Articoli

Come partecipare efficacemente a Webinar, Videoconferenze e Conference call

Ok, parliamo sempre di come presentare online e di come condurre, e mai di come partecipare efficacemente a Webinar, alle Videoconferenze e alle Conference call di qualsiasi tipo, anche le semplicissime e frequentissime skypate!

Ma oggi, lo facciamo e alla fine ti spieghiamo perchè!

partecipare efficacemente a webinar

Professione: Webinar Strategist.

Più o meno è questa l’etichetta che contraddistingue la sostanza delle nostre attività professionali quotidiane.

Aiutiamo i nostri clienti (e a volte anche quelli di altri!) a sfruttare pienamente il potenziale della comunicazione online dal vivo e integrarne la forza comunicativa con altre strategie (vendita, formazione, promozione, comunicazione, collaborazione online).

Tutti i giorni testiamo strumenti, strategie e tool che amplificano la comunicazione online dal vivo e offriamo la nostra esperienza a chi la richiede.

Cosa ti possiamo dire su come partecipare efficacemente a Webinar

Se finora abbiamo scritto di cosa fare per progettare e realizzare il tuo webinar, oggi vogliamo spiegarti come partecipare attivamente ed efficacemente a quello organizzato da altri.

E vogliamo farlo con un piccolo decalogo di punti che devi ricordare e seguire prima di partecipare al tuo prossimo webinar.

1. Sii puntuale, meglio in anticipo

Lo sappiamo, si arriva sempre in ritardo o al massimo nei 40 secondi precedenti all’avvio!

Ma se gli organizzatori sono seri, iniziano puntuali e nei primi minuti dicono qualcosa di importante, te lo perdi!Come partecipare efficacemente a Webinar

Banale? Può darsi, però se ci tieni cerca di entrare il prima possibile, così non ti perderai nemmeno un minuto e non correrai il rischio di rimanere fuori (sai che a volte corri questo rischio? ecco, sallo!).

2. Prepara ciò che serve

Oltre a capire come partecipare efficacemente a Webinar e videoconferenze di tutti i tipi, devi prima sapere una cosa: devi metterci del tuo! 🙂

Un bicchier d’acqua, il tuo blocco di appunti, una penna. Poche cose ma utili.

Ci sono tanti link, trucchi, risorse e idee che è meglio catturarle per tempo e se te le perdi, adios!

Già che ci sei, se si stratta di un webinar in cui probabilmente faranno un’offerta commerciale, prepara la carta di credito o verifica la tua prepagata: non si sa mai!

3. Documentati in anticipo

Leggi qualcosa sul tema. Qualsiasi cosa, anche Wikipedia va più che bene!

Giusto per avere un’idea dei termini che useranno, delle principali differenze e delle linee guida che possono esserci.

Avere uno scheletro almeno concettuale è come avere una rete da pesca: potrai cogliere molte sfumature e apprendere molto di più!

4. Usa gli auricolari

prepararsi bene per un webinarConsiglio vivissimo: gli auricolari, le cuffie, qualsiasi forma di strumento che ti permetta di sentire meglio è davvero consigliato!

Non tutti hanno l’accortezza di verificare i livelli del proprio audio e spesso capita di perdersi informazioni e altro, solo perchè il microfono del relatore… fa schifo! Non cambia moltissimo, ma avere a tua disposizione gli auricolari ti permette di migliorare la situazione e questo punto si lega bene con il seguente!

5. Prepara o procurati il microfono

Cosa c’è di male ad aprire Skype, usare il test e verificare di avere un microfono sul tuo portatile? E, cosa c’è di brutto nella possibilità di aprire il proprio microfono e intervenire? Stai pure tranquilla/o che ti capiterà rarissimamente, e probabilmente mai, se non ai nostri Webinar e ai nostri WebinarLAB.

Ma se ti viene chiesto, prova a partecipare. Prendi la parola e dì la tua! E’ una bella esperienza, fidati! Ed è divertente!

