Articoli

Webinar efficace: I 9 (+1) errori più comuni di chi organizza un evento online

Come realizzare un Webinar Efficace, evitando gli errori più comuni?

Vuoi organizzare un Webinar efficace? C’è sempre una prima volta e si tratta sempre di un evento che può diventare indimenticabile, nel bene e nel male!

Se va tutto liscio, se realizziamo un webinar efficace, siamo stati fortunati o abbiamo fatto bene il nostro lavoro. Se tutto va male, vuol dire che non abbiamo considerato tutte le possibilità, o che siamo stati fortunati.

Solitamente quando vanno male cose, siamo sfortunati e quando vanno bene siamo bravi!

webinar efficaceVero? 😉

Per non lasciare nulla al caso e progettare un Webinar efficace con un ragionevole margine di sicurezza, dobbiamo farci prima di tutto una domanda: quali sono gli errori più comuni di chi si avvicina al mondo del Webinar e che possono portare conseguenze nefaste? E quanto sono potenzialmenti dannosi?

Abbiamo fatto un po’ di brain storming e abbiamo assegnato ad ognuna di esse un punteggio da 0 a 10, dove il punteggio massimo indica quanto può danneggiarti questa cosa.

Così, per il Tuo primo Webinar Efficace, sai come muoverti!

 

1. Prepararti poco, non abbastanza o per nulla

webinar efficaciLa mancanza di progettazione, preparazione e predisposizione di tutto ciò che riguarda il Webinar è l’errore più comune.

La maggior parte delle persone è convinta che saper presentare in pubblico (non importa se l’hanno fatto solo una volta al liceo!) sia condizione sufficiente per trasformarsi in Webinar Designer!

Nulla di più sbagliato! Il Webinar efficace segue regole tutte sue e nella sua specificità comunicativa rappresenta una modalità di comunicazione completamente originale che richiede studio, preparazione ed esperienza.

INDICE DI DANNO: 9 – Non gli diamo 10 solo perchè, sempre grazie alla tua impreparazione, potresti avere pochi partecipanti e, magari, nessuno dei presenti racconta in giro quanto sei andato male! Ma non puntare sulla fortuna!

 

2. Sottovalutare la Scaletta del tuo webinar efficace

Quando per la prima volta realizziamo un Webinar, è comune sperimentare quell’ansia “da prestazione” che ci porta a preparare una scaletta di contenuti degna di un’intera settimana di convention full time. In realtà, quando diventi esperto di un argomento, il problema è la selezione e la strutturazione di contenuti, che significa tagliare, togliere, eliminare, sostituire, piuttosto che aggiungere.

Preparare una scaletta efficace significa costruire un percorso accattivante e stimolante in cui vengono presentati una sequenza di contenuti utili per raggiungere gli obiettivi del Webinar Efficace. Rispettarla faciliterà il flusso dell’evento e ci aiuterà a tenere sotto controllo la variabile più complessa da tenere sotto controllo in un Webinar: il tempo.

Non dimentichiamoci, però, che la professionalità si vede anche nella capacità di stravolgere i piani, possibilmente raggiungendo un buon risultato!far eun webinar efficace

INDICE DI DANNO: 8Essere in ritardo, prolungare la presentazione o fare digressioni più o meno lunghe annoierà a morte i tuoi potenziali clienti, e quel fastidioso biiiiiiiip che senti potrebbe essere causato da qualcuno che si è addormentato sulla tastiera!

 

3. Non riflettere abbastanza sul tuo target

Fare una breve analisi del nostro target ci aiuterà a progettare il Webinar. Infatti, comprendere che esistono diversi livelli di conoscenza ci permetterà di mettere tutti nelle condizioni di seguire e di poter trarre vantaggio dall’esperienza.

Inoltre, strutturare un Webinar efficace e professionale rispondendo concretamente ai bisogni dei partecipanti darà valore al tempo che loro stanno spendendo per noi e, nel caso si tratti di un Webinar a pagamento, anche del valore economico del loro investimento.

Non sapere bene chi sono i partecipanti del nostro Webinar, d’altra parte, ci farà brancolare nel buio e ci metterà nelle condizioni di non sapere se stiamo dicendo “troppo” o “troppo poco”.

INDICE DI DANNO: 8 Nessuno pretende che tu conosca uno ad uno i partecipanti del Webinar, ma fornire una risposta concreta ai loro bisogni ti tornerà sicuramente utile! Usa le tecniche di progettazione che raccogliamo qui e nel nostro libro, e sarà tutto più semplice.

