prima di sganciare qualsiasi euro, presta attenzione a:

  • testare una demo con amici e conoscenti per prendere dimestichezza con la piattaforma
  • confrontare tra loro diverse piattaforme
  • essere sicuro che il webinar si terrà (lo sai dal rapporto che abbiamo visto più sopra!)

3. Affidati a chi ha già fatto

Un altro modo efficace per fare le cose in modo sicuro e poco dispendioso è affidarti a chi le fa quotidianamente, o almeno ha molta esperienza su webinar e conferenze online del tipo che vuoi organizzare tu.webinar: come partire da zero

Un esempio? Noi!

Chiederci un parere non ti costa nulla e anche avere un preventivo per organizzare un evento: lo facciamo volentieri perchè ci piace entrar ein contatto con idee sempre nuove e stimolanti!

Qual è il vantaggio di chiedere ad altri di occuparsi degli aspetti tecnici?

Semplice, che ti concentri su altri aspetti, più legati alle tue attività e ai tuoi contenuti.

Noi l’abbiamo imparato a nostre spese! E abbiamo decine di amici e clienti che hanno confermato questa cosa: a volte pensiamo che un consulente o un provider di servizi costi di più di farselo in casa e a volte questa convinzione è supportata dal desiderio di occuparci di tutto e di imparare ocme farlo, diciamo i tenerci il know how in casa!

Niente di più sbagliato: il tempo è denaro e imparare a usare una piattaforma di webinar o un software per fare conferenze online ti può richiedere molte ore, se non giorni.

Il vantaggio è che impari per la prossima volta, ma il costo in termini di lavoro aggiuntivo è enorme rispetto al chiedere ad altri.

E non ha particolare prezzi, anzi a volte è pure … gratuito!

Ad esempio, Insegnalo.it lavora spesso in partnership: nessuna spesa e revenue sharing! Se funziona si fa fifty-fifty del ricavato!

Non male, non credi? Anche in termini di affitto di una piattaforma: acquistare la piattaforma per un mese (a volte abbiamo sentito anche persone che l’hanno acquistata per un intero anno, pagando diverse migliaia di euro!!!), quando prevedi un solo webinar è estremamente più costoso rispetto ad acquistare un singolo webinar, a volte si tratta del 200%, altre volte persino il doppio!!!

 

4. Cerca risorse immediate e rapide

Partire da zero quando vuoi realizzare un webinar, è una situazione abbastanza frequente, ma investire tempo e risorse in compiti e scelte sbagliate è ancora più diffuso.

fare una conferenza online inmeno di 3 ore

Qualche esempio.

Non hai il sito internet. Non è detto che ti serva. Non è obbligatorio avere una landing page. A volte può bastare un servizio gratuito per creare un blog (tipo Blogger o WordPress.com): crei una pagina statica, la metti online e la condividi con i tuoi contatti. Anche le pagine di Facebook o Linkedin: sono gratuite e possono essere sufficienti a veicolare traffico e informazioni.

Non hai una mailing list. Esistono servizi gratuiti che ti permettono di raccogliere fino a 2000 indirizzi come MailChimp, ad esempio! E ti permette di avere diversi modi per creare una pagina di raccolta, una lista, un modulo e molto altro.

Non hai una piattaforma. Già detto: non devi per forza svenarti e ci sono mille altri modi, come ad esempio usare Hangouts di Google.

Non sai da dove partire. Ecco questo è un altro discorso, che merita uno spazio a sè!

Insomma quando le risorse sono scarseggianti è l’intuito, la furbizia, la ricerca dell’idea giusta che fanno la differenza. E poi, i consigli degli esperti: qui ne trovi una valangata e se ti iscrivi al sito sarai aggiornato sulla svolta della tua vita! Speed Webinar!

 

Cosa fare quando non sai da dove partire.Clicca qui per accedere alla prima Webinar School completamente gratuita!

Questa è proprio un’altra situazione.

Se sei arrivata/o fin qui vuole dire che qualche idea ce l’hai (o almeno sai dove trovarla… qui!).

Un’altra idea è quella di iscriverti subito a Webinar ABC: proprio in questi giorni stiamo lanciando un corso rapido che… lo scoprirai solo iscrivendoti gratuitamente a questo sito (clicca qui) o alla Webinar School (clicca qui).

Per darti un’idea della portata della cosa… fissa l’immagine qui in alto, quella di Speed Webinar…

Immagina cosa può fare per te!