Ora, vai subito a testare il tuo microfono!

6. Scopri chi parla di cosa

Informati: non basta il titolo (ci sono decine di trucchi per farne uno fighissimo, anche senza alcun tipo di contenuto di qualità!). Scopri chi sono i relatori, cosa fanno nella vita, cosa hanno scritto o detto su quell’argomento.

Esplora i loro profili sui Social Network e valuta se si tratta di una novità nella loro storia personale o professionale, oppure hanno già condotto webinar su quell’argomento o scritto qualcosa sul tema.

Cerca anche di capire che tipo di taglio daranno all’evento online, se appartengono a qualche scuola di pensiero oppure no!

Questa è una preparazione importante che ti permetterà di imparare molte più cose! ancora prima di partecipare!

7. Partecipa attivamente

come partecipare webinarChatta, scrivi, naviga, leggi, pensa, ricerca, interagisci con gli altri! Ovviamente nei limiti offerti dalla piattaforma e di quanto gli organizzatori sono in grado di fare!

Fai il possibile perchè non sia una semplice trasmissione radiofonica ascoltata distrattamente mentre fai altre cose: resta lì, guarda le slide, osserva il relatore, ascolta cosa e come te lo dice. cerca di imparare da ogni singolo elemento del webinar.

8. Concentrati…

Non ridurre a icona la piattaforma: non si tratta di un tele-seminar, ovvero una sorta di trasmissione radiofonica! Se chi ha organizzato l’evento online ha fatto le cose con cura, devi guardare, seguire, interagire!

Concentrarsi è ovviamente più facile quando i contenuti sono più interessanti e l’evento è programmato e progettato bene (nel caso, sappi che puoi imparare anche tu e in fretta, ecco come!) e, quando sei obbligato, ad esempio per lavoro, puoi provare a concentrarti su altri aspetti, magari meta, tipo come presenta, cosa fa correttamente e cosa dovrebbe invece fare diversamente, anche perchè ormai seguendoci conosci tutto ciò che occorre!

webinar sofa

9. Isolati e mettiti comoda/o

Il cane è al suo posto? I bimbi sono fuori zona? Il cellulare è silenzioso?

Goditi questo tempo per te! Fatti questo regalo: concediti un’ora di aggiornamento e di formazione e fai in modo che il resto del mondo sia fuori gioco, o almeno che fuori dalla porta qualcuno si occupi di proteggere questo tuo tempo!

Del resto, quando siamo in un’aula di formazione ci concediamo questo lusso. Perchè non fare lo stesso seguendo il webinar dall’ufficio o da casa?

10. Esigi la qualità.

Il tuo tempo vale oro! Noi lo sappiamo, ed è per questo che insegniamo come progettare e realizzare eventi online coinvolgenti e stimolanti!

Non è detto che gli organizzatori dell’evento a cui stai per partecipare condividano questo atteggiamento!

Tu hai il potere di cambiare canale e abbandonare l’evento. Ma non farlo in modo passivo!

Fai sentire in qualche modo la tua voce e comunica agli organizzatori in modo discreto ed educato le tue perplessità, eventualmente dopo l’evento stesso, via mail. Le tue possono essere indicazioni per evitar loro ulteriori brutte figure!

E, se vuoi, indicagli il nostro indirizzo: magari possiamo dare una mano! 😉

Perchè vogliamo darti questi consigli!

stopwatch-60204_640Il mondo degli eventi online è pieno di persone che improvvisano e che, nonostante le buone intenzioni (spesso non sono latenti pure queste!), creano eventi poco coinvolgenti!

Noi siamo convinti che ci si possa permettere questo basso livello di qualità solo per poco, solo perchè le persone non sono ancora abbastanza esigenti in merito. Un po’ come nel caso della televisione dei primi anni: non ci si opponeva a programmi poco interessanti anche perchè non se ne conoscevano le alternative.