 

4. Sottovalutare la tecnologia

organizzare webinar efficaciLa tecnologia è un indispensabile alleato, ma può rappresentare un ostacolo insormontabile per la riuscita del tuo Webinar. Oltre ad aver scelto accuratamente la piattaforma (per qualche suggerimento leggi il nostro articolo “Il software per il Tuo Webinar: come scegliere la piattaforma“), è necessario assicurarsi che tutto funzioni alla perfezione: la webcam, il microfono, la presentazione che abbiamo preparato.

E se ci fosse qualche imprevisto tecnico, devi avere sempre a disposizione un piano B. Una foto statica da sostituire alle immagini della webcam, nel caso non dovesse funzionare il video; la mailing list dei partecipanti se si prevede un ritardo dovuto ad un imprevisto dell’ultimo minuto; un “ponte telefonico” con il conduttore del Webinar efficace che sostituisca la connessione, così in caso di problemi lui metterà in viva voce la vostra telefonata e voi potrete continuare la relazione.

INDICE DI DANNO: 7Hai controllato l’inquadratura della webcam prima dell’even… aspetta ma quello alle tue spalle non è mica un poster di Winnie the Pooh??? Oh! Nooooo!!! Troppo tardi!

 

5. Presentare come se non fossi online

Assicurarti che non ci siano interruzioni o problemi tecnici è senza dubbio un ottimo inizio, ma è fondamentale ricordarsi che il Webinar è online e che tutti i partecipanti ti guarderanno e ascolteranno.

Visto che è impossibile tagliare e montare la tua presentazione in diretta, ricordati perciò di spegnare il cellulare, chiedere ai tuoi colleghi o parenti di non disturbarti e di vestirti in modo adeguato, tutto questo darà un’immagine di te professionale e seria.

INDICE DI DANNO: 7 E’ inutile che metti la tua camicia migliore, se sotto indossi i pantaloni del pigiama: potresti aver bisogno di alzarti un attimo dalla sedia… e…

 

6. Non progettare la componente interattiva

fare webminar efficaceLa relazione che si instaura tra i partecipanti e tra questi e i relatori e conduttori è l’elemento fondamentale di un Webinar, perciò progettarla attentamente è un elemento di successo. Saper creare un clima sereno e coinvolgere i partecipanti attraverso approcci, soluzioni e strumenti diversificati è senza dubbio un obiettivo prioritario che vi assicurerà di lasciare una traccia nei partecipanti. Se riusciamo a fare si che le persone agiscano, intervengano e trovino nel Webinar uno spazio adatto per capire, apprendere e migliorare, siamo senza dubbio sulla buona strada.

Come facilitare l’interazione? Mica semplice…quattro gli ingredienti fondamentali:

  1. accoglienza multimediale
  2. condivisione di idee in grado di entusiasmare i partecipanti, attraverso aspetti visivi, cognitivi e interattivi
  3. feedback costruttivi in progress
  4. una sessione di domande e risposte

E se le cose vanno male? Ricordati che il lavoro di squadra fa la differenza ed è uno dei primi obiettivi che deve raggiungere il tuo Webinar Efficace! Relatore, conduttore, staff possono (e devono!!!) collaborare per uscire dall’empasse.

INDICE DI DANNO: 9 – Icebreaker, housekeeping, storytelling non sono parolacce, ma tecniche che dovresti conoscere e padroneggiare!

 

7. Presentare dimenticandosi dei partecipanti

Anche se non tutti usano le presentazioni per i loro Webinar, questo è senza dubbio uno strumento molto utile. Oltre ad evitare di inserire molti contenuti nelle slide, è auspicabile che non leggere ciò che hai riportato nella presentazione! Altrimenti, sarebbe stato sufficiente mettere le slide su Slideshare e linkarle al tuo pubblico!fare webinar efficaci

Inoltre, non dare per scontato che i partecipanti ti stiano seguendo nella presentazione o  nei contenuti che stai spiegando. Fai in  modo di regolare il “ritmo” del discorso sul target e assicurarti che tutti stiando “digerendo” ciò che dici. Infine, tieni sempre a mente che i partecipanti potrebbero voler fare delle domande, per questo sarà sufficiente ogni quarto d’ora chiedere se ci sono dubbi o richieste.

INDICE DI DANNO: 10 I tuoi partecipanti sono il bene più prezioso dell’intero Webinar efficace. Dimenticartene significa perdere il 99% dell’evento! E’ questo uno degli errori più gravi: coinvolgili tutti, interagisci, punzecchiali, giocaci, divertiti!

 

8. Non definire e sviluppare il Follow Up

Il follow up riguarda tutte le comunicazioni che avvengono dopo l’evento e fondamentalmente serve a ringraziare i partecipanti, fornire indicazioni e informazioni legate al dopo Webinar, ricevere feedback sull’evento, inviare il link della registrazione dell’evento oltre che materiale, risorse, link utili ai partecipanti e segnalare altri eventi simili.