Insomma, più i partecipanti diverranno esplicitamente esigenti e faranno sentire la propria voce, più siamo convinti che la qualità degli eventi online si alzerà e si ridurranno gli approfittatori!

Detto questo,

[Tweet “Sii sempre esigente: fai in modo che il tuo tempo speso in un Webinar valga tanto!”]

E se ti trovi dall’altra parte, ricorda di offrire eventi di qualità!

Se ti va, leggi anche questo articolo:

errori più comuni nei webinar, nelle conferenze e nei webmeeting

Partecipare efficacemente a un Webinar: 5 errori molto diffusi che puoi evitare.

Cinque errori che possono compromettere la qualità della tua partecipazione a un Webinar. E cinque consigli per evitarli

Il Clima in un Webinar: cos’è e come lavorarci!

Lo sapevi che anche in un Webinar si crea un vero e proprio clima?

Cosa intendiamo per clima? Nel nostro libro Webinar professionali. Progettare e realizzare eventi live coinvolgenti ed efficaci abbiamo definito il clima in questo modo:

 

L’atmosfera che si percepisce nel corso dell’evento e che nasce da una serie di condizioni psicologiche, sociali, interattive, strutturali del webinar stesso. Tra queste condizioni possono avere una certa influenza: gli scambi tra le persone, il tono e la formalità della comunicazione, lo stile di conduzione, le tipologie di scambio sia interno sia con l’esterno, le attese di tutte le persone presenti e le risposte offerte dal webinar ai bisogni individuali.

 

clima in un webinarL’atmosfera è l’insieme di ciò che tutti percepiamo nel corso dell’evento e che nasce da una serie di condizioni psicologiche, sociali, interattive, strutturali del webinar stesso. Tra queste condizioni possono avere una certa influenza: gli scambi tra le persone, il tono e la formalità della comunicazione, lo stile di conduzione, le tipologie di scambio sia interno sia con l’esterno, le attese di tutte le persone presenti e le risposte offerte dal webinar ai bisogni individuali.

Tutto ciò che noi facciamo durante un webinar contribuisce alla definizione del clima dell’evento, sia quando siamo gli organizzatori sia quando siamo semplici spettatori. Un po’ come nella vita reale, anche in un webinar non si può non comunicare e tutti i partecipanti diventano parte integrante dell’intero evento, sia che ne siano consapevoli, sia che non ne sappiano nulla.

E tu, cosa farai per favorire il miglior clima possibile nel tuo prossimo Webinar?

Raccontaci le tue strategie e saremo lieti di confrontarci insieme a te!

I diversi livelli di partecipazione al Tuo Webinar

Come abbiamo visto nello scorso articolo “Webinar: sai cosa fanno i tuoi partecipanti mentre tu parli?” i motivi per cui le persone non si lasciano coinvolgere, non partecipano attivamente, si distraggono e non offrono feedback costruttivi possono dipendere da molti fattori .

Rivediamoli velocemente:

  • Motivi tecnici
  • Atteggiamento e clima
  • Paura
  • Status
  • Tempi
  • Ritmo

Queste condizioni, prese singolarmente o combinate, possono influire anche in maniera sensibile sull’attenzione e sulla possibilità che i partecipanti a diversi livelli si muovano fuori dal webinar.

In linea di massima assistiamo a qualcosa di analogo a quanto rappresentato dall’immagine seguente (che abbiamo tratto dal nostro libro Webinar professionali. Progettare e realizzare eventi live coinvolgenti ed efficaci ): all’aumentare delle condizioni poste sull’asse x  ci si allontana progressivamente dalle condizioni ottimali collocate in alto nell’asse y. Detto altrimenti, più aumentano determinate condizioni per così dire negative, più l’attenzione, la partecipazione, il coinvolgimento passano da proattivi a passivi, fino all’uscita dal webinar.

Livelli di partecipazione - Libro Webinar Professionali . Hoepli

Quinidi, a pensarci bene, ci sono cinque livelli di partecipazione:

  1. Partecipazione Proattiva: i partecipanti pongono domande, fanno emergere spunti, presentano punti di vista.
  2. Partecipazione Attiva: i partecipanti sono attenti, ascoltano, pongono qualche domanda, ma non conducono un ruolo molto partecipativo
  3. Partecipazione Reattiva: i partecipanti seguono, ma pongono domande solo se opportunamente sollecitati e con un certo sforzo reagiscono agli input.
  4. Partecipazione Passiva: i partecipanti non rispondono, non scrivono, non pongono domande.
  5. Uscita: i partecipanti annoiati, disinteressati o per nulla coinvolti lasciano il webinar.

energia in un webinarL’obiettivo di un buon conduttore è di riuscire a mantenersi almeno tra i primi tre livelli di partecipanti, evitando come la peste gli ultimi due. Più si rimane sul primo livello, più le probabilità di ottenere un ottimo risultato in termini anche di conversione su un obiettivo (ad esempio, l’acquisto di un prodotto o un servizio) aumenta sensibilmente.

Va tenuto presente che gli ultimi due livelli possono anche derivare da diverse condizioni esterne al webinar stesso e particolarmente probabili per gli eventi gratuiti. Spesso, infatti, alcuni si iscrivono con motivazioni e aspettative non del tutto chiare, anche quando abbiamo fatto il possibile per comunicare in modo efficace i contenuti del webinar.

Alcuni motivi che possono spingere le persone ad abbandonare un webinar sono legati ai contenuti, altri a motivi esterni, tra i quali non dobbiamo dimenticarne alcuni come abbiamo riportato anche nel libro (qui diventerebbe troppo lunga!!!).

Ora, come fare a prestare attenzione ai segnali della noia e della ridotta partecipazione?

Ci penseremo in un prossimo post!

Webinar: sai cosa fanno i tuoi partecipanti mentre tu parli?

Continuiamo a parlare dei partecipanti: settimana scorsa ci siamo chiesti “come fare ad avere i partecipanti giusti, quelli che sono davvero interessati alle tue idee e alle tue proposte“. Questa settimana, invece, parliamo dei partecipanti a un Webinar, quando stanno già… partecipando.

Si, hai capito bene! Cosa fanno tutte le persone che accedono al tuo Webinar durante la presentazione? Dov’è la loro testa?

Queste sono domande che attanagliano lo spirito di ogni Webinar Designer, che lo spingono a chiedersi continuamente cosa accade al di là del suo schermo, nelle case o negli uffici delle persone che stanno partecipando al webinar.

Rinviamo a un’altra occasione la differenza tra Interazione e Collaborazione e per ora concentriamoci solo su quegli aspetti che fanno la differenza nel momento in cui ci riferiamo semplicemente al generico scambio tra relatori e partecipanti che possiamo sintetizzare in questo modo (l’immagine è tratta da Webinar Professionali, il nostro libro sui Webinar).

scambi webinar

Guardando l’immagine, abbiamo almeno tre componenti in questo circuito:

  • A sinistra mettiamo tutto ciò che ha a che fare con l’organizzazione del Webinar
  • A destra collochiamo tutit i partecipanti
  • In mezzo, tra l’incudine e il martello, ci mettiamo il punto di contatto

Premettendo che tutto il discorso che segue dipende dal grado di coinvolgimento, collaborazione e partecipazione complessiva che riusciamo a mettere in campo nel Webinar, anche in un gruppo di partecipanti all’interno di una sessione di webinar, come nella vita reale e in altri contesti online, è qualcosa di concettualmente diverso dalla somma delle sue parti. E’ come se si creasse un microcosmo parallelo, che accomuna e coinvolge a diversi livelli tutte le persone che vi prendono parte.