Non sviluppare il follow up significa interrompere il flusso comunicativo con chi ha partecipato al vostro Webinar e, peggio, non progettarne uno adeguato può compromettere il lavoro svolto, facendovi perdere l’occasione di  rilanciare sul futuro!

INDICE DI DANNO: 7 Non perdere mai l’occasione di interagire con i tuoi partecipanti: se ti hanno dedicato del tempo è perchè meriti, e loro meritano qualcosa in cambio, anche dopo aver partecipato!

 

9. Ricordati che sei un essere umano!

webminar efficaciHai fatto pling! pling!? Ti sei procurato un bicchiere d’acqua? Hai staccato il telefono?

Ecco piccole cose che dimentichiamo ma che possono infastidirci durante un Webinar: pensa se ti scappa mentre stai presentando il punto chiave, quello che rappresenta la svolta del tuo Webinar efficace! Pensa se inizi a tossire per una qualsiasi ragione e non hai nemmeno un po’ d’acqua!

Evitare certi piccoli problemucci è abbastanza semplice!

INDICE DI DANNO: 3 – Non succede nulla se devi alzarti un secondo e scomparire. Se siete in più conduttori è anche più semplice. Ma previeni situazioni imbarazzanti, è sempre meglio! Ah! Evita il birrozzo stile partita! Non è professionale, almeno che tu non stia presentando proprio la birra!

 

Extra: non avere letto tutti i nostri post!sorpresa

E non solo! Al di là di quello che raccogliamo in WebinarPro (e nel nostro libro), documentarti su come funzionano i Webinar e come gestire un evento live in modo efficace è il primo passo per evitare errori, o almeno per imparare dagli errori altrui.

Documentati, studia, segui dei corsi (come i nostri) sperimenta e non improvvisare!

Mai!

 

 

 

Il software per il Tuo Webinar: come scegliere la piattaforma

Scegliere una piattaforma è solitamente il primo passo che si compie per avviare il proprio webinar.

 

le migliori piattaforme per webinar webconference webmeeting videoconferenze conferenze online

 

Ovviamente, senza una piattaforma online per webinar non potremmo realizzare un seminario online, ma siamo sicuri che partire dalla scelta della piattaforma sia il modo migliore di procedere? Forse stiamo sopravvalutando un po’ troppo il ruolo di questo, seppur importante, strumento…

Vuoi un esempio?

Prova a cercare su Google le parole chiave per esplorare quali sono i tool e le piattaforme più adatte per organizzare il tuo prossimo webinar.

Troverai decine e decine di pagine su quali sono i criteri per scegliere il software per la tua WebConference. Ad esempio, in un post che ha ormai qualche tempo, ma che rimane abbastanza valido, nel blog HongKiat.com vengono raccolti ben 18 diversi tool differenti che ti permettono di organizzare webmeeting, webconference, webinar di marketing e qualsiasi evento live di questo tipo. Te ne bastano 18? Sono davvero molti 18 servizi webinar!

Sei più esigente? Vuoi una rassegna delle 10 migliori piattaforme per Webinar e Webconference? Il sito TopTenReviews ti offre un’analisi completa e dettagliata dei dieci migliori strumenti del 2013.

Insomma, la piattaforma per un webinar può essere scelta agilmente, utilizzando degli ottimi siti che mostrano caratteristiche e specifici requisiti di ogni singolo strumento per webconference.

Come scegliere la piattaforma Webinar?

Come scegliere i servizi Webinar per realizzare una Videoconferenza o una riunione online?

Secondo noi, nell’approccio ideale bisognerebbe curarsi prima della progettazione e dell’organizzazione del webinar, con la relativa definizione delle attività, e solo in seconda battuta, ci si dovrebbe occupare della scelta della piattaforma che meglio risponde alle nostre esigenze.

software per videoconferenze webinar webmeeting conferenze onlineSolo una volta elaborata la struttura del webinar, si passerà alla scelta dello strumento più adatto. Tale scelta risulta spesso complessa, sia perché rispecchia la moltitudine di soluzioni offerte dal mercato, sia perché dobbiamo tener conto del budget a nostra disposizione.