Aggiungiamo un tassello importante, che si nota anche nell’immagine: anche se tutte le opzioni della piattaforma fossero sotto il controllo degli organizzatori, non è possibile monitorare alcuni scambi, ovvero l’interazione esterna tra i partecipanti (linea tratteggiata nella figura) che possono, a seconda della configurazione:

  • Scambiare tra loro messaggi nella chat pubblica
  • Scambiare tra loro messaggi nella chat privata
  • Scambiare tra loro messaggi privati al di fuori della piattaforma
  • Scambiare messaggi fuori dal gruppo, fuori dalla piattaforma

Senza pretendere di avere il controllo su ogni comunicazione interna/esterna dei partecipanti al webinar, bisogna dare per scontato che le diverse proporzioni tra messaggi interni ed esterni, tra in-topic e off-topic (ovvero quanto è coerente con il tema e la discussione in tempo reale e quanto non lo è), tra scambio costruttivo e pertinente e rumore, dipendono da altrettanti elementi comuni.

Reinterpretando liberamente gli autori del Webinar Manifesto (Muller e Murdoch), i motivi per cui le persone non si lasciano coinvolgere, non partecipano attivamente, si distraggono e non offrono feedback costruttivi possono dipendere da:partecipare a un webinar

  • Motivi tecnici: non sanno come fare o hanno problemi di configurazione che li ostacolano.
  • Atteggiamento e clima: i partecipanti sono stati motivati a interagire? Riconoscono e condividono il valore del loro feedback?
  • Paura: hanno paura di porre domande, di usare il microfono o la webcam, di esporsi, di passare per stupidi, ecc.
  • Status: percepiscono troppo l’autorità o la presenza del relatore e quindi non sono a proprio agio
  • Tempi: non hanno il tempo di rielaborare, ripensare, offrire un feedback
  • Ritmo: non è ancora il momento per offrire il feedback.

Nel libro abbiamo trattato a lungo questi aspetti e vengono riassunti tranquillamente nel pensiero che compare rapidamente nella mente di ogni conduttore o relatore di un Webinar quando l’occhio cade sulla chat. In questi casi, ci viene subito da chiederci, anche a secondo degli scambi tra i partecipanti: “ma cosa diavolo stanno facendo questi qua?”.

E’ normale: in chat spesso si regredisce allo stadio di liceali, si scherza, si gioca, si buttano lì battute più o meno pertinenti, più o meno serie.

Ma questo è un altro discorso.

Per il momento ci basta individuare:

  • Le tre direzioni degli scambi
  • Le diverse tipologie di scambi dentro e fuori dalla piattaforma
  • I motivi che possono spingere i partecipanti a distrarsi

E se, durante il tuo prossimo Webinar, ti cade l’occhio sulla chat, lascia perdere: la chat non va mai guardata durante la presentazione, è la prima regola che insegniamo nei nostri corsi!!! 🙂 partecipanti webinar

Gestire un Webinar: come migliorare il tuo impatto e coinvolgere i partecipanti.

Gran  parte delle strategie per gestire un Webinar di qualsiasi tipo provengono come sappiamo dal public speaking, anche se spesso richiedono una sorta di traduzione se non addirittura rivisitazione:  presentare in un webinar non è come presentare di persona, con i feedback e le dinamiche tipiche di una sala conferenze, un teatro, o anche una piccola sala di spettatori.

Qualche settimana fa ci siamo imbattuti in un utile articolo della Stanford Graduate School of Business, dal titolo “7 Improv & Acting Techniques to Make Your Presentations More Memorable“. E’ molto interessante e parte dal presupposto che la preparazione e la progettazione della propria presentazione non sono sufficienti per garantirsi un risultato eccellente:  per questo obiettivo, è necessario anche padroneggiare alcune strategie di improvvisazione e, per alcuni versi,  persino di recitazione.

Abbiamo pensato di trasportarle nel nostro ambito, quello dei Webinar, delle WebConference e dei WebMeeting. Partiamo dalle indicazioni dell’articolo (traduzione libera e creativa!) e vediamo come possiamo utilizzarle.test webinar piattaforma

1. Padroneggia lo spazio

Cerca di arrivare nel luogo della presentazione in anticipo e immagina il tuo corpo in espansione in tutta la stanza. Questa tecnica di recitazione ti aiuterà a provare la sensazione di padroneggiare l’intero spazio della presentazione.

Padroneggiare lo spazio in un webinar non è esattamente la stessa cosa di quando parliamo in  pubblico nel mondo reale e non digitale. Ci sono almeno due aspetti da considerare. Prima di tutto conoscere lo spazio virtuale (la piattaforma webinar) che stai usando e che rappresenta per te lo spazio simbolico, l’insieme dei confini tecnologici che determinano il tuo webinar. Secondo, puoi usare tecniche di visualizzazione analoghe a quelle proposte dall’articolo per rilassarti, visualizzare l’evento in modo positivo e affrontare nel migliore dei modi il webinar.

padroneggiare scena

2. Dai al pubblico un momento Speciale

Il CEO e autore Nancy Duarte ha coniato la frase “Momento STAR”, ovvero una tecnica per lasciare il pubblico con “qualcosa che ricorderà per sempre”, come portare qualcosa di originale sul palco oppure fare qualcosa di straordinario, soprattutto alla fine per favorire un ricordo positivo della nostra presentazione.

Anche in un Webinar è sempre utile offrire qualche opportunità per ricordare positivamente il nostro evento online! All’inizio, durante o alla fine dell’evento, cerca di inventare qualcosa di sorprendente, unico e memorabile:  puoi letteralmente fare qualsiasi cosa! Solo la tua creatività è il limite!

 

3. Includi elementi interattivi

Abbatti il muro tra te e il pubblico, ponendo loro una domanda e facendoli rispondere per alzata di mano, o facendoli lavorare a coppie e in gruppo. La gente si sentirà coinvolta e sarà parte della presentazione stessa.

Nei nostri corsi su come realizzare un Webinar, non ci stanchiamo mai di dire che una WebConference, un WebMeeting e qualsiasi sfumatura di un Webinar rappresenta un momento interattivo, non una trasmissione televisiva. Il Webinar deve portare le persone a interagire, a partecipare, a offrire il proprio contributo. Il Webinar è un evento sociale, non una semplice trasmissione di contenuti!

webinar finale

4. Assicurati di avere un forte avvio e un finale sorprendente

Spesso iniziamo con un’ottima enfasi, ma non pensiamo a dove vogliamo fare andare la presentazione, a come terminarla in modo efficace. Qualsiasi cosa tu voglia fare pianificala con largo anticipo.

Anche nei Webinar dobbiamo ricordarci di questo elemento:  aprire e chiudere in modo dinamico, creativo, sorprendente e coinvolgente! Dobbiamo presentare l’avvio dell’evento live in modo efficace e, allo stesso tempo, chiudere con passione ed entusiasmo, lasciando una splendida impressione.

 

5. Sii consapevole delle diverse sfumature del tuo linguaggio corporeo

Assicurati che il tuo linguaggio non-verbale sia coerente con il messaggio verbale, senza eccedere con la costruzione: non devi mai sembrare finto!

Nei Webinar la componente non verbale è abbastanza contenuta, e solitamente si limita al busto, al viso e alle mani. Più spesso, a seconda della webcam usata, al solo viso.

Però, anche l’espressione del viso è fondamentale ed è importante prestare molta attenzione a questa componente. Inoltre, attenzione al linguaggio para-verbale: tono, volume, ritmo, prosodia, accenti e dialetti fanno parte integrante della tua comunicazione durante un webinar.webinar e comportamento non verbale

 

6. Capisci quando usare l’ironia e l’umorismo

L’umorismo è rischioso, ma è anche disarmante. La chiave è conoscere il tuo pubblico.

Non c’è niente di più noioso di un webinar serio, greve, monotono. E’ la morte della comunicazione online. E tu vuoi render eil tuo Webinar vitale ed energico, forte e stimolante. L’umorismo, l’ironia, qualche battuta tra i conduttori e il coinvolgimento diretto dei partecipanti alleggeriscono l’atmosfera e favoriscono il coinvolgimento di tutti. Tu incluso!

usare umorismo in webinar

 

7. Includi dettagli visivi, uditivi e cenestesici

Le persone imparano in modo diverso, quindi se si includi tutti e tre i tipi di informazioni, aumenti la probabilità di entrare veramente in contatto con tutti i partecipanti.

Anche se non è facile, cerca di indirizzare ogni tua comunicazione a tutte e tre le tipologie di stili cognitivi, cercando di spiegare ogni punto in modo che ci siano diverse sfumature utili per ogni partecipante.

teatro

Come abbiamo scritto nel nostro post Il Webinar come uno Spettacolo di altissimo livello siamo fermamente convinti che un Webinar di qualità professionale debba muoversi su un livello effettivamente superiore: chi lo progetta deve sentirsi parte di uno spettacolo vero e proprio, di un insieme di eventi incastrati e ben congeniati per offrire al partecipante un’esperienza indimenticabile!

Questi sette consigli possono aiutarti in questa direzione. Da quale partirai?

Come favorire lo scambio tra i partecipanti di un webinar?

La domanda da cui parte questo post è fondamentale per chiunque voglia realizzare un Webinar Professionale: come posso fare interagire tra loro i partecipanti del mio Webinar? Come posso coinvolgere, attirare, divertire, formare, informare contemporaneamente più partecipanti?

117466963

Prima di tutto dobbiamo capire cosa accade in un webinar dal punto di vista psicologico e interattivo.

Discuteremo altrove la differenza tra interazione e collaborazione e concentriamoci per il momento sulle tre componenti fondamentali dello scambio in un Webinar:

  • Il lato organizzazione che include relatore, conduttore e staff
  • Il gruppo dei partecipanti
  • Il punto di incontro che viene dato dall’interazione tra tutte le parti coinvolte

Il gruppo all’interno di una sessione di webinar, come nella vita reale e in altri contesti online, è qualcosa di concettualmente diverso dalla somma delle sue parti; le interazioni tra tutte queste componenti e tra i suoi sotto gruppi sono una dimensione che va considerata con molta attenzione.

Aggiungiamo un tassello importante: anche se tutte le opzioni della piattaforma fossero sotto il controllo degli organizzatori, non è sempre possibile monitorare alcuni scambi, ovvero l’interazione esterna tra i partecipanti che possono, a seconda della configurazione:

  • Scambiare tra loro messaggi nella chat pubblica
  • Scambiare tra loro messaggi nella chat privata
  • Scambiare tra loro messaggi privati al di fuori della piattaforma
  • Scambiare messaggi fuori dal gruppo, fuori dalla piattaforma

155280654

Senza pretendere di avere il controllo su ogni comunicazione interna/esterna dei partecipanti al webinar, bisogna dare per scontato che le diverse proporzioni tra messaggi interni ed esterni, tra in-topic e off-topic (ovvero quanto è coerente con il tema e la discussione in tempo reale e quanto non lo è), tra scambio costruttivo e pertinente e rumore, dipendono da altrettanti elementi comuni.

 

Quando pensiamo all’interazione all’interno di un Webinar dobbiamo metterci di volta in volta nei panni di ognuna delle tre componenti che abbiamo individuato: relatore/docente, staff, partecipante!

E per ognuno di essi possiamo farci qualche domanda:

  • Cosa si aspetta da questo Webinar?
  • Quali obiettivi/risultati vuole raggiungere?
  • E’ interessato a interagire con gli altri?
  • Perchè vuole/non vuole interagire con gli altri?
  • Interagendo con gli altri partecipanti cosa può ottenere in più?