Nella scelta più giusta per la piattaforma (come abbiamo anche indicato nel nostro libro Webinar Professionali) possiamo farci guidare da alcune considerazioni:

  1. Gli scopi e la struttura complessiva dell’evento – riflettere sulla tipologia di webinar che vogliamo realizzare può senza dubbio aiutarci. Di cosa ho bisogno per realizzare l’evento? Ho bisogno di una o più aule? Ho bisogno di registrare gli incontri? Queste domande dovrebbero aiutarci ad orientarci nella gamma di funzioni e strumenti disponibili.
  2. la dimensione dell’evento – quante persone penso di riuscire a coinvolgere? Questa variabile incide molto sul prezzo della piattaforma. Il nostro consiglio è partire con piattaforme in grado di ospitare 100-200 partecipanti e poi aumentare il numero.
  3. Il “contesto” in cui si svolge il webinar, ossia la possibilità di accedere ad un database di contatti potenzialmente interessati e alla possibilità di fornire un follow up (per approfondimenti si rimanda a questo – inserire link – articolo).
  4. Il supporto – essere consapevoli di possedere o meno le competenze necessarie ad organizzare e gestire un webinar può farci decidere di scegliere una piattaforma che fornisca assistenza dal provider della piattaforma.

E se proprio vuoi ancora entrare nel merito del confronto tra tutte le piattaforme e scegliere la migliore (noi abbiamo la nsotra personale opinione inmerito!), ti rimandiamo a un terzo sito, Online Meeting Tools Review: il sito confronta (e tiene aggiornata la lista!) oltre una trentina di servizi webinar online di diverso tipo fornendoti diversi criteri di scelta e molte opzioni per la valutazione.

E se vuoi spendere davvero poco per il Tuo Webinar!

Immagina di voler proporre un Webinar Free, un Webinar gratuito per promuovere un tuo servizio, un prodotto, un’idea o te stesso!Scopri come fare un webinar a meno di un euro per partecipante

Chiaramente vuoi spendere poco e cercare la piattaforma Webinar più economica e migliore!

Ecco! Ora puoi farlo!

Scegli la piattaforma, il numero di partecipanti e… scegli noi!

Il tuo Webinar può essere molto economico:

  • Acquisti solo il numero di Webinar o eventi dal vivo che vuoi realizzare
  • Pianifichi i tuoi eventi
  • Risparmi oltre il 70%

 

SCEGLIERE LA TUA PIATTAFORMA WEBINAR LOW COST E’ SEMPLICE

CLICCA QUI PER TROVARE LE OFFERTE PER WEBINAR E WEBMEETING

Usare la S.W.O.T. Analysis per i contenuti del tuo Webinar (e non solo per quelli)

Mai sentito parlare della S.W.O.T. Analysis?

Se leggi la pagina di Wikipedia sull’argomento (Analisi S.W.O.T.)ti viene subito da chiederti: ma cosa c’entra con i Webinar? Cerchiamo di capire come funziona e poi vediamo di applicarlo al webinar.

163526804

Il termine S.W.O.T. è l’acronimo di quattro diversi aspetti da analizzare di un fenomeno, di un problema, di una situazione:

  • Strengths (punti di forza)
  • Weaknesses (punti di debolezza)
  • Opportunities (opportunità)
  • Threats (pericoli)

Quello che viene a crearsi è una matrice due per due, in cui è possibile inserire tutte le nostre informazioni e idee.

Per ognuno di questi aspetti è possibile lavorare ad almeno due livelli, uno più superficiale, esplorando solo gli elementi principali di ogni dimensione oppure, ad un secondo livello, più in profondità, cercando per ogni voce i pro e i contri, gli aspetti più problematici e le eventuali soluzioni.

E quindi?

Come applicare l’Analisi S.W.O.T. alla progettazione di un Webinar?

Semplice, prima di tutto puoi analizzare la tua idea di lanciarti nel mondo dei Webinar con

analisi_per_webinarCosì come per altri aspetti esplorati in questo libro, la seconda analisi è indispensabile per chi si prepara al proprio primo webinar e, man mano che si fa esperienza e che le ore di presentazioni live si accumulano, ci si può spostare verso un’analisi più esplorativa e superficiale.

Nella preparazione di un webinar è possibile porsi per ognuna delle precedenti aree diverse domande ad almeno tre livelli, che ormai dovrebbero essere facilmente intuibili:

  • Contenuti
  • Processo
  • Relazione

Per quanto riguarda i contenuti, la parte più importante, presteremo attenzione a quanto stiamo per presentare, alle idee, ai concetti, alle argomentazioni, alle idee di supporto e alle garanzie che ci permettono di sostenere la nostra posizione. Per quanto riguarda il processo, l’analisi S.W.O.T. si concentra sulla sequenza di attività, sul percorso che porterà i nostri partecipanti dal venire a conoscenza del nostro webinar sino alla chiusura dello stesso e alle fasi successive dell’evento. Infine, per quanto riguarda la relazione con e tra i partecipanti, dovremo immaginare cosa potrà accadere prima, durante e dopo il webinar, concentrandoci sia sulle interazioni online in diretta, sia su quelle esterne.

Sembra molto lavoro, ma possiamo semplificarlo in qualche modo. Vediamo nello specifico per ognuna di queste dimensioni quali domande porci relativamente al nostro webinar: